Pierfrancesco Chili da Misano: le moto ancora nel cuore, ma non solo

di Federica Restuccia

Pierfrancesco Chili da Misano: le moto ancora nel cuore, ma non solo

Tra i molti volti noti presenti alla recente presentazione del nuovo Team Italia 2013, a Milano, spiccava un campione del passato come Pier Francesco Chili, che si è concesso a noi MotoCorse per un’intervista tra passato e presente.
  
MC. Tu sei una leggenda per tutto mondiale Superbike oltre che per il campionato italiano, hai corso in tutte le categorie.
PC.

Si diciamo che è stata una carriera abbastanza lunga, 24 anni, mi sono divertito ed ho cercato di far divertire spesso,soprattutto nella Superbike sono stato sempre visto come il Robin Hood della situazione perché riuscivo a vincere  con le moto private e davo speranza a tutte le altre squadre private di poterci riuscire. Alla fine di tutti gli anni che ho fatto in Superbike ho corse 276/277 gare, ho fatto 61 podi e ne ho vinte 17; poi in Motogp ho fatto 115 gare tra 500 e 250 e ho vinto cinque o sei gran premi anche li e podi tanti altri podi.

 
MC. Una domanda secca, come mai sei stato il pilota più amato in Superbike? Tu sei paragonabile solo a Troy Bayliss.
PC. Forse perché siamo due persone alla stessa maniera, nel senso, lui è stato anche bravo a vincere quattro mondiali, io o per una ragione o per l’altra non ne ho portato a casa neanche uno, però sono sempre stato un combattivo,sincero, senza peli sulla lingua un po’ com’è lui. Quando io ho smesso ci siamo anche parlati da uomini non da piloti e penso che lui abbia molte cose da condividere con me.

MC. Un carattere il tuo molto focoso sia in pista che fuori 
PC. Sono fatto così, perché credo in quello che faccio e quindi non mi tiro indietro davanti alle difficoltà e ho un temperamento molto caldo.
 
MC. I tuoi ricordi più belli da pilota quali sono? La tua gara da incorniciare?
PC. Quando me lo chiedevano quando correvo dicevo quella di domani, invece adesso che non corro più ci sono tante di gare, ogni gara vinta o per un motivo o per un altro, siccome erano gare molto sofferte hanno messo un segno nei mie ricordi e quindi le ricordo tutte molto volentieri.
 
MC. Quindi non hai una gara preferita? 
PC. No, se ne dico una ne trascurerei un’altra e non mi va di dirlo.

MC. Invece adesso raccontaci Chili oggi.
PC. Chili oggi aiuta la moglie negli stabilimenti balneari a Misano, e adesso che Kevin ha incominciato a correre, cerco di esserci il meno possibile dietro di lui perché i genitori sono sempre un danno; adesso ho un cugino che ha messo su una squadra e cerco di dargli una mano molto da lontano, nel senso che non voglio essere li di persona anche perché non potrei, ma mi fa piacere che ci sono diversi giovani che stiamo allenando e stanno andando bene.
 
MC. Quindi anche tu come tanti ex piloti ti stai riavvicinando ai motori?
PC. No più che altro è mio cugino che mi ha attaccato questa “malattia” come fu suo padre ad attaccarmi la “malattia” di andare in moto, lui mi sta ritirando dentro a questa situazione.
 
MC. Tuo figlio Kevin ha iniziato a correre, tu gli dai qualche consiglio o sei completamente al di fuori?
PC. Pochi, perché preferisco che lui sbatta contro le realtà dei propri coetanei personalmente perché provare di persona è sempre una cosa che ti lascia un’impronta diversa da quella se viene raccontata da qualcuno altro.
 
MC. Kevin può essere come il padre?
PC. Sicuramente se non nello sport in qualche altra parte, è molto motivato è un bravo ragazzo e anche se non riuscirà nelle moto per me non sarà un grosso problema; non spingo perché riesca e se un giorno riuscirà è perché troverà divertimento in quello che fa; che sia il pilota o qualsiasi altra attività. 




comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Gareggiare in pista senza un braccio o una gamba

Gareggiare in pista senza un braccio o una gamba
in Campionati e trofei nazionali

Ritrovo a Spa-Francorchamps per il Bikers' Classics

Ritrovo a Spa-Francorchamps per il Bikers' Classics
in Turismo - Motoraduni