Nuovo regolamento Superbike, le modifiche per il 2010

Nuovo regolamento Superbike, le modifiche per il 2010

Il regolamento del Mondiale Superbike si evolve, e per il 2010 tiene in considerazione anche le ultime novità tecnologiche sempre più spesso utilizzate sulle moto in produzione di serie. Componenti come l'ABS o il controllo dei corpi farfallati ride-by-wire saranno permessi anche in gara a condizione che il modello da cui la moto deriva li abbia nella dotazione di serie.

La modifica forse più importante riguarda il numero minimo di moto da produrre per poter competere con un modello nel campionato. Adesso il regolamento prevede almeno 1.000 moto prodotte entro la fine dell'anno in cui quel modello debutta in gara, ma per il 2010 era previsto un aumento a 3.000 unità.

Le nuove regole abbassano questa cifra a 2.000, ma anticipano anche le date per la produzione dei vari scaglioni.

Le prime 500 moto dovranno essere prodotte entro la fine del mese di giugno di ogni anno (era settembre), altre 500 non più tardi di 15 giorni dopo l'ultima gara del calendario (era dicembre) e la moto numero 2.000 dovrà essere prodotta entro 15 giorni dall'ultima gara della stagione successiva.

Per chiarire meglio, facciamo un esempio pratico: con le nuove regole, una moto che voglia gareggiare nel campionato 2010 dovrà essere costruita in almeno 2.000 esemplari entro la fine della stagione 2011. Un traguardo che potrebbe rappresentare un ostacolo per il debutto della KTM RC8R, che quest'anno ha corso nel campionato tedesco Superbike e che la prossima stagione dovrebbe scendere il pista nel Mondiale.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Altro che ibridi: Suzuki presenta il Burgman a fuel cell

Altro che ibridi: Suzuki presenta il Burgman a fuel cell
in Moto e mercato

SBK Portimao, Qualifiche1: pole provvisoria per Rea

SBK Portimao, Qualifiche1: pole provvisoria per Rea
in Superbike

GP Malesia, FP1 250: Aoyama alla riscossa.

GP Malesia, FP1 250: Aoyama alla riscossa.
in Motomondiale