WSBK Instanbul, Gare: Laverty riapre i giochi con una doppietta

di redazione Italia MotoCorse.com

WSBK Instanbul, Gare: Laverty riapre i giochi con una doppietta

Il Round numero 11 del Mondiale Superbike ha offerto oggi una giornata di gare entusiasmanti, con risultati che riaprono le sorti dei due campionati in programma per il weekend turco. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) ha accorciato incredibilmente le distanze dal vertice, da 40 a 26 punti, guadagnando terreno sul compagno di squadra Sylvain Guintoli, oggi non troppo soddisfatto, e su Tom Sykes - leader, ora, con 8 punti di vantaggio sul francese. 
 
Gli occhi dei 51.651 presenti sugli spalti erano però puntati sull’eroe locale, Kenan Sofuoglu (Mahi Racing Team India Kawasaki), tre volte Campione del Mondo Supersport, ora in lotta per la difesa del titolo.

Il supporto e la pressione della prima apparizione davanti al pubblico di casa – entusiasta come sulle gradinate di uno stadio di calcio - hanno portato il pilota di Adapazari a conquistare una vittoria importantissima. Sofuoglu accorcia così le distanze, portandosi a -49 dal capoclassifica Sam Lowes (Yakhnich Motorsport Yamaha), e può godersi ora le attenzioni di fan e familiari, nonché dello stesso Presidente della Turchia, che gli ha telefonato per congratularsi personalmente con lui.


Gara 2
Laverty ha fatto incetta di punti quest'oggi grazie al successo ottenuto nella seconda ed ultima gara di giornata all'Intercity Istanbul Park, che ha significato la seconda doppietta in carriera per il pilota di Toomebridge – dopo quella conquistata nel 2011 a Monza. Il pilota Irlandese si è messo subito all'inseguimento di Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), riuscendo a colmare definitivamente il distacco sul leader nella fase centrale della gara: grazie ad una fantastica manovra all'ultima curva della pista, Laverty è riuscito a transitare sul traguardo in prima posizione, al termine del dodicesimo passaggio. Una volta conquistata la testa della corsa, Laverty… (leggi)

Eugene Laverty: “Le due vittorie di oggi hanno un sapore particolare perché inaspettate. Sono molto felice, in entrambe le gare la nostra moto era settata perfettamente, in particolare verso fine gara, quando le gomme iniziavano a degradarsi e questo mi ha permesso di vincere con margine. Addirittura il mio team è riuscito a migliorarla dopo Gara1, quindi nella seconda nonostante un ritmo simile ho guidato con più facilità. Sono tornato in corsa per il Mondiale, ma soprattutto ho riacquistato fiducia e questo mi fa ben sperare per i prossimi appuntamenti”.

Marco Melandri: “In gara 1 ho perso molto tempo nei primi giri: con le gomme nuove la nostra moto è nervosa e sul rettilineo, ho dovuto chiudere un po’ il gas. Dopo dieci giri, con meno benzina, è diventata più facile da guidare e sono riuscito a raggiungere il gruppo di testa. Quando ho passato Tom, Eugene era già troppo lontano e comunque per me il secondo posto era un ottimo risultato. Dopo Gara 1 abbiamo lavorano sul posteriore, ma è andata peggio. Ho iniziato a far fatica con l’anteriore: non riuscivo ad avere la stessa velocità in inserimento di curva e ho avuto qualche difficoltà in frenata. Alla fine il risultato di gara 2 non è stato lo stesso. Mancano tre gare alla fine e, anche se non sarà facile, io continuo a crederci.” 

Risultati:
1. Laverty (Aprilia) 18 giri/96.120 km in 34'58.775 media 164.873 km/h; 2. Sykes (Kawasaki) 1.708; 3. Guintoli (Aprilia) 4.052; 4. Melandri (BMW) 10.860; 5. Elias (Aprilia) 12.171; 6. Davies (BMW) 12.396; 7. Cluzel (Suzuki) 17.434; 8. Haslam (Honda) 17.683; 9. Giugliano (Aprilia) 25.770; 10. Fabrizio (Honda) 38.735; 11. Aitchison (Kawasaki) 48.892; 12. Sandi (Kawasaki) 49.136; 13. Iannuzzo (BMW) 1'36.589; 14. Uprak (Kawasaki) 1 Lap; 15. Ercelik (BMW) 1 Lap.

Classifica (Round 11 di 14) :
1. Sykes 323; 2. Guintoli 315; 3. Laverty 297; 4. Melandri 290; 5. Davies 239; 6. Baz 180; 7. Rea 176; 8. Fabrizio 168; 9. Cluzel 141; 10. Giugliano 139; 11. Camier 114; 12. Badovini 107; 13. Neukirchner 84; 14. Checa 80; 15. Haslam 78; 16. Sandi 45; 17. Iannuzzo 25; 18. Elias 21; 19. Aitchison 20; 20. Clementi 18; 21. Canepa 11; 22. Lundh 10; 23. Lai 8; 24. Reiterberger 7; 25. Allerton 6; 26. Uprak 5; 27. Smrz 4; 28. Stauffer 4; 29. Ercelik 3; 30. Akiyoshi 2; 31. Haga 2. Costruttori: 1. Aprilia 419; 2. Kawasaki 377; 3. BMW 354; 4. Honda 216; 5. Suzuki 193; 6. Ducati 144; 7. Yamaha 4.

SUPERSPORT
Kenan Sofuoglu e Sam Lowes hanno dato vita alla più entusiasmante gara Supersport della stagione, la prima nella storia del Mondiale delle medie cilindrate che si disputa all’Intercity Istanbul Park. Il Campione di casa, con un incredibile supporto da parte dei numerosissimi fan presenti sugli spalti e nel paddock, ha conquistato una vittoria storica, sia per l’adrenalinica battaglia testa a testa, fino alla fine, con il diretto rivale britannico, sia per le statistiche. 
 
Risultati:
1. Sofuoglu (Kawasaki) 16 giri/85.440 km in 31'59.707 media 160.224 km/h; 2. Lowes (Yamaha) 0.040; 3. Vd Mark (Honda) 9.074; 4. Zanetti (Honda) 11.987; 5. Rolfo (MV Agusta) 12.696; 6. Tamburini (Honda) 12.936; 7. Coghlan (Kawasaki) 14.002; 8. Salom (Kawasaki) 14.855; 9. Kennedy (Honda) 19.952; 10. Quarmby (Honda) 20.429; 11. Scassa (Kawasaki) 23.542; 12. Baldolini (Suzuki) 25.392; 13. De Rosa (Honda) 28.730; 14. Roccoli (Yamaha) 29.051; etc. 

Classifica (Round 11 of 13):
1. Lowes 205; 2. Sofuoglu 156; 3. Foret 121; 4. Vd Mark 107; 5. Zanetti 99; 6. Scassa 74; 7. Kennedy 71; 8. Rolfo 62; 9. Coghlan 60; 10. Antonelli 55; etc. Costruttori 1. Kawasaki 225; 2. Yamaha 213; 3. Honda 142; 4. MV Agusta 72; 5. Suzuki 30; 6. Triumph 6.


comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Moto2 Misano 2013, Gara: capolavoro di Espargaro

Moto2 Misano 2013, Gara: capolavoro di Espargaro
in Motomondiale

MotoGP Misano 2013, Warm-Up: Lorenzo non molla

MotoGP Misano 2013, Warm-Up: Lorenzo non molla
in Motomondiale