Mondiale Trial Indoor : Bou inarrivabile

di Giorgio Papetti

Mondiale Trial Indoor : Bou inarrivabile

Anche se il titolo era già stato assegnato a Tony Bou a Milano è andata in scena una grande finale. Dopo due anni il trial mondiale è tornato al forum di Assago e il pubblico lo ha accolto con una grande presenza, malgrado il nubifragio, e con tutto il calore che gli appassionati di questa disciplina sanno trasmettere.  È mancata solo l'incertezza della vittoria finale, essendosi  Tony Bou già aggiudicato il Mondiale grazie a una supremazia imbarazzante (5 vittorie su 5, che sono diventate 6 su 6 con quella di Milano ), ma per il resto è stato un grande spettacolo.

Merito degli organizzatori, del Moto Club Lazzate e di Sergio Canobbio, che ha disegnato zone spettacolari  ed estremamente tecniche.

A contendersi l'ultima gara in programma c'erano i migliori specialisti, a cominciare da Tony Bou (Montesa), Adam Raga (Gas Gas), Albert Cabestany (Sherco), Jeromi Fajardo (Ossa) e Takahisa Fujinami (Montesa), al quale è andato il sostegno del pubblico per la terribile catastrofe che sta sconvolgendo la sua nazione. All'evento erano presenti anche gli inglesi James Dabill (Beta), Michael Brown (Gas Gas) e Jack Challoner (Beta), oltre al pilota del Moto Club Lazzate Matteo Grattarola (Gas Gas). I 9 piloti in gara si sono sfidati dapprima su un percorso composto da 4 zone, al termine del quale sono stati eliminati il nostro Matteo Grattarola, Fujinami e Chalonner.  Un vero peccato per Grattarola che sperava di agguantare almeno la semifinale. Purtroppo dopo un avvio molto buono il pilota del Motoclub Lazzate ha inanellato una serie di 5 che lo hanno relegato all’ultimo posto in classifica.  I sei piloti qualificati si sono affrontati in una sfida a due sul temibile parallelo.  Il punteggio ottenuto è servito quindi come base di partenza per la semifinale, sempre svolta su 4 zone, che ha visto uscire di scena  Brown e, a sorpresa, Cabestany.  Adam Raga in finale vedeva così avverarsi la possibilità di agguantare il secondo posto in classifica, ma un eccellente Fajardo su Ossa ha impedito che il sogno si avverasse. La terza posizione, dietro all’inarrivabile Bou e a Fajardo, non è infatti bastata per scavalcare Cabestany e Raga si è dovuto accontentare della terza posizione sia in gara sia nella classifica finale del Mondiale.

Ancora una volta Tony Bou ha dimostrato di essere inarrivabile per tutti gli avversari e ha regalato uno spettacolo che da solo valeva il prezzo del biglietto. Non sono serviti nemmeno gli ostacoli impossibili progettati dal perfido Canobbio. A tratti Bou sembrava quasi giocare al gatto e al topo con gli avversari, superdando ostacoli che nessuno è stato in grado di passare per poi sbagliare di tanto in tanto cose semplicissime, quasi volesse evitare di infierire oltre misura sugli altri piloti.

Questa la classifica finale del campionato mondiale

1. Tony Bou (Spa - Montesa) 

2. Albert Cabestany (Spa - Sherco)

3. Adam Raga (Spagna - Gas Gas)

4. Jeroni Fajardo (Spa - Ossa)

5. Takahisa Fujinami (Jap - Montesa)

6. Jack CHalloner (Gbr - Beta)

7. Michael Brown (Gbr - Gas Gas)

8. James Dabill (Gbr - Beta)

9. Loris Gubian (Fra - Gas Gas)

10. Grattarola (Ita - Gas Gas)

10. Iolitta (Ita - Beta)

10. Gomez Alfredo (Spa - )

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

TSS: nuovi kit reggisella e frizioni antisaltellamento

TSS: nuovi kit reggisella e frizioni antisaltellamento
in Accessori moto

Il Team Gresini Moto2 passa a Bitubo

Il Team Gresini Moto2 passa a Bitubo
in Motomondiale

Suzuki-Rizla: Hopkins in sella da Jerez

Suzuki-Rizla: Hopkins in sella da Jerez
in Motomondiale

GP Qatar, Losail, QP MotoGP: Stoner Show.

GP Qatar, Losail, QP MotoGP: Stoner Show.
in Motomondiale