Teo Monticelli vince a Viterbo la prima prova degli Internazionali Supermoto S1

Teo Monticelli vince a Viterbo la prima prova degli Internazionali Supermoto S1

La prima prova degli International Series e Campionato Italiano Supermoto 2013 si è svolta oggi sotto il cielo soleggiato nel bel circuito internazionale di Viterbo dove l’ex campione europeo Supermoto Teo Monticelli (Honda Team Freccia), ha vinto la gara dopo essersi imposto nella prima manche e chiuso al terzo posto la seconda, portandosi così al comando della classifica provvisoria del campionato italiano e internazionale. Un successo inaspettato e strepitoso che attende solo la verifica alla prossima gara tricolore quando Teo dovrà vedersela ancora con i calibri mondiali come i fratelli iridati francesi Thomas (TM Factory Racing), vincitore della frazione conclusiva, e Adrien Chareyre (Aprilia Fast Wheels), il finlandese campione internazionale Mauno Hermunen (TM SHR), il Ceco ex campione europeo Petr Vorlicek (TM-SHR), il pesarese nove volte campione italiano Ivan Lazzarini (Honda L30 Racing) e altri campioni che hanno finito la prova di avvio stagionale dietro al 23enne marchigiano.

I presenti alla gara laziale hanno goduto di fantastiche corse in tutte le classi del programma di gara, assistendo alle vittorie di Yuri Guardalà (Honda) in classe S2, di Paolo Salmaso (Ktm) in S3, e ancora di Lorenzo Promutico (Honda) in S4.

Nel Trofeo Centro Sud si impone, invece, Alberto Clair (Honda).
Viterbo ha ospitato oggi anche la prova di apertura del Trofeo Ducati Cup con due gare combattute, dove il campione in carica Manuel Noto La Diega ha ottenuto la vittoria assoluta dopo l’affermazione nelle due frazioni finali. Secondo assoluto è stato Alberto Moseriti e terzo Luca Giuffrida.
Soddisfatta della prova di avvio anche l’organizzazione Youthstream Events che ha dato avvio al campionato con numeri partecipativi interessanti che superano le cento unità.
Tra le novità introdotte una riguarda gli pneumatici, che da questa stagione non avrà più la monofornitura, ma anche l’introduzione della categoria giovanile S4, ex Coppa Italia, e l’ingresso del Trofeo Centro Sud ben accolte dal Circus.

La cronaca delle gare

S1 GARA-1: Come prevedibile è stato Mauno Hermunen (TM-SHR) a spuntare per primo al via della prima curva, davanti a uno strepitoso Teo Monticelli (Honda-Freccia Team). Il finlandese scivola nel tornantino di rientro prima della fine del primo giro, così al primo passaggio il marchigiano è seguito, nell’ordine, dal francese campione del mondo Thomas Chareyre (TM Factory Racing), il Ceco Petr Vorlicek (TM SHR), il britannico Matthew Winstanley (TM SHR), l’ex iridato Adrien Chareyre (Aprilia Fast Wheels), Edgardo Borella (Yamaha), poi ritiratosi dopo tre giri a seguito di una scivolata nel tratto off road, e ancora Christian Ravaglia (HM Honda Assomotor) fermo anch’egli dopo il terzo giro, il campione italiano in carica Ivan Lazzarini (Honda L30 Racing), Fabrizio Bartolini (HM Honda Assomotor). La coppia di testa, Monticelli e Chareyre, inizia intanto un carosello appassionante di rapidi scambi di posizione che cambia solo all’ultimo giro della frazione, quando la moto dell’iridato Thomas si ferma improvvisamente e lascia la prima storica vittoria di manche a Monticelli, che a sua volta anticipa sul traguardo il Ceco Vorlicek, quindi Adrien Chareyre, Winstanley, Lazzarini, Vermeulen, Gaspardone, Beltrami, Occhini, Martella per i top ten.

S1 GARA-2: L’holeshot di questa seconda e ultima manche, caricato anche dalla inaspettata vittoria della frazione precedente, è del maceratese Teo Monticelli (Honda Freccia Team) che al primo passaggio transita davanti a Mauno Hermunen (TM-SHR), Thomas Chareyre (TM Factory Racing), Adrien Chareyre (Aprilia Fast Wheels), Matthew Winstanley (TM SHR), il poliziotto bolognese Christian Ravaglia (HM Honda Assomotor), Petr Vorlicek (TM SHR), il nove volte campione tricolore Ivan Lazzarini (Honda L30 Racing), l’imolese Fabrizio Bartolini (HM Honda Assomotor), il vicentino Elia Sammartin (Honda Red Foxes). E’ il sesto giro quando il marchigiano in un colpo solo perde due posizioni dopo il sorpasso del finlandese e del francese, uno davanti all’altro in testa al gruppo.
La gara sembra ormai finita ma non è così. La coppia di testa, distanziando l’ex campione europeo, inanella una serie di giri veloci vicinissimi che porta alla svolta solo a due giri dal termine, quando il campione del mondo Chareyre riesce a superare il battistrada e vincere due giri più tardi.
Terza posizione per Monticelli, che anticipa nell’ordine Adrien Chareyre, Vorlicek, Lazzarini, l’altro poliziotto bolognese Massimo Beltrami (Honda Lux Performance), l’astigiano Paolo Gaspardone (Honda), l’olandese Devon Vermeulen (Ktm Motoracing Team) e il lombardo Andrea Occhini (Suzuki Team BRT) per i top ten della frazione conclusiva.
Vince così la prima prova portandosi in testa alla graduatoria provvisoria di campionato, il marchigiano Teo Monticelli, che a sua volta precede sul podio Vorlicek e Adrien Chareyre.

Il ligure Yuri Guardalà (Honda) è il primo vincitore dell’edizione 2013 del Campionato Italiano classe S2. A Viterbo sale sul gradino più alto del podio grazie a un secondo posto nella manche d’apertura e una vittoria nella seconda, sufficienti a festeggiare subito la conquista della prima posizione in classifica ad ex aequo con Diego Monticelli (Honda), vincitore della frazione di avvio e secondo nella ripresa.

Terza posizione per il finlandese Asseri Kingelin (TDS Faor Honda) che ha finito le due corse quinto e terzo.Categoria S3 tutta per il pilota pontino Paolo Salmaso che in sella alla sua Ktm ha tagliato per primo il traguardo in entrambe le manche di questa spettacolare classe.
La posizione d’onore nel computo finale di giornata è andata a Daniele Demetti (Honda) dopo aver portato a termine le due frazioni sempre al terzo posto.

Terzo gradino per il toscano Fabio Gazzarri (Honda) che finisce in seconda posizione nella manche di avvio e nono nella ripresa a causa di un errore dopo essere partito quinto.Confronto sentito anche nella categoria giovanile S4, che ha visto l’affermazione incontrastata del laziale Lorenzo Promutico (Honda) vincitore di entrambe le manche davanti a Paolo Attardo (Husqvarna) e Mirko Gizzi (TM) giunti sempre rispettivamente secondo e terzo. Nel Trofeo Centro Sud, da quest’anno integrato nel programma del campionato italiano Supermoto, a spuntarla è stato Alberto Clair (Honda) che vince la prova di apertura in ragione di due affermazioni parziali che lo vedono subito al comando della classifica di campionato. Posizione nelle due finali e nell’assoluta per Gabriele Muzi (Honda), e terza piazza per Francesco Panetta (TM).

Si aggiudica la prova inaugurale del Ducati Cup, riservato alle Hypermotard SP che coniugano le nuove configurazioni da motard con la potenza e sportività da sempre sinonimo della Casa di Borgo Panigale, il lombardo campione in carica Manuel Noto La Diega, grazie alla vittoria nelle due manche finali che lo vedono già al comando della classifica provvisoria di campionato. Seconda posizione di giornata per il ferrarese Alberto Moseriti con due seconde posizioni, e terzo Luca Giuffrida due volte terzo nelle due frazioni.

L’appuntamento con la supermoto è fissato ora per il prossimo weekend a Limatola (BN) dov’è in programma la prima prova del mondiale 2013, mentre il campionato italiano e International Series riaccenderanno i motori il 18 e 19 maggio a Latina, sul circuito pontino Il Sagittario.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Claudio Domenicali al vertice di Ducati, il futuro è roseo

Claudio Domenicali al vertice di Ducati, il futuro è roseo
in Finanza - Come vanno le Case auto e moto

AUSTIN : Los conquistadores son tornati?

AUSTIN : Los conquistadores son tornati?
in Per sorridere un po'