SST Silverstone, griglia: rotta l’egemonia

di Federico Porrozzi

Ce l’ha fatta. Dopo due round non sarà più Gianluca Vizziello a partire dal “palo” della Superstock. Questa volta a prendere il testimone da Alessandro Polita, poleman di Misano Adriatico e finora l’unico a dividere insieme al lucano la gioia del miglior tempo , è stato il belga Didier Vankeymeulen.
Il rendimento del pilota del Team Yamaha Germany è cresciuto in modo vertiginoso in queste ultime gare ed alla fine potrebbe diventare proprio lui il più serio e pericoloso avversario dell’alfiere azzurro per la corsa al titolo europeo. Il lucano, alla guida della R1 del Team Italia Lorenzini by Leoni, ed il giovane portacolori del team tedesco sono stati gli unici due piloti a fare la differenza in questa due giorni di prove ufficiali.

Laconico il commento di Ilario Dionisi, costretto ad inseguire i due insieme ad altri quattro cinque piloti: “E’ impressionante quanto vadano forte quei due, non è che saltano l’ultima variante?…”.
Lo spagnolo Martinez (Suzuki) è terzo ma ad oltre nove decimi di secondo dalla coppia di testa, davanti all’inglese Laverty sulla Yamaha R1 del Team EMS Racing, L’egemonia italiana riprende dalla quinta posizione in poi, con il toscano Alfonsi e l’altra Yamaha federale mentre dal sesto all’ottavo si sono piazzati Chiarello, Dionisi e Polita, di nuovo nelle posizioni che gli competono dopo una prima parte di stagione a corrente alternata.
Luca Scassa è risalito oggi fino all’undicesima posizione, dimostrando di aver imparato ieri ad interpretare al meglio la veloce pista inglese in sella alla Kawasaki del Team Ormeni. Con Badovini e De Angelis, tredicesimo e quattordicesimo, potrà correre per rientrare nella top ten della tappa britannica.
Sorprende Alessio Perilli. In questi primi round, l’esordiente della Superstock in sella alla Yamaha R1 del Team Ducci – I.T. Networks ha navigato nella zona bassa della classifica ma domani si ritroverà a lottare per la zona punti, partendo dalla 16° posizione in griglia.
Deludono le attese De Noni, tra i protagonisti della prima parte della stagione, Brannetti che ad Oschersleben era stato autore di un ottimo week-end e Dal Corso, in sella alla Ducati 999 del Team PSG-1.


Griglia di partenza:

1) D. VANKEYMEULEN (Yamaha) 1’56”940; 2) G. VIZZIELLO (Yamaha) 1’57”004; 3) B. MARTINEZ (Suzuki) 1’57”900; 4) J. LAVERTY (Yamaha) 1’58”162; 5) L. ALFONSI (Yamaha) 1’58”217; 6) R. CHIARELLO (Suzuki) 1’58”275; 7) I. DIONISI (Suzuki) 1’58”297; 8) A. POLITA (Ducati) 1’58”637; 9) J. HURTADO R. (Suzuki) 1’58”828; 10) B. WILSON (Suzuki) 1’59”010; 11) L. SCASSA (Kawasaki) 1’59”043; 12) A. MARTINEZ (Kawasaki) 1’59”045; 13) A. BADOVINI (Ducati) 1’59”295; 14) W. DE ANGELIS (Ducati) 1’59”520; 15) T. MIKSOVSKY (Honda) 1’59”569; 16) A. PERILLI (Yamaha) 1’59”690; 17) N. SAELENS (Ducati) 1’59”781; 18) E. ROCAMORA (Kawasaki) 1’59”961; 19) G. VAN GINHOVEN (Ducati) 2’00”035; 20) G. FASTRE (Yamaha) 2’00”088; 21) P. VANSTAEN (Suzuki) 2’00”219; 22) F. DE NONI (Suzuki) 2’00”425; 23) A. BRANNETTI (Aprilia) 2’00”479; 24) C. DAL CORSO (Ducati) 2’00”783; 25) R. DE VRIES (Yamaha) 2’01”259; 26) D. BUTLER (Ducati) 2’01”357; 27) J. LOMBARDO (Suzuki) 2’01”365; 28) K. SOFUOGLU (Yamaha) 2’01”552; 29) S. VERMONDEN (Suzuki) 2’01”596; 30) T. VAN LOOY (Suzuki) 2’01”737; 31) L. VERBOVEN (Suzuki) 2’02”022; 32) R. KLAUSEN (Honda) 2’02”395; 33) J. KADERABEK (Honda) 2’02”731; 34) T. HOLUBEC (Honda) 2’04”995.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

SS Silverstone, griglia: che mix in prima fila!

SS Silverstone, griglia: che mix in prima fila!
in Superbike

SBK Silverstone, Superpole: Chili rompe ancora!

SBK Silverstone, Superpole: Chili rompe ancora!
in Superbike

Chili rompe il motore nel warm up della Superpole!

Chili rompe il motore nel warm up della Superpole!
in Superbike

SBK Silverstone, prove2: Chili fa sognare

SBK Silverstone, prove2: Chili fa sognare
in Superbike