La Ducati Desmosedici perde le pinne ma non il vizio...

di Marco Dabizzi

La Ducati Desmosedici perde le pinne ma non il vizio...


Ducati è la casa motociclistica che negli ultimi anni ha portato una ventata di innovazione tecnologica nella classe MotoGP, una categoria dove solitamente l'evoluzione di ogni componente ha avuto la precedenza sulla rivoluzione di nuove tecnologie o idee. A partire dal telaio, il motore e finando con l'aerodinamica, la Desmosedici si è sempre contraddistinta per soluzioni originali, dovute all'estro degli ingegneri bolognesi guidati da Filippo Preziosi.

Soprattutto nel settore dell'aerodinamica, la Desmosedici ha introdotto interessanti novità, con l'arrivo di curiose pinne sui lati della carena che hanno fatto molto discutere sui motivi della loro reale presenza.

Sembra oramai stabilito che lo scopo non sia quello di stabilizzare la moto, agendo come piccoli spoiler, ma piuttosto di convogliare flussi d'aria fredda nell'area delle griglie di estrazione dal radiatore per migliorare il raffreddamento del motore, indispensabile soprattutto usando miscele molto magre per ridurre i consumi e rientrare nei parametri del regolamento.

La soluzione però sembra tutt'altro che stabilita, visto che già nel 2010 Nicky Hayden e Casey Stoner hanno usato la carena con le pinne senza troppa continuità. Quest'anno la Desmosedici esibisce un'interessantissima configurazione a branchie di squalo delle prese d'aria laterali, abbinate a pinne dalle dimensioni ancora maggiori e ad un'estrattore posizionato più in alto davanti alle prese d'aria la cui funzione sembra di incrementare ulteriormente l'estrazione, segno che a Borgo Panigale si lavora intensamente in questa direzione.

Ma in Malesia, nei primi test della MotoGP sul circuito di Sepang, sia Valentino Rossi (ultima foto) che Hayden hanno portato in pista sia la carena con le pinne che una senza pinne e con un'unica presa d'aria dalla forma più tradizionale, anche se di dimensioni particolarmente pronunciate, abbinata nel caso dell'americano alle traforature sul cupolino già viste lo scorso anno (foto grande nella pagina), apparentemente per limitare la sensibilità al vento laterale ma che potrebbero essere un ulteriore segnale della presenza di  molto calore da smaltire proveniente dal motore.


comments powered by Disqus

Altri commenti

Anonymous

Forse non ho capito bene, i fori sul cupolino di Hayden servirebbero anche a smaltire il calore proveniente dal motore?
In ogni caso, Vitto ha detto ad inizio test che avevano diverse carenature a disposizione, tra cui una senza pinne laterali e una per ridurre l'effetto vela nelle giornate ventose.

Inserito: 03 febbraio 2011
Webmaster

Il punto Ŕ che la carena senza pinne ha anche prese d'aria completamente diverse, confermando che le pinne servono a convogliare l'aria agli estrattori per meglio raffreddare il motore, e non per dare stabilitÓ aerodinamica.

Inserito: 03 febbraio 2011
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Aragon: fine dei test per Berger e il team Supersonic

Aragon: fine dei test per Berger e il team Supersonic
in Superbike

Gruppo Piaggio: crescono gli scooter, stabile la moto

Gruppo Piaggio: crescono gli scooter, stabile la moto
in Finanza - Come vanno le Case auto e moto

Off Road School 360░: ripartono i corsi.

Off Road School 360░: ripartono i corsi.
in Offroad

Rizoma: componenti per Yamaha FZ8

Rizoma: componenti per Yamaha FZ8
in Accessori moto