MotoGP: perchè nessuno usa l'iniezione diretta?

di Marco Dabizzi

MotoGP: perchè nessuno usa l''iniezione diretta?

L'iniezione diretta di carburante nei motori a quattro tempi è forse una delle evoluzioni più significative degli ultimi anni. Si tratta di una tecnologia da tempo diffusa per i motori diesel, che ha però trovato larga ed immediata diffusione anche nei motori a benzina, permettendo maggiori prestazioni abbinate ad un considerevole risparmio di carburante.

Il regolamento della MotoGP fino allo scorso anno di fatto impediva la realizzazione di motori con iniezione diretta, per via del limite di 10 bar di pressione per il carburante, pressione che nel caso dell'iniezione diretta arriva agevolmente ad essere superiore ai 100-120 bar.

Quest'anno però il limite dei 10 bar è stato eliminato dal regolamento, ma curiosamente nessuna casa ha per adesso lavorato in questa direzione, nonostante  il consumo del carburante sia tutt'ora - come anche l'ultima gara di Jerez ha dimostrato - uno dei punti critici dei modermi motori della MotoGP.

I consumi ridotti dei motori ad iniezione diretta sono determinati dal fatto che la benzina, iniettata direttamente all'interno della camera di combustione, brucia completamente senza subire le perdite tipiche degli impianti di iniezione nei collettori di aspirazione.

Dunque ci troviamo di fronte ad una tecnologia oramai ben diffusa (pressochè tutte le principali case automobilistiche hanno in catalogo motori a benzina ad iniezione diretta) che permette di ottenere notevoli vantaggi dal punto di vista del risparmio del carburante, dell'aumento delle prestazioni ed anche da quello della riduzione delle emissioni inquinanti. Che però, curiosamente, non trova spazio nel massimo campionato motociclistico, mentre in F1 rimane tutt'ora proibita dal regolamento.

Nella foto: uno spaccato della testa del motore Porsche ad iniezione diretta da 4.8 litri.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Anonymous

Sarà per i costi?forse le case hanno preferito affinare vecchi progetti, per ridurrere i costi che investire sull'iniezione diretta.

Inserito: 06 maggio 2010
ap71

nella mia ingenuità davo per scontato che, con tutti i problemi di consumi che hanno, l'iniezione diretta venisse utilizzata da tutti... e invece non la usa nessuno

che io sappia lo svantaggio principale dell'iniezione diretta è che rende il funzionamento del motore più brusco... magari in auto questo non è così grave, ma in moto sì

PS complimenti a MotoCorse per aver evidenziato un tema tecnico sicuramente molto interessante (eppure totalmente sottaciuto)
chissà che Gugu non prenda spunto per chiederlo ai diretti interessati! :-)

Inserito: 06 maggio 2010
Anonymous

Io rimango dell'idea che hanno ridotto all'osso i costi, Ap71 immagina un rendimento ancora + brusco sulla HOnda o Ducati....penso che i soldi non ci sono e quinadi meglio migliorare fruibilità e longevità dei motori....

Inserito: 06 maggio 2010
Anonymous

Tra l'altro, vale la pena di segnalare come, all'inizio dell'epoca 800, molti "ben informati" sostenessero che Yamaha stesse sfruttando l'esperienza maturata dalla "cugina" Toyota in materia, e che almeno una versione del motore a valvole pneumatiche che ha debuttato sulla M1 a fine 2007 fosse appunto dotato di iniezione diretta, per ridurre i consumi come fa notare ap71...

Edoardo Licciardello

Inserito: 06 maggio 2010
Raffaele

"...curiosamente, non trova spazio nel massimo campionato motociclistico, mentre in F1 rimane tutt'ora proibita dal regolamento. ".
In F1 proibito anche questo........... :-( fanno semplicemente schifo (forse più schifo della politica italiana, il che è tutto dire).

Inserito: 06 maggio 2010
Racing_34

in motori che girano a regimi così elevati, si è arrivati a spostare gli iniettori dalla zona in cui è posizionata la farfalla all'air box, con i famosi iniettori a doccia, per dare il tempo alla benzina di mescolarsi uniformemente all'aria.
Alla luce di quest'osservazione, allo stato attuale, credo che l'uso dell'iniezione diretta sia inconciliabile con il raggiungimento degli attuali regimi di giri.

Ps la f1 è ormai lontana parente del laboratorio di ricerca e sviluppo che era una volta.. si sono intestarditi a lavorare sui dettagli di soluzioni nate, in molti casi, più di 40 anni fa

Inserito: 06 maggio 2010
Anonymous

BELLA Racing_34.....
CI VUOLE LA GRANA!!!!!!Tanta grana!!!!Per adottare l'innezione diretta.
Per i prossimi anni con i pochi soldi che si avranno, si tenterà di migliorare la trazione per consumare meno gomma e arrivare alla fine del Gp con più pelo....

Inserito: 06 maggio 2010
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Guido Mandracci: correre con la sorte avversa

Guido Mandracci: correre con la sorte avversa
in Yesterbike

Verso Monza-3: intervista a Michele Pirro

Verso Monza-3: intervista a Michele Pirro
in Superbike

Intensa l'attività del Moto Club Valle Argentina

Intensa l'attività del Moto Club Valle Argentina
in Altre notizie