Prove dei lettori

Triumph Speed Triple 2002

Androo®6
(28 novembre 2002)


Eccovi la mia prova della celeberrima nuda di Hinckley nella sua ultima versione, la 2002, quella che tanto ha fatto storcere il naso con la sua linea che mutando ha perso parte del fascino e dei connotati tipicamente Triumph. E' vero, si sente la mancanza di alcuni dei vecchi tratti distintivi, ma la nuova Speed a me piace!
La posizione di guida è moderatamente comoda nonchè buona ai fini della guida sportiva, le pedane sono ben posizionate ed anche se non esasperatamente alte ed arretrate rendono istintiva la guida di corpo, il serbatoio è ben sagomato, solo i due montanti del telaio interferiscono leggermente con le ginocchia quando si assume una posizione raccolta.

In movimento: Efficace!, la mole (circa 200kg) si avverte leggermente solo da fermi e nei rapidi cambi di direzione mentre in inserimento la Speed si rivela davvero rapida oltre ogni aspettaviva. In pista emerge subito la radice sportiva di questa moto: molto stabile nei curvoni veloci, agile e dotata di una ottima frenata, la sensazione è quella di avere sempre tutto sotto controllo (ricordo che purtoppo non ho se penso alla mia ,pur veloce, ex Hornet 600). Su strada invece l'assetto risulta piuttosto rigido per una naked, direi che le sospensioni lavorano bene fino a quando sotto le ruote scorre asfalto perfettamente liscio, sullo sconnesso invece il comportamento è migliorabile e la forcella si rivela poco dotata in fatto di scorrevolezza e capacità di filtrare le piccole asperità in rapida successione.

Il motore è certamente l'elemento di maggior pregio: estremamente gratificante nella fascia di utilizzo tipicamente stradale (diciamo i medi regimi) in pista si è mostrato generoso anche quando strapazzato nonostante il mio entusiasmo sia stato più volte smorzato dal limitatore, che si fa sentire forse troppo presto, verso i 10.000 giri, quando sembra ce ne sia ancora...
Assolutamente gasante la tonalità di scarico già nella ovattata configurazione standard.

Dunque tutto rose e fiori? Ebbene no, il cambio merita qualche critica: gli innesti non avvengono facilmente: le manovre vanno eseguite con cura e decisione, il tutto a scapito della rapidità, dunque l'eccellenza sotto questo punto di vista è ancora distante.

In sinstesi: La Speed è divertente, molto divertente da guidare e da guardare, si perchè è strabordante di personalità, tanto da ferma quanto in movimento.

Punteggio:
Voti dei lettori: 100%     0%
Scrivi un commento
I commenti sono inseriti dai lettori, che se ne assumono la responsabilità
Triumph Speed Triple 2002   
di stormbringer del 04 dicembre 2002
 non do 10 alla nuova triple per il già citato codone...ma è un problema ovviabile...visto su bielle roventi come ci sta quello della f4???
si tratta comunque di un gran bel mezzo, con personalità a fiumi e un sound bellissimo.
complimenti!