Andrea Maida, ovvero... lo Speedway in Italia!

di Edoardo Licciardello

Andrea Maida, ovvero... lo Speedway in Italia!


C’è una teoria che parla dei famosi sei gradi di separazione. Sostiene che tutti gli esseri umani sono separati al massimo da sei passaggi, ovvero che, ben prima dell’avvento di Internet, tutti conoscano tutti i sei miliardi e passa che siamo su questo pianeta attraverso l’interposizione massima di cinque persone. La stessa teoria è stata rivista pesantemente da quando è arrivato Internet, riducendo gli intermediari. Che adesso, ai tempi dei Social Network, probabilmente sono al massimo uno o due. Capita così, attraverso i Facebook o i Twitter, di riuscire a conoscere persone i cui nomi uno leggeva sulle riviste specializzate da ragazzino.

E scoprire che si tratta di persone come le altre, magari solo un po’ più determinate, o magari fortunate. Ma appassionate esattamente come noi.


Andrea Maida non sarà un nome che dice moltissimo a tanti patiti di moto, ma il sottoscritto se lo ricorda bene, nei trafiletti di Motosprint che parlavano di Speedway. E per emergere nello Speedway – parliamo di un 5 volte campione italiano Open individuale, solo per citare il titolo più prestigioso, il palmarés completo lo trovate in fondo all’articolo – la fortuna serve a poco. E’ molto più importante la determinazione, che sicuramente ad Andrea non è mancata. Viene però un momento in cui anche le avventure più belle hanno una fine. E proprio da quella cominciamo: Andrea, perché il ritiro? “Sono sulle piste ormai da 25 anni. Non sarei stanco, a dire la verità, il problema è che mancano gli sponsor, e senza quelli non si corre. O meglio, non si corre al livello a cui voglio e sento di poter correre io…”

Sembrerebbe una dichiarazione venata di rimpianto, ma Andrea è comunque molto sereno. “Ho avuto comunque una gran bella carriera, in cui ho vinto molto. Pensa che ho sempre corso da dilettante, non da professionista, e nonostante questo ho ottenuto comunque grandi risultati. E poi, la soddisfazione di battere i professionisti è impagabile. Da operaio, che si può allenare poco o niente, arrivare il sabato e la domenica e suonare i professionisti che corrono quattro giorni su sette… beh, non ha prezzo.”

La tua gara più bella? “Tante, ad iniziare dalle quattro volte che sono riuscito a qualificarmi nella finale del mondiale individuale. Nonostante lavorassi e corressi solo la domenica, come dicevo, sono arrivato in finale dopo gli scontri ad eliminazione diretta in cui si passava al turno successivo in sette su sedici. Di trecento iniziali siamo rimasti in sedici, capirai che non è poco! Poi, certo, i Golden Gala 1998 e 2001, dove mi sono trovato a correre con i migliori del mondo…”

Ma come ha iniziato Andrea? “Beh, fin da piccolo mi sono scoperto molto predisposto allo sport – ho iniziato dal pattinaggio, in cui ho vinto diversi provinciali e regionali, poi sono passato al karate, e sono finito terzo agli italiani. Poi, nel 1973, a nove anni, mi è sbocciato l’amore per lo Speedway. Avevo una pista vicina a casa, dove si correvano anche gli Internazionali d’Italia, e dopo un contatto casuale sono rimasto agganciato. Sarà stato il rischio, l’abbigliamento dei piloti, che a un bimbo sembravano astronauti, l’odore dell’alcol che si usa al posto della benzina, non so – fatto sta che, da allora, appena avevo cinque minuti, correvo in pista e rompevo le scatole a piloti e meccanici, chiedendo ogni tipo di informazione, e poi, col tempo, dandogli una mano nel lavoro sulle moto. E così ho iniziato a conoscere un po’ tutti, e a farmi conoscere. Non appena ho avuto 18 anni, età minima per correre, anche se i miei non ne volevano sapere, ho venduto lo stereo e un po’ di altre cose per raccogliere un po’ di soldi. Alla fine, ho chiesto anche un prestito a mio cugino e mi sono preso la prima moto, una Jawa 500. Il resto, come si suol dire, è storia (che potete approfondire sul suo sito, www.andrea-maida.com”

Andrea, tu che hai vissuto lo sport da dentro, cosa manca allo Speedway per fare il salto di qualità? “Facile: le piste. In Italia ne abbiamo tre – hai capito bene, solo tre – e una scuola che possa far crescere i giovani che ci sono”. Infrastruttura, quindi. E soldi? Servono, ma non rovinano l’ambiente, che nello Speedway sembra ancora di quelli “veri”, dove il pilota conta tanto? “E’ vero, qui, dove gli sponsor sono pochi, è il pilota che fa la differenza. Ma non credere, se vuoi correre ad alto livello, come in tutti gli sport motoristici, devi essere un professionista, e per farlo servono i mezzi – dai, i soldi. E o ce li hai tu o te li deve dare uno sponsor, per cui…”
Il ritiro, quindi, ti lascia la sola attività di istruttore. “Si, attività che ho iniziato nel lontano 2003 con la scuola di Davide Capirossi (il fratello di Loris, NdR), per poi collaborare con Ducati per il DRE, l’autodromo di Adria e Donneinsella”. E la domanda sorge spontanea: quanto serve l’esperienza nello Speedway nella guida su asfalto? “Tantissimo. Nello Speedway si affina una sensibilità incredibile per il grip del fondo, si gestisce l’aderenza e quindi la derapata con spostamenti micrometrici del peso del corpo. I benefici maggiori, sull’asfalto, si hanno ovviamente sui fondi bagnati o comunque con poco grip, ma ovviamente, anche quando l’aderenza è ottimale, si ha una percezione elevatissima del limite delle gomme.”

OK, com’è fatta una moto da Speedway? “Beh, per darti un’idea, le ciclistiche le puoi vedere in foto. I motori sono dei 500 a quattro valvole per cilindro a corsa cortissima, con pistoni da 90mm di alesaggio. Sono alimentate a metanolo, come le Formula Indy, e fanno circa 1km/litro. Il rapporto di compressione è di 17:1, roba impensabile per un motore a benzina…” Quindi niente elettronica, che sembra essere il male maggiore delle gare odierne? Tu che ne pensi? “Stai scherzando? Non se ne parla neanche. E se ti devo dire la verità, credo che l’elettronica serva sulle moto in vendita, anche sportive, perché aiutano chi ha poca esperienza a sfruttarne le prestazioni in sicurezza. Ma nelle gare no, dovrebbe essere il pilota a gestire la potenza, e scegliere quanta scaricarne a terra. Se no, che pilota è?”

Tutto chiaro. E parlando di pilota, è una carriera molto diversa da quella dell’istruttore, con soddisfazioni diverse. “Si. Come ti dicevo, ho avuto grandissime soddisfazioni dalla mia carriera di pilota, ma anche tanti momenti bui. Quando vai forte, e vinci, insomma, tutto ti gira bene, la felicità è incredibile. Ma ci sono per tutti momenti in cui le cose non vanno nel verso giusto, e non riesci a capire perché. Ed è incredibilmente frustrante, si prova un’amarezza che non si riesce a spiegare a chi non l’ha provata. Per contro, la scuola ti dà quasi solo soddisfazione. Vedere gli allievi che migliorano, vanno a casa contenti e soddisfatti, e magari il giorno dopo ti mandano una mail di ringraziamento… beh, è una sensazione bellissima. Ed è un costante stimolo a migliorarmi, e a dare il meglio di me.”

Progetti futuri? “Beh, sicuramente continuare con le scuole – come ho detto, mi piace molto insegnare – Ducati DRE, Donneinsella, la scuola dell’Adria International Raceway, ed MV Agusta. Poi, mi e stato chiesto di continuare lo sviluppo del motore speedway di Paolo Bellini, il costruttore recentemente scomparso. Il progetto verrà portato avanti dal figlio Marco e l’ing. Tomezzoli. Abbiamo iniziato a lavorare insieme nel 2010 testando il motore nelle gare del Triveneto, chiuso in seconda posizione finale. E poi… vabbè, diciamolo: vista la mancanza di piloti, mi e stato chiesto da più club di continuare almeno nelle gare a squadre, anche se non a tempo pieno. La priorità restano le scuole.”

Volete conoscere Andrea? Potete contattarlo su Facebook, sul suo sito, o, ancora meglio… andate a trovarlo di persona. Un corso di guida, come abbiamo detto più volte, fa bene a tutti, principianti ed esperti…

Il Palmarés di Andrea Maida
5 Titoli di  Campione Italiano Open Individuale
1996  M.C. Olimpia Terenzano  (UD)
1997  M.C. Olimpia Terenzano (UD)
1999  M.C. Olimpia Terenzano  (UD)
2002  M.C. Olimpia Terenzano (UD)
2003  M.C. Olimpia Terenzano (UD) 

1 Titolo di Campione degli Internazionali d'Italia a squadre 2007 
2007  M.C. Olimpia Terenzano (UD)

3 Titoli di  Campione Italiano a Squadre
1989 M.C. Due Torri  Rovigo   (RO)
1994 M.C. Olimpia Terenzano (UD)
1999 M.C. Olimpia Terenzano (UD)

1 Titolo di  Campione Italiano a Coppie
1989 M.C. Due Torri Rovigo   (RO)

5 Titoli di Campione Triveneto
2003  M.C. Olimpia Terenzano (UD)
2004  M.C. Olimpia Terenzano (UD) 
2005  M.C. Olimpia Terenzano (UD)
2007  M.C. Olimpia Terenzano (UD)
2009  M.C. Olimpia Terenzano (UD)

1 Titolo di  Campione di lega Austriaca
2000 Team St. Johann in Pongau (A)

4 Volte Finalista del Campionato del Mondo Individuale 
1995 a Miskolc (H)
1997 a Lonigo (VI)
1998 a Debrecen (H)
2001 a Danzica (PL)
1 Volta Finalista Campionato Europeo
2003 a Slany (REP. CECA)

2 Volte Finalista Campionato Europeo a Coppie 
2005 a Danzica (PL) 
2007 a Terenzano (UD)

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Le date del Campionato Campano di Enduro-Fmi

Le date del Campionato Campano di Enduro-Fmi
in Offroad

Portimao test, day1: Smrz su Ducati il più veloce

Portimao test, day1: Smrz su Ducati il più veloce
in Superbike

Valentino Rossi sta bene? Mi sa: no.

Valentino Rossi sta bene? Mi sa: no.
in Il blog di desmoskull

Rossi: in pista a Misano con una 1198... SBK?

Rossi: in pista a Misano con una 1198... SBK?
in Motocordialmente