Prove dei lettori

BMW K 1200 RS

Marco Feruglio
(30 ottobre 2001)


Vorrei dire la mia su una splendida moto. Già l'inizio promette bene e fa capire la mia soddisfazione. Ebbene si, la K1200 RS è proprio eccezionale, ma vediamo perché.

Aspetto
L'elegante linea sinuosa che parte dall'avantreno, decisamente imponente, finisce sul codino leggero e quasi sospeso sulla strada. La carena, sicuramente di effetto, protegge il pilota dalle spalle in giù (meglio se di taglia non troppo alta) e strano ma vero anche il passeggero risente molto meno le turbolenze rispetto ai precedenti modelli della serie K. Se poi viene applicato il parabrezza "comfort" il passeggero si gode appieno la passeggiata, anche se la velocità è sostenuta. Per qualcuno le linee così morbide sono troppo vicine agli stili "orientali", ma penso che molti BMW-isti abbiano apprezzato lo svecchiamento ed il lavoro degli stilisti BMW. Il nuovo modello 2001, a mio giudizio, è stato un po' appesantito con quel cupolino "posticcio" applicato, anche se gli specchietti retrovisori non ricordano più quelli del "CIAO" e sono più consoni all'immagine sportivo-turistica della moto.

Motore
Non c'è molto da dire su questo propulsore troppo presto messo in ombra.
La progressione è il suo forte tanto che sembra di avere una turbina che spinge spinge fino alla zona rossa. E' davvero emozionante sentire la costanza nell'erogazione di potenza in ogni situazione. Sul misto si ha sempre la sensazione di avere la marcia giusta per la curva, ed è una sensazione che viene puntualmente confermata alla curva successiva.
Sul bagnato non si rischia di avere potenza non richiesta e il motore risponde docile ad ogni variazione della manetta.
I consumi sono troppo soggettivi per citarli, ma vi posso dire che i 130 cv. disponibili non sono poi così assetati come ci si potrebbe immaginare. A titolo di esempio, su strada extraurbana misto pianura-montagna il consumo è stato di 17,5 km/lt: come commento mi sembra sufficiente.

Ciclistica ed Assetto
Gomme da 17" radiali (170 la posteriore con opzionale il 180), paralever, ABS, cosa di dire di più se non la bella sensazione di "moto piatta" in frenata? Infatti il sistema di sospensioni messo a punto dalla BMW riduce drasticamente il carico all'avantreno mantenendo un assetto sempre controllabile che coadiuvato dalla presenza dell'ABS rende le frenate molto sicure. Chi non ha mai provato la frenata con ABS continua a denigrarlo, chi come me, suo malgrado, lo deve ringraziare di avergli consentito di evitare in tutta sicurezza l'ostacolo improvviso, lo loda. Anzi per fortuna che c'era!

Comfort
La protezione offerta dalla carenatura, vista l'impostazione più sportiva che turistica, è decisamente buona anche per il passeggero. Le turbolenze sono avvertibili a livello di casco se si tiene il parabrezza in posizione bassa (per chi non lo sapesse è regolabile, come pure la sella, su due posizioni) mentre con il parabrezza optional più ampio ed in posizione rialzata, come per incanto anche il passeggero viene incluso in una campana protettiva. Solo in caso di piaggia intensa il pilota dovrà accettare di vedersi bagnare i gomiti e i guanti!
Molto migliorato il comfort generale della moto, in particolare per il passeggero che non è più soggetto a scivolate in avanti sul sellino (mia moglie lo conferma appieno), mentre per il pilota è prevista la già citata regolazione della sella a 770 e 800 mm da terra.
Il manubrio dal canto suo è regolabile su una cremagliera e per chi volesse più comfort sono disponibili i blocchetti più alti (sempre regolabili) che si applicano in una manciata di minuti.
Nelle manovre da fermo il peso della moto si fa sentire, anche se in maniera meno intensa rispetto ai modelli K del passato, forse la maniglia posta sotto la sella è posta troppo in basso ed è sicuramente migliorabile (provate a spostare la moto tenendola una mano sul manubrio ed una sui supporti delle borse laterali: è molto meglio). Invece, a sorpresa, la forza necessaria per "issarla" sul cavalletto centrale è minima(facevo molto più sforzo con il K75 S) merito dell'ottimale posizionamento dello stesso.
Per il resto basta entrare in autostrada ed andare fino a dove ti porta il cuore o meglio la passione.

Concludo dicendo che prima di questa moto acquistata nel 2001, ho viaggiato per 10 anni con un K75 S del 1987.
Punteggio:
Link: Sito Ufficiale BMW Italia
Voti dei lettori: 75%     25%
Scrivi un commento
I commenti sono inseriti dai lettori, che se ne assumono la responsabilità
BMW K 1200 RS   
di Anonimo del 10 dicembre 2001
 Se tu avessi viaggiato con un K100 RS 16V per 10 anni probabilmente non saresti così entusiasta della K1200RS
Secondo me dimensionalmente è stata progettata per un uomo con le braccia lunghe e le gambe corte, mentre il passeggero lamenta dolori al fondo schiena nella percorrenze a bassa velocità. La situazione migliora con la sella comfort, ma a che prezzo?
Ancora oggi la BMW ci obbliga a pagare qualcosa che molti altri danno di serie, e mi riferisco al cerchio posteriore da 5,5", per decidere se si vuole un assetto + turistico o sportivo.
Le velleità da mototurismo sono tarpate da un cupolino di serie che se lo alzi, cade a qualsiasi velocità affronti i giunti autostradali, mentre nella posizione bassa ti costringe a viaggiare a max 140Km/h.
Gli specchietti montati sul manubrio vanificano la bellezza della carena anteriore, dando la sensazione che ci sia stato un errore nella progettazione di quest''ultima e si sia corso ai ripari.
La borsa laterale sx si cuoce con la marmitta, e che dire dello spazio interno? Meglio non costruirla.
Tutti gli accessori della serie confort sembrano un triste tentativo di ridare alla k1200 la propria identità di moto da granturismo veloce.
Per ultimo la proverbiale affidabilità della BMW è andata a farsi benedire, come su gli altri modelli della serie R.
Dopo molti anni di utilizzo di moto BMW Io l''ho venduta ed adesso sono un felice possessore di moto dagli occhi a mandorla che mi asseconda su strada, non mi dissangua per la manutenzione e soprattutto posso farla "assistere" da chi voglio senza dover sottostare alla proverbiale cortesia e competenza delle officine auto/moto BMW.
Un lampeggio a tutti

BMW K 1200 RS   
di Boxerone1100 del 16 luglio 2002
 Temo che il commento inserito da "ANONIMO" sia quello di un motociclista che sul nuovo K1200 non sia mai salito.
Confermo l'' ottimo motore e la protettività anche per il passeggero.
Come comfort la moto non è assolutamente rigida e non spezza la schiena, anzi la posizione leggermente inclinata in avanti (posizione dei semimanubri regolabili) evita che il peso del troco gravi tutto sulla colonna lombare.
A velocità elevata tipo 180 KM orai la moto sembra piazzata su due binari e una volta impostata la curva la moto segue docilmente i comandi.
Da fermo la moto si rivela pesante ma una volta in movimento l'' ottoma ciclistica fà dimenticare i 285 Kg.
L'' unica cosa che rimpiango della mia vecchia RT1100 è la maggior maneggevolezza ,ma poi non più di tanto,sui toranti di montagna.

BMW K 1200 RS   
di rep del 15 novembre 2002
 Confermo! Anonimo non ha avuto molto a che fare con la K1200rs! Questa e'' la terza K che possiedo (k100, k1100rs 16V) e non posso che dirmi soddisfatto.
Sono italiano ma vivo in Svezie e il primo test con la tedescona l''ho fatto con 2500 km in 2 giorni per portarla fino a Stoccolma. Mi sono divertito un mondo nei curvono veloci della autobahn tedesca dove non si muove di un millimetro, e mi ha protetto dalla pioggia strabene. Confermo che la posizione leggermente inclinata in avanti e'' perfetta e se sono andato a capo nord con la 110rs con questa posso fare il giro del mondo. Il motore? Beh, se non ci vuoi andare in pista (allora non comprarla...) ti dara'' grandi soddisfazioni (io ci "gioco" in apertura per metterla di traverso..) e ce n''e'' sempre!
E'' la sport touring BMW, non chiedetele di essere nient''altro.
Affidabilissima.
lampeggi
Federico

BMW K 1200 RS   
di sasprite del 12 febbraio 2003
 indubbiamente la moto pesa molto,ma si è ripagati ampiamente dal motore(un 4 cilindri potente,silenzioso,anomalo per la prontezza, sembra un bicilindrico)dal cambio finalmente più che soddisfacente(sembra giapponese)praticamente esente da vibrazioni,dalla stabilità veramente buona in qualsiasi situazione non estrema....potrei continuare ad elencare ancora,il fatto è che spesso la scelta di una moto implica dei compromessi dolorosi(bisognerebbe poter avere la moto per la pista,la moto per il viaggio,la moto per le mulattiere ecc...)ma come unica moto è sfruttabilissima in molte situazioni!...purtroppo la bmw ha fatto l''errore di sostituirla al k1100rs mentre avrebbe dovuto affiancarla...sono 2 moto veramente diverse fra loro per 2 utenti altrettanto diversi.ciao sasprite