Prove dei lettori

BMW R 1100 S 2001

Roberto Mlaman
(07 gennaio 2002)


Ciao a tutti, mi chiamo Roberto e vado in moto (tutto l'anno) da 14 anni. Da Marzo 2001 sono un felice possessore di una BMW R1100 S.
Perchè l'ho scelta?

Volevo una moto sportiva, ho avuto solo bicilindriche ma cercavo una moto comoda e polivalente. Premetto che per qualunque acquisto sono consueto valutare ogni più piccolo e apparentemente insignificante dettaglio.
Comunque oggi 07 gennaio, dopo poco più di 10 mesi e 12000 Km, posso tranquillamente dire di aver trovato quello che cercavo.

Parlo ora dei difetti perchè i pregi si scoprono solo guidandola...
Di certo un cruscotto più "moderno" o con perlomeno un livello carburante piuttosto di una banale spia, tralaltro invisibile contro sole, su un mezzo da 24.000.000 (accessori/optionals esclusi) non sarebbe stato male e forse qualche cavallo in più non avrebbe guastato.

Il limitatore che si inserisce a 8000/8200 giri è molto antipatico e forse qualche giro in più farebbe guadagnare maggiore fluidità ed elasticità nella guida sportiva.
Il freno posteriore dovrebbe essere un po' più morbido in quanto, nella guida da soli, la ruota posteriore tende a bloccarsi troppo presto in staccata.

Inspiegabilmente il silenziatore di sinistra macchia la targa e ho constatato che non è un difetto della mia, ma ho trovato corrispondenza di questo difettuccio anche in prove fatte da riviste specializzate. Anche la capacità di carico bagagli non è al top o comunque potrebbe essere migliorata.
Di contro l'assetto e la posizione di guida sono veramente ottimi, la protezione aerodinamica è più che sufficente, la scelta delle coperture è adeguata al mezzo anche nella guida al limite.

Poche le vibrazioni in marcia 'normale' e anche i consumi sono nella media. Il peso, che potrebbe spaventare, non costituisce un limite in marcia ma al contrario limita le manovre da fermo.

Il cambio a sei rapporti è preciso e privo di "impuntature", la frizione è altrettanto precisa e apprezzo molto l'adozione del comando idraulico. Di certo mi ha stupito che una bicilindrica di ben 1100 cc soffra un buco dai 2000 ai 4000 giri per prendere un improvviso e appagante vigore appena sopra i 4000 giri indicati. Forse un altro appunto va fatto alla verniciatura che se pur curata, è un po' troppo delicata.

Vasta la scelta degli accessori (i prezzi sono da capogiro) grazie al quale la R 1100 S diventa una moto su misura.
Concludo dicendo che dopo aver avuto moto giapponesi ed italiane penso rimarrò fedele alla casa bavarese per molti anzi moltissimi anni.

CIAO
Punteggio:
Link: Sito ufficiale della casa produttrice
Voti dei lettori: 100%     33.33%
Scrivi un commento
I commenti sono inseriti dai lettori, che se ne assumono la responsabilità
BMW R 1100 S 2001   
di honda800 del 10 maggio 2002
 se un progettista giapponese avesse creato un bicilindrico con un buco dai 2000 ai 4000 giri si sarebbe suicidato prima ancora di essere licenziato

BMW R 1100 S 2001   
di grossiw del 04 luglio 2002
 Ciao,

ho avuto per 3 anni la mitica 1100s ottima moto,
lo sporco sulla targa e'' la condensa del catalizzatore
sparisce in estate e ricompare d'' inverno.
Dopo aver cambiato frizione (rottura del paraolio del reggispinta
e il tamburo del cambio perche'' usciva la 6 sotto-coppia)
ho deciso di ri-comprare la MITICA Vfr, piu'' maneggevole inizia
ad andare quando la s e'' al limite, fa'' piu Km con un pieno
e prioritario non si e'' mai guastato niente.Good luck
Walter

BMW R 1100 S 2001   
di panda67 del 20 settembre 2002
 Ciao, sono anch''io un felice possessore della R1100S. Ci ho fatto ormai 40.000 km in giro per l''Europa, e spesso a palla, senza alcunissimo problema e ne sono compiutamente soddisfatto. Ai difettucci che hai elencato ne vorrei però aggiungere alcuni.
Per poter fare più km con un pieno rispetto alla VFR di Walter, alla S servirebbe solo un serbatoio più capiente e, appunto, un indicatore di livello o qualcosa in più della semplice spia che si accende consumato il 13° dei 18 litri che contiene: ti tocca far rifornimento solo per l''ansia! Dato poi che il mio usuale compagno di viaggio ha una VFR 800, posso asserire che la S beve qualcosa meno in qualsiasi condizione, anche al limite ed anche se arrivo sempre qualche minuto prima di lui... (strano che a Walter pareva non andasse la S rispetto alla VFR: hai provato a ruotare la manetta fino in fondo?). Certo i cavalli non bastano mai, ma la coppia della S ti permette cose egregie nel misto stretto, compreso il controllo della derapatina in uscita dai tornanti o dalle curve strette pur senza essere un gran manico.
La mia (pinze Brembo con pastiglie Braking) non è frenatissima, ma forse non ho ancora trovato le pastiglie giuste. Dicono sia meglio la pinza Evo.
Il peso è notevole ma a mio parere non toglie niente alla maneggevolezza, grazie anche anche al baricentro tutto sommato basso.
La trovo per contro molto ben caricabile: con le due valigione subito agganciate è un piacere partire e l''equilibrio della moto rimane inalterato. Il tutto senza i catafalchi posticci di cui occorre dotare la maggior parte delle jap.
E poi il carattere! Niente a che vedere con certi motori elettrici...
Se dovessi cambiarla ne prenderei una di pari fascino, con altrettanto equilibrio tra sportività e comodità di viaggio, con un motore dello stesso, forte carattere e con qualche cavallino in più.
Mi sa che aspetto la nuova S...

Ciao, ciao!

BMW R 1100 S 2001   
di grossiw del 06 dicembre 2002
 per panda :
Il tuo amico ha un vfr-800, io ho il v-tec che consuma
meno a parita'' di uso.
In pratica , con l'' S ogni 200km era un pieno con il
V-tec 300 (18 litri contro 22).
Per quanto riguarda la potenza a 8000 l'' s muore
il v-tec a 7000 ti da'' un calcio nel c...o fino a
11000.Tieni presente che dopo aver speso 24Mil ho rischiato
di spenderne 3 per riparare i guasti segnalati.
La manegevolezza non ha paragoni !!!! e la frenata di
emergenza non ti blocca la posteriore !
La S mi rimane nel cuore ma nella testa c''e il 4 a v.