Test Jerez: cadute ma buon passo per Redding e Kallio

Test Jerez: cadute ma buon passo per Redding e Kallio

Scott Redding e Mika Kallio sono pronti per la prima gara del 2011 in Qatar. Dopo aver potuto girare pochissimo nella prima giornata a causa di pioggia e grandine, entrambi i piloti del team Marc-VDS hanno cercato di inanellare più giri possibile nei giorni successivi - freddi ma soleggiati. Redding ha sfruttato le condizioni del secondo giorno per affinare l'assetto della sua Suter MMXI, riuscendo a completare buona parte del suo programma di lavoro nonostante una scivolata alla velocissima curva sette nella sessione pomeridiana. Giornata molto frustrante, invece, per Kallio: alla prima uscita dai box è scivolato sull'acqua persa dalla moto di De Angelis, dovendo poi attendere quattro ore mentre la squadra lavorava per risistemare la moto.

Nonostate i problemi, il finlandese si è mostrato a suo agio in sella alla Moto2, chiudendo la giornata con il quarto tempo.


Il terzo giorno, Mika ha completato pochi giri prima di rientrare ai box a causa del dolore al pollice destro, infortunato nella caduta del giorno prima e gonfiatosi, nel corso della notte, in maniera impressionante. Redding ha usato l'ultima giornata per migliorare il feeling con l'avantreno, con significativi miglioramenti nel tempo sul giro una volta ritrovata la confidenza. Il pilota britannico sembrava determinato a rientrare nella top five, ma è stato frenato dal ritorno della pioggia, che già tanti test ha rovinato nel corso dell'inverno.

Scott Redding, 1'43"5: "Il meteo è stato il fattore più critico di questo precampionato: la pioggia e il vento hanno rovinato quasi tutti i test. Il primo giorno abbiamo avuto grandine e pioggia, per cui abbiamo fatto solo dieci giri in condizioni ben lontane dall'ideale. La seconda e terza giornata sono andate meglio, ma ho faticato a trovare il feeling con l'avantreno, cadendo per una chiusura dello sterzo senza preavviso alla curva sette. Oggi è stato forse il migliore dei tre giorni, quanto a meteo, e siamo riusciti ad ottenere diversi miglioramenti all'avantreno. Una volta ritrovata la confidenza, i tempi sono arrivati con una certa facilità, ma ad essere del tutto onesto, non ne posso più di provare - ora voglio correre. Voglio solo tornare là fuori a fare a sportellate, invece di girare in condizioni in cui serve a poco. Non manca molto, non vedo l'ora..."

Mika Kallio, 1'44"0: "Sapevamo che i test di Jerez sarebbero stati importanti, ma non avevamo capito quanto finché non siamo arrivati. Il primo giorno è andato sprecato per il tempo, e nel secondo sono caduto alla prima uscita. Abbiamo perso tempo a riparare la moto, ma a fine giornata ero comunque nei primi cinque. Purtroppo ho picchiato duro sul pollice, nella caduta, e si è gonfiato molto - era il doppio della sua dimensione normale, la mattina seguente. Nulla di serio, ma era dolorosissimo alla guida, e non riuscivo a controllare il gas. Qualche chilometro in più sarebbe stato utile, ma se non altro sappiamo di avere il passo giusto. Ora posso affrontare la prima gara con una certa fiducia."

Michael Bartholemy, Team Manager: "Pioggia, grandine e una gran brutta caduta hanno impedito a Mika di fare i chilometri che voleva in questo test - se non altro, la settimana scorsa, qui, aveva trovato l'assetto giusto, come ha dimostrato nel secondo giorno entrando nella top 5. Si è adattato bene alla nostra Moto2. Scott ha faticato a trovare un assetto con cui si senta sicuro sull'avantreno, e la caduta di ieri gli ha fatto perdere un po' fiducia. Feeling e sicurezza sono migliorati un po' con alcune modifiche apportate all'assetto, e sono sicuro che, se non fosse ricominciato a piovere nel pomeriggio, avrebbe chiuso ben più vicino alla vetta della classifica. Siamo pronti per il Qatar: entrambi i piloti sanno di avere il passo per vincere fin dalla prima gara."

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli più letti

Articoli precedenti su MotoCorse.com

Test Jerez: Smith vola, di Meglio migliora.

Test Jerez: Smith vola, di Meglio migliora.
in Motomondiale

Test Jerez: soddisfazione per il team Gresini

Test Jerez: soddisfazione per il team Gresini
in Motomondiale

Test Jerez: Bradl domina i tre giorni

Test Jerez: Bradl domina i tre giorni
in Motomondiale