Desmo story: una "personale" al museo Valle dell'Idice

di Redazione MotoCorse.com

Desmo story: una

Il “cuore” Ducati, il mitico sistema desmodromico che caratterizza da sempre le “Rosse di Borgo Panigale”, avrà un ruolo importante nella mostra interamente dedicata al Desmo, in programma il primo fine settimana di ogni mese, dal 28 aprile fino a novembre, presso il Museo “Valle dell’Idice” a Prunaro di Budrio (Bologna), sede della Fondazione Cervellati. Per la prima volta una mostra viene dedicata interamente a questo originale ed efficace sistema, che vede proprio nella casa motociclistica bolognese, il principale fruitore ed artefice della sua grande popolarità.

Il sistema Desmodromico provvede ad assicurare il ritorno della valvola alla posizione originale dopo la sua apertura. Un movimento controllato abitualmente da molle di richiamo che, specialmente ad altissime velocità di rotazione, non riescono ad assicurare un risultato ottimale. Il sistema Desmodromico sostituisce le molle riducendo praticamente a zero la potenza assorbita ed eliminando i problemi di sfarfallamento ad alti regimi, con un deciso miglioramento delle prestazioni e dell’affidabilità.

 
Nonostante sia stato scritto moltissimo sul sistema Desmodromico, che l’ingegner Fabio Taglioni, a partire dal 1956, ha saputo sviluppare con grande maestria in Ducati, non era mai stata realizzata una mostra interamente dedicata a questa soluzione tecnica, sicuramente tra le più ardite e redditizie per motori a scoppio destinati a veicoli a due e quattro ruote. La storia Ducati è caratterizzata da questa importante soluzione meccanica, che rappresenta anche il carattere distintivo delle moto “made in Borgo Panigale”, ulteriore motivo di orgoglio per questo marchio italiano, icona nel mondo motociclistico.
 
La mostra offre al visitatore la raccolta di brevetti e modelli eseguiti con grande professionalità dal tecnico olandese Henk Cloosterman, disegni tecnici e molto altro materiale fornito da privati e dai marchi più prestigiosi del panorama motoristico mondiale, tra i quali: BMW, Ducati, Ferrari, Fiat, Honda, Maserati, Mercedes, Peugeot, Osca, Scarab e Toyota. Moto e componenti meccaniche che hanno fatto la storia della Ducati verranno esposte insieme a tanti altri interessantissimi ed esclusivi reperti, corredati da schede, informazioni, foto e filmati storici.  Nelle sale del Museo di Prunaro saranno esposte documentazioni tecniche inedite, fra cui una raccolta di più di 850 brevetti e numerose tesi sul sistema Desmo e parti meccaniche appositamente realizzate di moto e auto di vari marchi internazionali. Inoltre, saranno esposti ed illustrati, con ricco materiale didattico, i progressi fatti in oltre un secolo di ricerche sul Desmo in varie parti del mondo e in contesti molto diversi tra loro per quanto riguarda cultura e sistemi produttivi.
 
La mostra sarà aperta dal 28 aprile il primo fine settimana di ogni mese fino a novembre 2012, ad esclusione dei mesi di luglio ed agosto. Maggiori informazioni sul sito del museo.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Week Test Lambretta LN 125: fascino d’altri tempi

Week Test Lambretta LN 125: fascino d’altri tempi
in Prove moto

BMW S1000RR: dalla Stock alla strada

BMW S1000RR: dalla Stock alla strada
in Prove moto

Ma schierarsi è davvero necessario?

Ma schierarsi è davvero necessario?
in Derapatamente vostro