Harley-Davidson XR1200X Kit e ti diverti anche nel misto

di Gianluca Zanelotto

Harley-Davidson XR1200X Kit e ti diverti anche nel misto


Da Harley-Davidson una declinazione sportiva ma con garbo dell'inossidabile V-Twin

First look
Cioè, quando ti dicono che c'è un'Harley sportiva da provare un sorriso mica riesci a nasconderlo, ti viene subito da pensare a mezzi di una certa dimensione e peso, con motori belli robusti ma non certo sportivi. Ed invece...

Prendendo spunto da dalla moto da corsa icona Harley, l’XR750, la gamma XR1200 nasce proprio dal desiderio di creare una Harley-Davidson da strada capace di divertire anche sui percorsi tortuosi, caratteristica questa esaltata dai particolari presenti in questa versione Kit.

E allora ci fai un giretto intorno, inizi a guardare da vicino i freni sovradimensionati, gli ammortizzatori di qualità, la buona luce a terra.

Non dico che ti ricredi subito ma almeno inizi a pensare che qualcosa di buono c'è.

Insomma questa XR1200X in versione kit anche parcheggiata sul lungolago fra naked sportive e varie RR fa la sua porca figura. Se poi alla guida c'è pure qualcuno con buona mobilità del polso destro la figura bella la fa anche fra le curve.

Ma andiamo per ordine: la nostra H-D XR1200X si presenta con una livrea nero opaco molto elegante che contrasta piacevolmente con i particolari in bianco ed i vari filetti rossi presenti sul serbatoio e varie altri componenti.
L'insieme è particolarmente equilibrato e contribuisce a donare una linea molto filante alla moto e sportiva, sportività sottolineata anche dagli ammortizzatori con serbatoio separato e i terminali Termignoni in fibra di carbonio.

All'avantreno elemento distintivo risulta essere anche il piccolo cruscotto composto da due elementi circolari, un grande contagiri centrale di tipo analogico e un secondo elemento, più piccolo, decentrato sulla sx e dedicato al tachimetro.

Motore
IL motore della Harley-Davidson XR11200X è un misto di aspetto tradizionale e tecnica aggiornata secondo gli ultimi dettami, ritroviamo quindi un motore bicilindrico a V da 1200cc con sofisticato sistema di raffreddamento delle teste ad olio e iniezione elettronica di ultima generazione, la Kit è in grado di erogare 90 cv a 7.000 rpm con una coppia di ben 100 Nm a soli 3.700 rpm.

Particolarità di questa iniezione elettronica e sequenziale (ESPFI) è quella di avere il condotto verticale e il sistema attivo di aspirazione dell’aria a controllo elettronico, in grado di parzializzare l'aspirazione e aumentare la coppia a disposizione ai più bassi regimi oltre a contribuire a ridurre il rumore.

E' un motore che accetta la piena apertura del gas a regimi di poco superiori al minimo e fornisce una spinta piena fino all'intervento prematuro del limitatore che interviene con decisione nei dintorni dei 7.000 RPM indicati. A giudicare dalla viva spinta presente all'intervento del limitatore è lecito supporre che un ulteriore migliaio di giri "buoni" sarebbe stato sfruttabile ma in H-D avranno saggiamente deciso di puntare sulla longevità del motore più che sulle prestazioni massime.

Le vibrazioni sono presenti ma in misura tutto sommato limitata. Sono comunque vibrazioni a grana grossa, che non infastidiscono, al limite massaggiano, in stile Ducati se vogliamo. Quindi più esibizione di personalità che difetto. Il cambio a 5 marce è abbastanza rapido nei passaggi di marcia seppure leggermente duretto.

Ciclistica
La ciclistica della XR1200X Kit ricalca quella della versione standar, ritroviamo quindi un telaio a doppia culla in tubi
tondi d'acciaio in cui il motore è montato con l'ausilio di supporti antivibrazioni. Le sospensioni sono invece uno degli elementi qualificanti della versione Kit. Ritroviamo infatti una forcella Showa a taratura sportiva con forcella a steli rovesciati da 43 mm e ammortizzatori sempre Showa completamente regolabili.

Il comparto freni riceve anche lui la cura Kit e si avvale di un impianto full Nissin, composta da splendidi dischi con profilo wave anteriori da 292 mm lavorati da pinze a 4 pistoncini e un singolo disco posteriore da 260 mm con pinza a doppio pistoncino. Le tubazioni sono in treccia per donare il massimo del prontezza alla frenata.

E' un impianto che si comporta in modo veramente sportivo, con una frenata all'anteriore molto pronta e potente ma modulabile quanto basta. Anche sovradimensionato per le prestazione massime di questo moto. Al posteriore abbiamo un comprimario che si limita a rallentare e risulta utile per sostenere la moto nelle svolte strette e nei tornanti (mai provato? Allora un suggerimento: nei tornanti o nelle curve strette a bassa velocità premete leggermente il freno posteriore e nel contempo date leggermente gas a bilanciare, la curva vi riuscirà meglio, moto più stabile e minor tendenza a cadere all'interno curva...).

E' una ciclistica sana e ben sostenuta, con sospensioni dal piglio veramente sportivo, se cercate un'Harley comoda la XR1200X Kit non fa per voi. Se invece certa una moto con la ciclistica precisa e sospensioni non mollaccione ecco che ci siamo.

Nella pratica il tutto si traduce in una luce a terra di circa 40° per lato, più che abbastanza per il 90% dei motociclisti da strada.
Luce a terra sfruttabile appieno grazie alla gommatura sportiva Dunlop D209 in misura su supersportiva, 120/70 ZR 18"
anteriore e 180/55 ZR17. Sono una versione sviluppata appositamente per questo modello, svelte ad entrare in temperatura e prive di effetto autoraddrizzante pur entrando in curva ancora pinzati.

La nostra H-D XR1200X Kit è dotata di esclusivi cerchi in lega a 3 razze di ispirazione Flat Track, con finitura pinstripe arancione sul bordo esterno, in tinta con le varie filettature su serbatoio e codino.

La posizione di guida è abbastanza comoda anche per viaggi a medio raggio mentre risulta azzeccata per il raid domenicale sui passi alpini pur con una sella alla comoda altezza di 795 mm, nei fatti tutto il dimensionamento di questo modello è stato fatto in funzione della corporatura e statura media dell'utente europeo.

Infine anche il manubrio è specifico per questo modello, si tratta infatti di una versione “low-rise” che porta a caricare bene l'avantreno, a tutto vantaggio della precisione di guida, seppure senza risultare scomodo alla lunga quanto due semimanubri puri.

Su strada
Come detto in precedenza potrebbe sembrare una bestemmia considerare un modello Harley-Davidson come sportivo ma in questo caso ci salviamo l'anima e parliamo a ragion veduta. Intendiamoci, non è un oggetto da sparo autostradale o vita persa sulla Cisa. Però in Serravalle a scendere verso Genova oppure su qualsiasi misto stretto è moto che può dire la sua e in modo autorevole.

Il motore è in grado di portar fuori con bella spinta dalle curve più strette, la ciclistica è bella solida e i freni potenti quanto basta se non di più. Diciamo che come sempre accade il limite è solo nel polso e nella quantità di epitelio addominale del conducente (leggasi "pelo sullo stomaco").

Per il mio test ho portato la XR1200X nella zona del triangolo Lariano, quindi, nella pratica, il percorso iniziale si è snodato in un bel Lecco-Bellagio-Ghisallo-Asso-Muro di Sormano-Pian del Tivano-Como. Più un giretto fino a Genova tanto per.

Ecco, nel primo ambiente la XR1200X Kit è una moto che può dare soddisfazioni di guida non indifferenti, con riprese da strappare le braccia in uscita di tornante e staccate toglifiato a fine rettilineo. Anche in discesa i tubi in treccia e la buona qualità complessiva dell'impianto evitano l'insorgere di fenomeni di fading o allungamento della corsa della leva del freno. Nel complesso non parliamo di reazioni e velocità da supermotard ma comunque di guida bella allegra, sportiva nel senso pieno della parola, sempre assecondati da un mezzo sincero e con la giusta dose di cavalli che non mettono mai in difficoltà.

Anche in Serravalle, nella parte lenta a scendere, la XR1200X entra molto svelta in piega, mantenendo la linea impostata in modo rigoroso salvo la presenza di evidenti buche o crepe nell'asfalto che gli ammortizzatori posteriori tarati sul rigido non sono in grado di assorbire del tutto, trasmettendo qualche incertezza al conducente.

Nelle S veloci la Kit danza da una curva all'altra con limitati trasferimenti di carico e assenza di ondeggiamenti, un altro pianeta rispetto a certe naked di fascia economica.

La velocità massima non dovrebbe essere argomento di discussione, non è moto nata per correre sul dritto, comunque dovrebbe attestarsi sui 200 km/h.

Se volete anche viaggiare in due il posto per il passeggero è ricavabile sostituendo il coperchietto del codino con l'apposito strapuntino. E' una sistemazione comunque abbastanza spartana, dedicata a quelle coppie veramente innamorate in cui lei farebbe qualsiasi cosa per il suo lui. Io preferisco comunque godermela da solo, troppo divertente farsi su e giù dal Ghisallo in perfetta solitudine.

Conclusioni
La Harley-Davidson XR1200X Kit è una buona moto sportiva nuda, non la banale naked economica ma un mezzo con molte peculiarità, in grado di accendere il sorriso dentro al casco anche dei più acerrimi nemici del V-Twin di Milwaukee. E' una moto che si lascia portare ad andature divertenti senza faticare e senza l'ansia di fare attenzione a come si apre il gas, la spinta del motore è sempre poderosa ma priva di picchi fastidiosi.

Se invece cercate una supermotard oppure un mezzo da monoruota in uscita di curva non è questo il mezzo adatto a voi.

Il prezzo non è certo popolare, sono 12.700 euro più circa 2.400 per il kit, ma il risultato è veramente ottimo sotto tutti i punti di vista seppur rimanendo più elevato della media del mercato. E' lo scotto da pagare per un mezzo in ogni caso esclusivo e fuori dal coro.

Caratteristiche tecniche

Lunghezza 2225 mm
Altezza Sella Senza Carico 795 mm
Luce a terra 150 mm
Inclinazione cannotto sterzo 29.3 °
Avancorsa 130 mm
Interasse 1515 mm
Capacita' serbatoio carburante 13.3 L
Capacita' carter olio 2.65 L
Peso a vuoto
Peso a secco 250 kg
In ordine di marcia 260 kg 

GRUPPO MOTORE-TRASMISSIONE
Motore 3 Evolution®, raffreddato ad aria
Cilindrata 1202 cc
Alesaggio X Corsa 88.9 mm / 96.8 mm
Coppia (Normativa EU EC95/1) EEC/95/1
Coppia (Normativa EU EC95/1) 4 100 Nm @ 3700 rpm
Sistema di alimentazione Iniezione elettronica sequenziale (ESPFI)
Rapporto di compressione 10.0:1
Trasmissione primaria Catena, rapporto 57/34
Rapporti Trasmissione
1a 10.78
2a 7.702
3a 5.726
4a 4.747
5a 4.071
6a NA
CERCHI / PNEUMATICI
Cerchi
Ant 5 A 3 razze, in lega di alluminio, colore nero
Cerchi opzionali 5 N.D.
Post 5 A 3 razze, in lega di alluminio, colore nero
Pneumatico
Ant 120/70ZR18 M/C
Post 180/55ZR17 M/C

 

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Test Jerez: fiducia per il Team Italia (aggiornato)

Test Jerez: fiducia per il Team Italia (aggiornato)
in Motomondiale

KTM raddoppia: due team nell'IDM

KTM raddoppia: due team nell'IDM
in Campionati e trofei nazionali

Macota: Autorinnova e Primer

Macota: Autorinnova e Primer
in Accessori moto