Honda Crossrunner Travel Edition - due moto in una

di Gianluca Zanelotto

Honda Crossrunner Travel Edition - due moto in una


La Adventure Sports Tourer Honda affronta il 2015 con un sostanziale rinnovamento tecnico ed estetico. L’estetica "adventure" è decisa, pur ponendo l’accento sulla versatilità d’uso, grazie alla posizione di guida eretta, al look adventure e ad un livello di manovrabilità tale da renderla un’arma invincibile sia per i trasferimenti quotidiani che per i week-end, da soli o con il passeggero, anche a pieno carico. Nella nostra scorribanda sulle Alpi abbiamo apprezzato molto questa versatilità, sia aggredendo uno dei 10 passi alpini toccati, sia quando abbiamo dovuto riportare alla base un compagno di viaggio a cui si era guastata la moto personale.

Pur con due discreti ometti da 85kg ciascuno a bordo la CrossRunner ha mantenuto rigorosità di guida sia in autostrada e relativi curvoni del Brennero che sulle statali locali.


Yoichi Inayama, Large Project Leader (LPL) Crossrunner:

"Per lo sviluppo del Crossrunner abbiamo voluto creare una moto di fascia premium sempre "pronta all'azione", per motociclisti che vogliono trarne il massimo divertimento di guida ogni giorno. Il nuovo stile ha richiesto parti funzionali esteticamente perfette, proporzioni leggere e sovrastrutture ridotte al minimo. Volevamo una posizione di guida con postura eretta per dare al guidatore grande visibilità e maneggevolezza, e per infondere sicurezza nell’attaccare qualsiasi curva. E le migliorie apportate al motore V4 hanno fornito una potenza reattiva e sempre entusiasmante..."

Tra le novità introdotte con il modello 2015 troviamo l’Honda Selectable Torque Control System (HSTC), simile a quello installato sul Crosstourer, il top di gamma delle crossover Honda. Se il sistema rileva un'imminente perdita di trazione della ruota posteriore, riduce l’erogazione di coppia per mantenere il grip dello pneumatico al suolo. Impostabile su due livelli (indicati sul cruscotto LCD) e disattivabile all’occorrenza tramite un pratico pulsante al manubrio, l’HSTC aumenta notevolmente la sicurezza attiva di guida su fondi di ogni tipo.

L’altezza della sella è regolabile su due posizioni, 815 o 835 mm, ed ha un’imbottitura più spessa, in modo che piloti di ogni statura possano trovare la postura ideale e il giusto comfort.

Sempre di tipo completamente digitale e con schermo LCD, la strumentazione del Crossrunner 2015 è completamente nuova e vanta l’accattivante illuminazione ‘negativa’, che ne massimizza la visibilità anche in condizioni di piena luce. Il pilota ha sempre tutto sotto controllo grazie alla grande quantità di informazioni offerte: tachimetro numerico, contachilometri con due parziali, contagiri a barre, livello benzina con spia riserva, temperatura liquido di raffreddamento e temperatura esterna, orologio, trip computer per i consumi, marcia inserita, stato del controllo di trazione con spie di attivazione, livello regolazione delle manopole riscaldabili.


La forcella telescopica a cartuccia HMAS (Honda Multi Action System) con steli da 43 mm è regolabile nel precarico molla e nell’estensione idraulica, così come il monoammortizzatore HMAS (pratico da regolare grazie al pomello esterno), fissato tramite leveraggio progressivo Pro-Link al nuovo monobraccio Pro-Arm in alluminio con capriata superiore di rinforzo. Abbiamo trovato questa accoppiata tutto sommato soddisfacente nella guida turistica, sia misto veloce che stretto, anche in due. In leggero affanno invece quando si inizia a spingere il motore verso la linea rossa, con frenate e accelerazioni che si fanno più brusche e intense.

Nulla da dire invece sul nuovo impianto frenante, con dischi flottanti anteriori da 310 mm, potenti pinze ad attacco radiale e 4 pistoncini, e disco posteriore da 256 mm con pinza 2 pistoncini. Il sistema antibloccaggio ABS a due canali è di serie.

Le misure geometriche della ciclistica sono improntate all’agilità, senza mettere in secondo piano la stabilità necessaria ad una moto progettata per affrontare anche lunghi viaggi, a pieno carico e ad alta velocità: l'inclinazione del canotto di sterzo è pari a 26,5°; l'avancorsa è di 103 mm e l’interasse misura 1.475 mm. Il peso in ordine di marcia e con il pieno di benzina (20,8 litri) è di 242 kg. 

Così come la ciclistica è fondamentale per il nuovo Crossrunner, lo è altrettanto il suo performante motore. La cilindrata effettiva è di 782cc. Il suo V4 di 90° con distribuzione VTEC a 16 valvole offre più coppia ai regimi medio-alti – con un picco di 75 Nm a 8.500 giri - e maggiore potenza ai regimi elevati, ben 106 CV a 10.250 giri/min, con la possibilità di allungare fino a 12mila giri.  Personalmente avrei preferito un allungo leggermente inferiore con una maggior coppia, posizionata a un regime di più frequente utilizzo.


Come una sorta di “Dr. Jekyll and Mr. Hyde” del mondo a due ruote, anche il nuovo Crossrunner vanta il sofisticato sistema di distribuzione Honda Hyper VTEC. Esso prevede che fino a circa metà regime il motore lavori a 2 valvole per cilindro, in modo da massimizzare l’erogazione di coppia e la fluidità di marcia, passando poi al funzionamento a 4 valvole per cilindro superata la prefissata soglia di giri. 

Rispetto al Crossrunner di precedente generazione, dotato di due radiatori laterali, il nuovo modello 2015 ha il sistema di raffreddamento del liquido refrigerante frontale, sdoppiato (una soluzione derivata dalla leggendaria RVF-RC45 superbike), che ha permesso di compattare l’ingombro trasversale rendendo la moto più facile da manovrare. Frontalmente si trova il condotto di aspirazione, posto sul lato superiore sinistro, che incanala un consistente flusso d’aria verso l’airbox.

Il nuovo Crossrunner Travel Edition, oltre al completo equipaggiamento di serie, prevede un allestimento ancora più ricco, con tris valigie in tinta, kit tubolari antiurto in alluminio, luci fendinebbia a LED e cavalletto centrale, il tutto ad un prezzo di listino di 13.990 euro. Non economico in assoluto ma allineato alla concorrenza e proporzionato al livello tecnologico del mezzo.

Per chi volesse ulteriormente equipaggiarlo sono disponibili anche:

• Cambio rapido ‘quickshifter ‘
• Kit presa 12 V
• Bauletto da 31 litri in tinta
• Parafango posteriore a filo ruota
• Allarme antifurto
• Borse interne per bauletto e valigie laterali
• Antifurto meccanico a U

• Terminale di scarico in titanio Akrapovic

Ed ora vi rimando al video, noi con questa Crossrunner ci siamo proprio divertiti, provatela e farete altrettanto anche voi.



comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Test Scooter, Sym: Fiddle III 200i

Test Scooter, Sym: Fiddle III 200i
in Prove moto

MXGP Lettonia: Cairoli dolorante limita i danni

MXGP Lettonia: Cairoli dolorante limita i danni
in Offroad