Misano Test, Day2: si conferma Melandri

di Redazione MotoCorse.com

Misano Test, Day2: si conferma Melandri

Anche oggi Marco Melandri è di nuovo davanti a tutti, nella seconda e conclusiva giornata dei test Superbike a Misano. Il talento Yamaha ha girato in 1'35"8, sette decimi sotto il primato ufficiale (Checa, 1'36"520) ritoccando anche il record assoluto della pista che lo stesso Checa aveva ottenuto nei collaudi di maggio, con copertura soffice. In questa occasione lo spagnolo della Ducati si è fermato a 1'36"0.
 
La Yamaha ha provato con successo gli aggiornamenti di elettronica richiesti da Melandri proprio al termine della gara iridata di Misano, che per la Yamaha era stata particolarmente negativa (terzo e scivolata) ed aveva favorito la fuga di Checa due volte vittorioso.

In questa circostanza la Ducati però si è concentrata sul collaudo delle coperture che la Pirelli sta preparando per la trasferta australiana, che a fine febbraio prossimo aprirà la prossima edizione del Mondiale.

 
Ottimi riscontri anche per la BMW Italia con Ayrton Badovini autore di un fantastico 1'36"1. In assenza del team interno (che ha schierato solo il tester Steve Martin) il 24enne biellese si è occupato dello sviluppo. Unico contrattempo la scivolata al mattino nel punto più veloce comunque senza alcun problema fisico.
E' finito prima del previsto il provino di Toni Elias sulla S1000RR liberata dal ritiro di James Toseland. Lo spagnolo, scivolato senza danni martedì, ha fatto 1'37"8 prima di lasciare il circuito per volare ad Aragon in vista del GP della MotoGP che si corre domenica.
 
Joan Lascorz, 1'36"1, è stato leggermente più veloce del caposquadra Kawasaki Tom Sykes reduce dal clamoroso successo del Nurburgring sotto la pioggia. Stop anticipato per Chris Vermeulen di nuovo alle prese coi postumi dell'infortunio al ginocchio destro.
L'Aprilia ha lavorato unicamente con il collaudatore Alex Hofmann in assenza di Max Biaggi convalescente per la frattura del piede sinistro. L'iridato, salvo sorprese, sarà comunque al via del prossimo round ad Imola (25 settembre).
  
Tempi finali (ufficiosi):
1. Melandri (Yamaha) 1'35.8; 2. Checa (Ducati), Laverty (Yamaha) 1'36.0; 4. Badovini (BMW), Lascorz (Kawasaki) 1'36.1; 6. Sykes (Kawasaki) 1'36.2; 7. Rea (Honda) 1'36.7; 8. Hofmann (Aprilia) 1'36.9; 9. Martin (BMW) 1'37.1; 10. Xaus (Honda) 1'37.4; 11. Elias (BMW) 1'37.8; 12. Vermeulen (Kawasaki) 1'38.4; 13. Tamada (Honda) 1'38.8.
 
Supersport:
1. Parkes (Kawasaki) 1'38.9; 2. Salom (Kawasaki) 1'39.4; 3. Morais (Kawasaki) 1'40.0

comments powered by Disqus

Altri commenti

CASEYCIVINCEVA

ma guarda caso la pirelli porta soluzioni piu' soffici e la bicilindrica sta' dietro....campionato falsato dall'inizio alla fine, avrebbero fatto meglio ad aspettare la fine del campionato a portare queste nuove gomme, sembra proprio una presa per il c..o........

Inserito: 15 settembre 2011
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Nicky Hayden al GP F.1 di Monza

Nicky Hayden al GP F.1 di Monza
in Motomondiale

Yamaha: controllo di trazione per la YZF-R1 2012!

Yamaha: controllo di trazione per la YZF-R1 2012!
in Moto e mercato

GP Aragon, Brembo preview

GP Aragon, Brembo preview
in Motomondiale

E' ufficiale: MotoGP in Argentina nel 2013

E' ufficiale: MotoGP in Argentina nel 2013
in Motomondiale