Prove dei lettori

Yamaha R1 2002

Massimo Calvi (un Gabbiano)
(05 aprile 2002)


Dopo avere terminato il pallosissimo rodaggio di rito, espongo qui le mie personalissime considerazioni, tenendo presente che sono sceso da una Kawasaki Ninja 900 e che non ho mai guidato in vita mia una Yamaha. Appena avro' piu' tempo a disposizione per rifare la mia home page, mettero' su qualche foto!

COM'E' SUL CAVALLETTO?

Niente di piu' soggettivo naturalmente, ma a me l'R1 ha sempre fatto sbavare fin dalla sua primissima incarnazione, ma vedendo il modesto restyling devo notare che molti particolari sono stati migliorati ed estremizzati, soprattutto il bellissimo codone dalla linea sfuggente e tagliente, fenomenale poi il fanalino a led sempre ben visibile in qualsiasi condizione d'utilizzo. La carena (colorata di blu nel mio caso) ispira molta aggressivita' ma anche una certa eleganza che prima non avevo riscontrato, sembra comunicare la voglia di aggredire l'aria e fenderla come un coltello affilatissimo, ma al contempo si dimostra vestita pronta per uscire in souplesse alla sera, roba da rimanere a bocca aperta.

Non parliamo poi di quella scultura affascinante che e' il telaio, con quella colorazione nera che all' inizio lascia un po' perplessi, specialmente guardandolo in foto, poi pero' si nota come la moto acquisti maggior compattezza generale e grinta, mi sembra inoltre verniciato molto bene, anche il forcellone, con uno spesso strato di vernice opaca che pero' necessita di essere pulito piu' spesso altrimenti si nota subito il depositarsi di polvere e sporco, e le ditate dei curiosi naturalmente ! ;)

Incredibile quanto siano leggere le plastiche, sembra di tenere in mano un pezzo di velina, per cui la fragilita' che ne deriva ve la lascio immaginare, maneggiare con cautela e' l'imperativo. Ottimo l'accoppiamento e il fissaggio, in alcuni punti a sgancio rapido! Tolto il "vestito" sono rimasto per la prima volta colpito dalla cablatura dell'impianto elettrico, davvero ordinato rispetto a quello di molte concorrenti e molto intuitivo nel capire la funzione del singolo collegamento, il che non e' poco; anche l'interno del cupolino, osservandolo stando in sella, sembra quello di una sport-touring tanto e' semplice ed ordinato, e poi dominato da una compattissima e tecnologica strumentazione che necessita l'uso del libretto per essere programmata, un po' pallosa quindi perche' non immediata nell' uso, ma cmq ben leggibile e chiara, con l' illuminazione notturna regolabile su 6 livelli a seconda dei gusti e le spie di servizio anch'esse a diodi led, piccole e carine!

Mi sembra solo "di scena" il display che segnala il fuorigiri, perche' in strada sinceramente non mi sembra il caso di distrarsi a guardare il cruscotto mentre si sta spingendo forte! Attualmente sto installando le solite freccettine e specchiettini piu' piccoli, le solite cazzate insomma, ma devo ammettere che a parte gli specchi, le frecce originali sono davvero carine e sottili rispetto sempre alla produzione di serie delle concorrenti, ma ancora non ci siamo, sembrano sempre li solo perche' lo prevede la legge, chissa' quali sforzi sono necessari per farne di piu' piccole e comunque generalmente diverse dai soliti canoni? Mah...

COM'E' SU STRADA?

Intuitiva, questa e' la mia risposta a quanti m' hanno chiesto come mi trovo a guidare una belva da 150 cv ma leggera come una 600! Per prima cosa l' avviamento e' prontissimo, giri la chiave e l' iniezione si prepara col classico sibilo, l' elettronica si predispone all' accensione, contatto e... mamma mia, mai visto una moto che si avvia quasi col pensiero, una sola pressione sullo start e il motore si posiziona istantaneamente a 1500/2000 giri circa, ronfando da subito molto regolare, sembra quasi di sentire un motore elettrico da quanto gira con tanta regolarita'!

La prima cosa che ho notato una volta in movimento e' la sensazione di averla sempre guidata, si lascia condurre senza timori, e' facile, e' maneggevole, e' intuitiva, ci vai a spasso come se fosse meno di una 600 pur consapevole del fatto di avere a disposizione una montagna di esplosivo pronto a fare BUM al comando del polso destro. E finalmente ho capito cosa significa impennare a 4000 giri... raga, non aprite la manetta in prima se non con il guanto di velluto se non volete ritrovarvi a candela nel giro di un secondo, e sottolineo UN SECONDO perche' non e' un modo di dire, io pensavo fosse una leggenda metropolitana, invece le R1 si alzano davvero con tanta cattiveria da lasciarti confuso, almeno per le prime volte, e se non s'impenna allora sgomma di brutto come se il posteriore scivolasse su una lastra di ghiaccio, notevole!

E' una moto dal potenziale altissimo, dovrei andarci in pista per conoscerne i limiti elevatissimi, ma gia' in strada ci si accorge di quanto forte si viaggia senza accorgesene, la progressione del motore ha dell' incredibile a qualsiasi marcia, non importa qual e' il rapporto inserito, anche in 6a si tende a verificare se per caso esista una settima marcia, per cui invece della spia del fuorigiri avrei trovato piu' utile un indicatore numerico del rapporto inserito ! ;-p

Il cambio non e' poi cosi' schifoso come sentivo dire, certo e' molto rumoroso rispetto a quello del Ninja 900, ma tutto sommato non mi dispiace cosi' com'e', solo in scalata e' davvero fastidioso sentire quel "ciok", ma pazienza!

Tanta robusta erogazione e' supportata benissimo da una ciclistica che gia' in configurazione standard va piu' che bene, la moto segue perfettamente le decisioni del pilota, anzi tende ad aggredire il centro curva come se gia' sapesse dove deve andare a curvare, e lo vuole fare molto presto. Agile e svelta come un felino, richiede un minimo di motore per tenerla sul binario giusto, e piu' si piega piu' lei gira svelata per permetterti di aprire il gas il prima possibile.

Per ora ho solo frenato un po' l' estensione della forcella, uno o due clik non ricordo, ma penso a breve di intervenire sul precario del posteriore dato il mio peso ridotto all' osso, sono nemmeno 65 kg. Purtoppo ritengo che le gomme Dunlop di primo equipaggiamento, le D208, non siano molto redditizie su una moto del genere, sono sincere nel senso che tengono bene in piega, ma per una guida al limite si sente che fanno fatica ad assecondare la cavalleria, per fortuna che se mollano lo fanno molto progressivamente, per cui e' consigliabile non essere troppo cattivi nelle accelerazioni fuori di curva, quando si apre il retrotreno tende a derapare ed e' facile sentirsi il McCoy dei poveri ! :)

Maledetto poi l'effetto autoraddrizzante in caso di frenate d'emergenza a moto ancora inclinata... non vedo l'ora di testarla con pneumatici piu' racing... Rennsport naturalmente, le mie preferite! Sentire poi l'avantreno pelare leggermente l'asfalto in uscita di curva e' un piacere sincero, nel senso che molti criticarono l' R1 per il suo nervosismo che scomponeva la ciclistica, questa versione invece sembra non intimorire il pilota nella guida d'attacco, anche se comunque la sensazione di leggerezza rimane. Solo un asfalto ondulato o corrugato puo' provocare qualche leggero sbacchettamento che si risolve dosando bene il gas, o caricando un po' di piu' col corpo l' avantreno, oppure si spalanca la manetta e basta, ma solo se non si ha paura del decollo dell' avantreno!

Un dubbio adesso... Nonostante il concessionario mi abbia assicurato che il motore va bene così, io sono dell' idea che il "rumore" che sento ai bassi regimi, sotto i 4000 intendo, non sia del tutto normale, e' come se la moto andasse a un ciclindro in meno, gira molto ruvido, ma così non e' ovviamente perche' all' apertura del gas l'erogazione non ha incertezze, spinge bene ma sembra un pompone, il che mi turba non poco (!), tant'e' che sto aspettando di incontrare qualcuno con la mia stessa R1 e magari provarla per togliermi ogni dubbio! E' probabile che sia un difetto congenito della trasmissione finale non perfettamente a punto...

Su una moto del genere la protezione aerodinamica e la postura in sella che spinge il pilota verso i semimanubri simboleggiano alla grande la vocazione di sportiva purosangue senza compromessi, ed infatti dopo 300 km fatti in maniera parecchio sportiva in Val Trebbia ieri mattina i dolori alle articolazioni e al collo si sono fatti sentire... ma io me ne fotto perche' con l'R1 non ci devo fare proprio turismo, vi pare ?! :-p

In definitiva sono parecchio soddisfatto della scelta e l'attesa di oltre 5 mesi non e' stata vana, le soddisfazioni che sto ricevendo ripagano in pieno la crisi di nervi che stavo subendo!!! :)))

Dimenticavo i consumi, ieri nonostante una guida mooolto aggressiva, sono riuscito a fare 200 km con 14 litri di benzina, mentre la riserva ne tiene solo 3... in automatico il cruscotto inizia a conteggiare quanti km si fanno dall 'accensione della spia di riserva, forse cosa da poco ma tutto sommato utile per sapersi orientare quando e' davvero il caso di fermarsi dal distributore a fare il pieno di V-Power!

DIFETTI

Perche'... una moto del genere ha difetti ?! ;-p

Punteggio:
Link: Il sito ufficiale italiano della casa madre
Voti dei lettori: 92.31%     15.38%
Scrivi un commento
I commenti sono inseriti dai lettori, che se ne assumono la responsabilità
Yamaha R1 2002   
di marard del 09 maggio 2002
 Vi dico la mia: avevo il mod 2000 e nessuna moto mi a regalato le sensazioni di questa, il motore era veramente esplosivo uso la moto spesso in pista ( mugello imola misano varano) e le soddisfazioni che mi sono tolto con questa moto ......... nonostante sospensioni non propio "racing" il motore mascherava tutto mettevi 2 marce in piu e via come una fionda a limare carene carter pedane cavalletto..... e ora veniamo alla nuova, dopo 6 mesi di attesa mi divido dalla mia beneamata2000 per passare alla 2002. allora ciclistica, sicuramente va piu forte, ferma in staccata,(la vecchia andava da tutte le parti e vi assicuro che tenere la ruota posteriore attaccata alla sfalto era praticamente impossibile)ferma a centro curva e sospensioni "decenti" sensibili alle regolazioni manca sempre un po di freni ma non si può avere tutto....... il difetto se si puo definire tale è che mi sembra un po asettica precisa docile quasi perfetta...... è venuto a mancare il divertimento puro del vecchio modello fatto di sbachettate furiose impennate virgle sull asfalto ecc ecc ma il progresso si sa.....ora veniamo alle note dolenti, il motore che delusione in due parole vuoto vuoto vuoto ai medi bassi regimi praticamente è venuto a mancare il bello dell r1,m a qualsiasi regime aprivi e via come una fionda, il nuovo ha sicuramente più allungo e agli alti regimi spinge forte ma per quei 7/800 giri in più di cui si sentiva il bisogno in due o tre situazioni non di più (ne ho sentito il bisogno solo tra le due arrabbiate) valeva la pena di stravolgere tutto? adesso non so se è la mia che è piantata ma vi assicuro che rimpiango la vecchia non poco, adesso mi dicono(concessionario) che il cat è difettoso la valvola è da regolare ecc ecc sarà... c''è qualcuno che puo fare il confronto tra la vecchia e la nuova e dirmi se è veramente cosi o sono io sfortunato?? ciao as tutti

Yamaha R1 2002   
di alessandro31 del 10 maggio 2002
 grazie per i vostri commenti, io ho la sorellina (anno 2000) ma per me la regina ogni hanno è sempre più bella!!!!
l''unica pecca: questi 1000 costano davvero troppo!!!!! (almeno per le mie possibilità).

.... i più sentiti complimenti per l''acquisto!!!!

ciao ciao
Alessandro#31

ps. ci vediamo tutti al Yamaha fest ''02

Yamaha R1 2002   
di bogia72 del 11 maggio 2002
 Anch''io come te da 2 mesi ho la nuova R1 2002 ma stai attento quando fai una mega staccata perchè si ribalta in mezzo secondo e ti ritrovi all''ospedale demolito e con 18milioni di danni!
cmq e una gran moto!!

Yamaha R1 2002   
di murin del 11 maggio 2002
 Bellissima!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Yamaha R1 2002   
di superuao del 12 maggio 2002
 Che culo almeno a voi è già arrivata, io la sto ancora aspettando, è colpa mia se piove tanto perchè sto facendo la danza della pioggia!!!!
Al solo leggere i vostri articoli mi fa sbavare e mi viene la sciallorrea anzi fibrillo.
Quando mi arriva (mi hanno detto a giorni)vi dico.
Ciao

Yamaha R1 2002   
di bibo del 13 maggio 2002
 Io avevo il modello 2000, esteticamente superiore, ciclisticamente inferiore e di motore mille volte migliore! Cos''hanno fatto?!?! La ciclistica in qualche modo si sistema ma le sensazioni che dava il modello 2000/2001 erano insostituibili!!!!
Intanto ho preso il gsx 1000 vedremo se risistemano un po'' questo modello ridando almeno un po'' del vigore che era presente nel vecchio motore! Una delusione!
Ciao www.scapollo.com

Yamaha R1 2002   
di stakar del 13 maggio 2002
 Sono il felice possessore da una settimana di una R1 2002 blu, l''ho cambiata con una GSX-R 750 del 2000, che non era di certo una gran turismo. Questa R1 è veramente uno sballo, mi sembra di averla sempre guidata, è istintiva, leggera, praticamente curva da sola...è veramente il massimo!
stakar

Yamaha R1 2002   
di alessandrolone del 14 maggio 2002
 Io sono in possesso della R1 2002 da circa due settimane e penso che alla Yamaha quest''anno abbiano fatto davvero un gran lavoro... Sono riusciti a trasformare la gia straordinaria R1 2001 in una vera e propria macchina da corsa.
Si, forse la terribile cattiveria della vecchia belva sembra essersi calmata ma è solo una impressione: questa R1 fa davvero tanta strada più della vecchia, ha solo il "difetto" di essere talmente progressiva e corposa da spingere con veemenza a tutti i regimi a differenza della vecchia che invece dava il terribile "calcio nel sedere" a 7500 giri che ti impennava terribilmente quasi con tutte le marce...
Questa è vero che sembrerà più docile ma vi assicuro che si farà dominare molto di più della precedente che invece ti faceva capire sempre che più di tanto non potevi spingerti altrimenti LEI ti faceva "scendere" senza troppa riverenza.
La 2002 va scoperta un pò alla volta ma da quello che percepisco in pista regalerà sensazioni che la vecchia non potrebbe mai dare...
In breve con la nuova belva è d''obbligo andare fortissimooooooooo...


Yamaha R1 2002   
di okmarco del 16 maggio 2002
 io avevo la versione 2000 e devo dire che... inutile.. .era migliore da tanti punti di vista! Solo esteticamente (come forma, non come colorazioni) questa e'' superiore! Manca un po'' di motore ai bassi... e la tanto famosa botta di potenza del vecchio modello l''ho sempre considerata un pregio e non un difetto. Cmq in allungo e'' migliorata e mi sembra sia aumentata la tendenza all''impennamento. Anche il cambio e'' piu'' preciso e fluido nell''inserimento... pero'' quanto era cattiva la versione 2000... un po'' la rimpiango...

Yamaha R1 2002   
di Aleandro75 del 04 luglio 2002
 Grandiosa..!!

Ho aspettato per 2 Mesi "The One", ho scelto il colore classico (bianco/rossa) che sembrerà forse un pò banale.. ma cacchio quant''è sportiva..!!

Vi confesso che passando da un Kawa 750 (modello 89.. si si quello con i tubi a vista sul serbatoio, i maniaci della sbk come me se la ricorderanno sicuramente) alla R1 il balzo è notevole, come entrare nel Fight Club.

Attualmente ho fatto 1.900Km e ho iniziato a fare mente locale sul potenziale che mi tengo tra le gambe.. (dai.. non fate i maliziosi..!!) devo dire che mi ha impressionato moltissimo, ma non solo per i suoi 152cv, ho notato subito, fin dalle prime curve, che la moto dà una grande confidenza, come se fosse una vecchia conoscenza. L''ingresso in curva è molto agressivo e in centro curva si sente subito l''assetto molto stabile. Impostata la curva segue fedele la traiettoria. (Ho notato che forse tende ad allargare in uscita.. ma rendendomi conto di non essere Troy Bayliss penso dipenda da me..!!)

Potrei parlavi per ore di questa grandiosa moto.. ho sentito anche delle critiche alla versione 2002, tipo.. "sono uscite con il telaio storto" "hanno solo 100cv e non 152" ma vi assicuro che per quanto mi riguarda sono BALLE.. magari inventate da gente invidiosa.

L''unica modifica che per ora penso di fare.. è cambiare lo scarico.. ragazzi non so a voi.. ma a me piace sentire il rumore della mia nuova "belva".

Voto..?? 10 naturalmente e chi l''ha provata non può che essere d''accordo..!!


Yamaha R1 2002   
di pizzotto del 16 ottobre 2002
 R1 SEI LA MIA RAGAZZA NON MI TRADIRAI MAI

Yamaha R1 2002   
di Rexxx del 22 gennaio 2003
 E'' un MISSILE!!!! Sicuramente migliore dei modelli che l''hanno preceduta dai quali cmq non si discosta molto come linea!!

Yamaha R1 2002   
di heavykid del 18 maggio 2005
 ho appena messo in vendita la mia belva 2002, ...perchè non la uso come vorrei, quindi vada al miglior offerente, che se la stragoda, con quello che ha sotto..e sopra, al prezzo che ho indicato...me la ricomprerei io. se solo avessi un po''piu'' di tempo

il rumore con l''akra è bestiale, ovviamente c''è tutto il suo kit originale, ma per l''appassionato è già pronta per gli occhi, per il cuore, e..... per la pista (almeno ne avesse fatta un po''...niente !!!)


in strada fa paura, con amm.di sterzo e la corona a 52 denti
è impendibile, le sensazioni sono di una moto stabile, anzi di una bestia addomesticata che se vuoi la svegli, altrimenti sonnecchia beatamente

non è fatta per andare in 2, anche se c''è il sellino e le pedane posteriori..il vs zainetto vi meledirebbe

il godimento è puramente personale!!!per chi se le comprerà

lampi a tutti



Yamaha R1 2002   
di heavykid del 18 maggio 2005
 ho appena messo in vendita la mia belva 2002, ...perchè non la uso come vorrei, quindi vada al miglior offerente, che se la stragoda, con quello che ha sotto..e sopra, al prezzo che ho indicato...me la ricomprerei io. se solo avessi un po''piu'' di tempo

il rumore con l''akra è bestiale, ovviamente c''è tutto il suo kit originale, ma per l''appassionato è già pronta per gli occhi, per il cuore, e..... per la pista (almeno ne avesse fatta un po''...niente !!!)


in strada fa paura, con amm.di sterzo e la corona a 52 denti
è impendibile, le sensazioni sono di una moto stabile, anzi di una bestia addomesticata che se vuoi la svegli, altrimenti sonnecchia beatamente

non è fatta per andare in 2, anche se c''è il sellino e le pedane posteriori..il vs zainetto vi meledirebbe

il godimento è puramente personale!!!per chi se le comprerà

lampi a tutti