Marco Melandri: "con la Yamaha non mi divertivo più"

Marco Melandri, acclamato dal pubblico del Motor Show, commenta la stagione appena conclusasi.

In un clima simpatico e divertente, Marco ha raccontato le difficoltà incontrate nella stagione appena conclusasi, con gli occhi ha espresso la gioia di chi centra un obiettivo: correre con la Honda con una squadra che condivide lo stesso entusiasmo e la stessa passione.

"Sono stato impressionato dalla potenza del motore " commenta, "la moto va fortissimo. Il primo assaggio mi ha lasciato un bel sapore in bocca e non vedo l'ora che sia gennaio per tornare a guidare".

Marco non risparmia parole per il suo nuovo team: "mi sono trovato molto bene con Fausto Gresini e tutta la squadra, la mattina mi alzo 30 minuti prima per arrivare nei box, scherzare un po' e poi iniziare a lavorare."

“Lo scorso anno avevo una comunicazione difficile con la squadra e questo non ha sicuramente facilitato il lavoro”-
ha spiegato il pilota ravennate - “Non credevo più in me stesso e correre in moto non mi divertiva più. Spesso cercavi il risultato a tutti i costi. Così spingevo al limite la moto, cosa che mi ha portato spesso a sbagliare. Non mi voglio accontentare; correre ottenendo dei risultati per me è importante, correre per andare a spasso non è nel mio DNA”.

Che cosa ti aspetti dalla prossima stagione?

“Ho provato la moto alla Honda e mi sono trovato molto bene. Si dice che la Honda sia una moto più semplice, probabilmente in questo momento è ciò che mi serve. In confronto alla Yamaha è più adatta al mio modo di guidare, la prima cosa che mi ha colpito è il motore che va molto forte. Ho riacquistato la mia serenità grazie anche al nuovo team.

E’ in gran parte composto da romagnoli, come me, e questo mi fa sentire a mio agio e mi da la possibilità di tornare a correre divertendomi. Punto ad ottenere non solo qualche podio ma anche almeno una vittoria. Il team è un punto importante per ripartire, l’atmosfera è bella, si ride, si scherza, ci divertiamo tutti e questo penso sia il modo giusto di lavorare. Stare in squadra con Valentino è difficile.

Con Sete mi trovo bene. Anche di Valentino sono sempre stato amico, fin dall’infanzia quando abbiamo iniziato a fare le gare insieme. Adesso nel Motomondiale c’è poco spazio per i rapporti umani, ma quando ci troviamo qualche volta a cena riusciamo a parlare. È un grande pilota forse il migliore di tutti i tempi. Il merito della vittoria Yamaha è stato al 70% suo”. 

Come vive Marco Melandri?

“Mi alleno sei volte alle settimana, ma per me non è un peso. Comunque riesco ad avere una mia vita privata, come quella dei ragazzi della mia età. Mi piace la musica; preferisco ascoltarla piuttosto che guardare la televisione. Mi sposto preferibilmente con un scooter. Sono comodi e ti consentono di tenere velocità di estrema sicurezza. Gli automobilisti, sulle strade di tutti i giorni, dovrebbero comunque avere più rispetto nei confronti dei motociclisti”

comments powered by Disqus

Altri commenti

ANCORAVIVO

Questa se la poteva proprio risparmiare.
Che sia stato colpito da Biaggite acuta?

Inserito: 07 dicembre 2004
CapoGiuseppe

E' un pò di tempo che tiene la lacrimuccia facile.Lo ricordo in una intervista da cui si vedeva chiaramente che non era tranquillo e sereno.
Saluti
Franz

Inserito: 07 dicembre 2004
cleo01

"Valentino è un grande pilota forse il migliore di tutti i tempi. Il merito della vittoria Yamaha è stato al 70% suo".

Marco Melandri, come ti permetti di smentire Slow ?

Inserito: 07 dicembre 2004
matteooooo

IMHO uno dei piloti più sopravvalutati della MotoGP....

Inserito: 07 dicembre 2004
TDR_250

Un buon pilota da 250(a patto che non ci siano grossi campioni a correre).
Nulla di più.

Inserito: 08 dicembre 2004
PhD

Dopo l'ultima gara aveva dichiarato "sono veramente contento che questa stagione sia finita". Temo che al suo team abbiano detto la stessa cosa e dopo tutte le carene che gli ha distrutto nemmeno loro si divertivano più tanto...

Inserito: 09 dicembre 2004
MDV78

non sono d'accordo con voi..

Inserito: 09 dicembre 2004
marcello07

Dire che Vale ha fatto il 70% e la moto di conseguenza solo il 30 significa che tu non sei stato capace d'inventarti niente, di comunicare ai meccanici qualche soluzione o settaggio capace di stare in coda al campione, davanti per uno come te sarebbe inimmaginabile.
Sappi che in honda ci sono i Gibe (quindi nella tua squadra parti già secondo), i Max, i Tamada ecc. quindi neanche quest'anno sarà facile. Sei riuscito a farti battere nel titolo di rookie da Xaus il quale buon per lui non deve pagare le carene che sfascia altrimenti addio stipendio.
Il consiglio di un tuo tifoso, di uno ormai stufo di tifare per un pilota che sa solo lamentarsi è quello di non sputare nel piatto di chi è stato così gentile di farti correre con la moto campione del mondo nonostante i risultati scadenti. In questo caso credo che i tuoi pochissimi podi siano solo merito della moto che grazie a Vale ed al suo team ha potuto esprimere il suo reale
potenziale.
Cresci marco, cresci che gli altri ti hano già doppiato.

Inserito: 10 dicembre 2004
pescespada

In c@@o alla balena per il prossimo anno, chissà che non possa diventare anche lui in protagonista del podio il prossimo anno.

Lamps


Inserito: 10 dicembre 2004
MDV78

troppo facile sparare a zero così.
la mto campione del mondo è quella di Valentino non le altre 3 yamaha...ma non l'avete ancora capito!?!

Inserito: 10 dicembre 2004
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Nuovo Power Commander Dynojet per BMW

Nuovo Power Commander Dynojet per BMW
in Accessori moto

Premiati al Motor Show i Campioni Honda

Premiati al Motor Show i Campioni Honda
in Altre notizie

Test: Nolan N101 VPS

Test: Nolan N101 VPS
in Accessori moto

Moto Morini Corsaro 1200

Moto Morini Corsaro 1200
in Moto e mercato