Cambio automatico ed ellisse di aderenza

di Carlo "Guerra" Martini

Cambio automatico ed ellisse di aderenza

Quasi tutti gli scooter sul mercato hanno un cambio di velocità con variatore a cinghia trapezoidale. I sistemi di trasmissione automatica del moto dal motore alla ruota stanno prendendo piede anche sulle moto tradizionali a ruota alta, ed alcuni modelli italiani e nipponici, ad esempio l'Aprilia Mana, la Honda DN-01, la VFR e la nuova NC offrono diverse soluzioni tecniche, con un denominatore comune: l'assenza della leva della frizione e la facoltà per il pilota di viaggiare impostando la velocità tramite la sola manopola dell'acceleratore. Si delega quindi ad un automatismo la possibilità di decidere in ogni momento il rapporto di trasmissione ritenuto più adatto, sulla base di logiche differenti da modello a modello.

Rispetto ad un cambio tradizionale a pedale, ci sono tangibili vantaggi in termini di facilità di guida. Affrancato dalla necessità di azionare continuamente leve con la mano e con il piede sinistro, il pilota non rischia ingloriosi spegnimenti del mezzo alla partenza ed inoltre può concentrarsi maggiormente sul traffico e sulla strada.

Esistono in realtà numerosi oggettivi motivi per apprezzare i cambi automatici.

Pur trascurando la naturale ed irrazionale ritrosìa per tutto ciò che è nuovo e che stravolge consolidate abitudini, il motociclista ha però almeno un'ottima, scientifica ragione per essere perplesso.

Questa ragione si chiama "ellisse di aderenza".

Si tratta della schematizzazione di un fenomeno legato alla dinamica del pneumatico, che può essere tradotto in un'esperienza tangibile da molti utenti delle due ruote, in particolare quelle più potenti.

Pensiamo alla ruota posteriore di una motocicletta: le forze scambiate con l'asfalto in accelerazione, in frenata ed in curva sono funzione dell'aderenza longitudinale e dell'aderenza trasversale del pneumatico. Ebbene, quando entra in gioco l'aderenza longitudinale, l'aderenza trasversale si riduce di conseguenza, con l'andamento ellittico rappresentato in figura. In parole povere, se la ruota posteriore inizia a strisciare in frenata od in accelerazione, la moto può sbandare perché la componente di aderenza trasversale si annulla.

Per restituire aderenza trasversale, il pilota deve premere a fondo la frizione, sia in caso di sbandata dovuta ad un'accelerazione troppo impetuosa rispetto a quanto consentito dalle condizioni dell'asfalto, sia nel caso che l'azione del freno motore sia eccessiva.

Quindi, se durante la marcia a media velocità incappiamo in una lastra di ghiaccio oppure in una macchia d'olio, le nostre speranze di rimanere in piedi aumentano molto se non tocchiamo i freni e schiacciamo immediatamente la frizione. In questo modo il pneumatico posteriore, privato dell'incombenza di accelerare o frenare la moto, può offrire la massima aderenza trasversale possibile, come mostrato dall'ellisse. Con un cambio automatico, anche se abbinato al controllo di trazione, il motociclista non ha invece la possibilità di liberare a piacimento la ruota dall'azione del motore. In condizioni estreme, in particolare nella guida veloce su asfalto viscido, questo può fare la differenza. Merita pensarci, prima di decidere se liberarsi o meno delle care, vecchie, tradizionali leve sinistre.

comments powered by Disqus

Altri commenti

sfilaccio

Le osservazioni sono condivisibili, ma il "trucco" di tirare la frizione (istantaneamente) onde evitare pericolose derapate su tratti ghiacciati, con chiazze d'olio, ma anche solo su strada bagnata a prevenire una scivolata è roba che può riuscire solo a fior di campioni, a mio modesto parere.
Dal canto mio, posso dire l'Aprilia Mana, grazie alla sua trasmissione ibrida cinghia-variatore motorizzato+catena finale consente di salire o scendere di marcia a gas spalancato anche in curva, modalità alla quale ci si abitua presto... cosa che con altre moto, comprese le Honda a cambio semiautomatico può provocare pericolose perdite di assetto e rischio di caduta.

Inserito: 24 gennaio 2012
menix

Bell'articolo non c'è che dire. La scienza, matematica, fisica...difficilmente sbagliano....a tavolino, in una stanza, con tanto di calcolatore e software dedicati...peccato che non sia possibile in questo clima asettico tenere in considerazione il fattore umano ovvero il pilota, il suo stile di guida, la sua esperienza come la sua prudenza o spericolatezza.
Ghiaccio??? e chi corre?? se imprevisto ci se ne accorge quando si è sopra così come la chiazza d'olio e automatica o no...è più probabile che chiunque se non è capace di controllare l'istinto prema il freno piuttosto che la frizione...la stessa frizione che se si conoscessero i prodotti di cui si parla, come ad esempio l'Aprilia 850 Mana..sotto i 30 kmh la stessa funzione è automatica...NB anche con la 3 modalità di mappatura disponibile RAIN...che caso vuole sia fatta proprio per fondi scivolosi...Parlando poi di Aderenza, Sicurezza e vi sembrerà strano di Sportività nel contempo mi trovate un'altra moto che consente di arrivare lanciato in curva o tornante scalando come un forsennato (si perchè c'è anche il sequenziale) fino alla 1 marcia senza inchiodare il posteriore, far saltellare la catena o traversare???....Cosa dite che sia il caso di rifare i calcoli prima di avventare giudizi così importanti su questa o quella moto...senza conoscerla e magari accumunarla a qualcosa che proprio uguale non è???
A disposizione. Cordiali saluti.
Menix

Inserito: 07 febbraio 2012
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

BCR, luci aftermarket: nuove frecce a led

BCR, luci aftermarket: nuove frecce a led
in Accessori moto

Stefano Baldini parla dei programmi della Peugeot a Napoli e del suo team

Stefano Baldini parla dei programmi della Peugeot a Napoli e del suo team
in Commenti sul motociclismo meridionale e non solo

Faster96: pistoni forgiati Pistal per le 250/4

Faster96: pistoni forgiati Pistal per le 250/4
in Accessori moto

Suzuki: debutto italiano per Inazuma a Motodays

Suzuki: debutto italiano per Inazuma a Motodays
in Moto e mercato