Il Mototurismo a Ferrara, segno tangibile di solidarietà per l'Emilia

Il Mototurismo a Ferrara, segno tangibile di solidarietà per l''Emilia

Lo scorso week end a Ferrara si è compiuto quel gesto di solidarietà, fortemente voluto dal Comune di Ferrara e dal moto club Estense, annunciato dalla Commissione Turistica: essere presenti al motoraduno programmato per il 16 e 17 di giugno e, per un paio di giorni, condividere con gli abitanti di Ferrara e i soci di questo antico moto club, la voglia di ricominciare. 

Questo, nonostante un giustificato timore per lo sciame sismico, che si è fatto sentire e che indubbiamente ha ridotto il numero dei partecipanti a poco meno di 150 unità.

Ma non importa, il segno tangibile della solidarietà e dell’affetto verso gli abitanti della pianura padana, così duramente colpiti, è stato portato avanti, anche con le difficoltà del caso: spostamento del luogo del raduno (inizialmente previsto ai piedi della statua di Ariosto, in pieno centro storico) verso un’area periferica, ospiti della Contrada di San Giovanni e in piena atmosfera del  Palio di Ferrara, con tanto di spettacolo dedicato ai mototuristi, con sbandieratori, figuranti in costume e mangiatori di fuoco; poi il grandissimo caldo, che non ha impedito, comunque, la realizzazione del programma “turistico/culturale” che prevedeva la visita guidata ai palazzi degli Estensi nell’area storica di Ferrara, con più che visibili i segni tangibili delle conseguenze del sisma.


Durante le premiazioni il presidente del Moto Club Alba, Guido Bottino, ha consegnato al moto club Estense una busta con oltre 500 Euro, raccolti tra i partecipanti piemontesi al Raduno di Ferrara; anche gli organizzatori dell’evento hanno fatto altrettanto, devolvendo il ricavato della lotteria interamente  a costituire un cospicuo aiuto, che è stato già consegnato a due asili distrutti dal terremoto di maggio, per le prime opere di ripristino e per garantire la continuità del servizio sociale con l’arrivo dell’autunno: a San Bartolomeo in Bosco (FE), l’asilo Maria Bambina; a Porotto (FE) l’asilo della Parrocchia SS. Filippo e Giacomo.Un bel gesto di solidarietà “pratica” on site , dove serve e al momento giusto.

La manifestazione, inoltre, era valida come prima prova del Trofeo Nazionale Piero Bottino (vinta da il moto club emiliano Un Pò Alluccinati ) e come Trofeo Turismo Nord. Affermazione del moto club Alba e del già citato moto club Un Pò Alluccinati nelle graduatorie del motoraduno.
In conclusione, una giornata di soddisfazione per tutti, con la convinzione di aver speso bene il week end. Peccato per chi non era presente.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Rumors: rumori rumori ...

Rumors: rumori rumori ...
in In blog Veritas

Il doppio round del Civ al Mugello

Il doppio round del Civ al Mugello
in Campionati e trofei nazionali

Giustizia Sportiva FMI sui fatti di Sarno

Giustizia Sportiva FMI sui fatti di Sarno
in Campionati e trofei nazionali