SBK Brno, Gara1: trionfo di Biaggi e Aprilia. Tonfo per Spies e Fabrizio

di Omar Fumagalli

SBK Brno, Gara1: trionfo di Biaggi e Aprilia. Tonfo per Spies e Fabrizio

Era una gara1 attesissima quella odierna di Brno, sia in ottica campionato sia per la competitività dell’Aprilia sul tracciato ceco. Come spesso accade, la realtà supera però le aspettative ed abbiamo potuto assistere a molti colpi di scena che non erano prevedibili.

Il primo arriva subito: mentre gli occhi al via erano puntati sulla prima fila (con Spies, Fabrizio e Biaggi), a sorprendere tutti in partenza è invece stato Troy Corser, con la BMW, che conduce i primi giri, tallonato subito da Spies, Rea, Biaggi e Fabrizio.

Purtroppo per il team tedesco però, mentre l’australiano mette in chiara evidenza la ripresa tecnica della S1000RR, il compagno Xaus cade nel corso del primo giro, quando era anch’egli a ridosso del gruppo al comando e potenzialmente in grado di mettere un’altra BMW nelle prime posizioni.

Il ritmo di Corser è buono, come mai mostrato sinora da una BMW, ma non certo quanto basta per staccare gli avversari, che gradualmente lo sopravanzano.

Spies, Biaggi e Fabrizio, sono i tre che mostrano di avere un passo migliore, mentre Rea ed il compagno Checa, seguono da vicino con le loro Honda (moto anch’essa in netta ripresa, rispetto alla prima fase di campionato).

Poco più indietro, Noriyuki Haga cerca di tenere duro: nonostante il dolore alla spalla, lotta con la sua Ducati per rimanere nella top-ten di una gara che vede più protagonisti del solito, con anche la Kawasaki inserita nella zona alta della classifica.

I primi tre allungano sugli inseguitori ed i due italiani non si risparmiano nella lotta fra loro e contro la Yamaha del texano, che è al comando. Proprio in un tentativo di sorpasso, Fabrizio arriva come si suol dire “impiccato” al termine della discesa che porta ad una curva sulla sinistra (ovvero al limite tra la possibilità di chiudere la curva stessa e l’essere invece troppo lungo).
Michel non riesce ad evitare il contatto mentre arriva all’interno di Spies, che sta chiudendo la curva davanti a lui: la Ducati scivola sotto la Yamaha numero 19 di Big Ben. Quest'ultimo, non aspettandosi tale manovra, rimane coinvolto in un urto che fa finire a terra entrambi i pretendenti alla leadership di gara e campionato. I due scivolano insieme nella sabbia e la buona fede del pur colpevole Fabrizio, è comunque dimostrata dal fatto che mentre Spies cerca di ripartire, Michel lascia la sua Ducati a terra e corre istintivamente a scusarsi con il rivale.

Il colpo è davvero significativo per il campionato, che rimane così aperto, favorendo proprio chi non se l’aspettava sino a pochi minuti prima, ovvero il sofferente Haga.

Mentre Spies cerca di placare l’ennesima arrabbiatura della sua stagione (dopo i vari guasti tecnici che lo hanno già frenato in altre occasioni, Ben non prende molto bene questo ulteriore colpo a vuoto), Biaggi si ritrova così solo al comando, dovendo gestire l’eventuale recupero delle Honda di Rea e Checa. Il romano dell’Aprilia conduce una gara perfetta ed intelligente (non si era, infatti, lasciato troppo coinvolgere nella battaglia iniziale), che andrà a regalare la prima bellissima vittoria per l’Aprilia RSV4.

Forse rincuorato dalle segnalazioni dei box sul campionato ancora favorevole per lui, Haga lotta degnamente con Haslam e Tamada per la sesta posizione. Concluderà poi ottavo, terzo delle Ducati al traguardo. La migliore è stata quella guidata dall'inglese di Lambeth Shane Byrne, ottimo quarto.

Nella storica giornata che premia meritatamente gli sforzi della casa di Noale, evidenziamo anche la bella prestazione di Carlos Checa, che arriva secondo al traguardo davanti all’arrembante giovane compagno Jonathan Rea, oggi non in grado di sopraffare l’esperienza dello spagnolo.

Quinto è Corser con la BMW. Pilota e casa possono dirsi soddisfatti delle prestazioni evidenziate oggi in pista (certo non quanto Aprilia, che anch’essa al decimo round dal debutto come i tedeschi, è però già sul gradino più alto del podio), e la prossima gara si corre proprio in Germania, sul Neue Nuerburgring...

Nei primi dieci termina anche Tamada con la prima delle Kawasaki, mentre Iannuzzo segna un punto iridato sulla sua Honda.

 

Classifica gara1 SBK Brno:

1   3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 40'18.306 (160,863 kph)
2   7 Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 3.631
3  65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 9.948
4  67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 12.952
5  11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 14.599
6  96 Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 19.359
7  91 Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 19.680
8  41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 20.731
9  14 Lagrive M. (FRA) Honda CBR1000RR 21.923
10 100 Tamada M. (JPN) Kawasaki ZX 10R 27.807
11  10 Nieto F. (ESP) Ducati 1098R 35.263
12  23 Parkes B. (AUS) Kawasaki ZX 10R 36.535
13   9 Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 38.586
14  71 Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 40.061
15  77 Iannuzzo V. (ITA) Honda CBR1000RR 40.280
16  99 Scassa L. (ITA) Kawasaki ZX 10R 40.641
17  25 Salom D. (ESP) Kawasaki ZX 10R 1'10.529
18  94 Checa D. (ESP) Yamaha YZF R1 1'14.874
19  88 Resch R. (AUT) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'42.979
20  51 Cihak M. (CZE) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'43.111
RET  66 Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 
RET  53 Polita A. (ITA) Suzuki GSX-R 1000 K9 
RET 121 Hopkins J. (USA) Honda CBR1000RR 
RET  56 Nakano S. (JPN) Aprilia RSV4 Factory 
RET  19 Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 
RET  84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 
RET  57 Lanzi L. (ITA) Ducati 1098R 
RET 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR

comments powered by Disqus

Altri commenti

maurixa

E' tornato il corsaro! Bello vederlo sul gradino pi¨ lto con la sua bandiera nera.

Inserito: 26 luglio 2009
Anonymous

Mitico Max!!!!!!

Inserito: 26 luglio 2009
pupu

bravo Biaggi soprattutto in gara 2!!!

Inserito: 26 luglio 2009
Anonymous

grande max mi ai fatto emozionare x il duello
che hai fatto con ben spies e bravi anche ai meccanici aprilia ciao da rimini,fabio

Inserito: 26 luglio 2009
asterix1763

Grazie grandissimo Corsaro, ancora una volta una prestazione magistrale!

Inserito: 26 luglio 2009
italianman

sono appena tornato da brno.
Non sono un tifosissimo di max ma...bravissimo, velocissimo e simpatico anche dal vivo.
Bravo max!
Nemmeno lontato parente del max di qualche anno fa.

Inserito: 27 luglio 2009
acealex

Ma Fabrizio quando si decide a cambiare sport?

Inserito: 27 luglio 2009
maurixa

Fabrizio Ŕ stato bravissimo! Max anche meglio, Spies ha fatto la sua gara ed ha chiuso le porte. Bella gara 2.

Inserito: 27 luglio 2009
roby

grande max. fabrizio ogni volta che tenta di sorpassare qualcuno lo falcia!! con una ducati ufficiale dovrebbe volare ma i suoi limiti sono questi. solo le battute e le buffonate che fa non hanno limiti per lui. grande aprilia grande squadra grande max.

Inserito: 27 luglio 2009
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Warm Up Superstock 1000: primo Berger

Warm Up Superstock 1000: primo Berger
in Superbike

Classe 250: attesa per la prova di Raffaele De Rosa

Classe 250: attesa per la prova di Raffaele De Rosa
in Motomondiale