Valentino Rossi e gli occhi della tigre

di Federico Bencivenni

Valentino Rossi e gli occhi della tigre

Dopo una sola gara del Mondiale Moto Gp tutti abbiamo dato fuoco alle polveri, commentando, scrivendo, dando giudizi ed opinioni sull'evento svoltosi in Qatar.

Si sono aperti dibattiti, forum, discussioni più o meno da bar, scambi di impressioni sullo stato di forma di Valentino Rossi e della sua moto, delle sue gomme, del suo modo di guidare.

Insomma sul come ha iniziato questa stagione 2008.

Ed allora anche io voglio con queste poche righe dare il mio personalissimo parere, assolutamente opinabile, su come ho visto Valentino, sperando semplicemente di alimentare una discussione utile e costruttiva-ai fini motociclistici-, e perchè no anche pungente.

Procediamo con ordine.

Il valore di Valentino come pilota non è assolutamente in discussione, e come si potrebbe discutere? Dopo tutto quello che ha vinto anche i suoi detrattori (per carità può anche non stare simpatico a qualcuno) non possono non riconoscere i suoi meriti di sportivo, oggettivamente parlando.

Ma a me personalmente, seguendo i test di questo inverno, e soprattutto vedendo la gara sul Circuito di Losail un dubbio ha iniziato a martellarmi il cervello: il "nostro"r agazzo di Tavullia ha ancora fame? Ha ancora quella sana cattiveria agonistica, che gli ha permesso di diventare ciò che è oggi, che gli ha fatto vincere gare a ripetizione, che gli ha consentito in passato di guidare anche "sopra" i problemi della moto? Ha ancora la voglia di mettersi in gioco, di nuovo, per un'altra stagione?

La risposta dovrebbe essere scontata almeno per il fatto che, se si è ripresentato in griglia per questa stagione 2008, lo avrà certamente fatto per vincere e non per fare la comparsa.

Tuttavia potrebbe anche starci il fatto che qualcosa, magari a livello inconscio, in lui sia cambiato o abbia iniziato a modificarsi. In fin dei conti è prossimo ai trent'anni, ha vinto tutto ciò che c'era da vincere, lo ha fatto con diverse moto, in tutte le cilindrate e per tanti anni. Andiamo su: le gomme, il telaio, il motore, il chattering? Ma non era Valentino che ci ha abituato a vederlo guidare al limite anche con gomme finite, magari con la moto non a posto?

Non era lui che lottava sempre e comunque per vincere, che "tirava" staccate mostruose con le gomme ormai sulle tele?

Sinceramente questa cattiveria agonistica ultimamente in Valentino non l'ho mica vista.

Certo posso sbagliarmi, ma credo che dopo tanti anni vissuti da protagonista, si possa anche accettare il fatto che sia venuta meno in lui quell'aggressività che gli ha permesso di affermarsi nell'Olimpo del Motociclismo Mondiale.

Secondo me quello "sguardo da tigre" che aveva prima e che faceva tremare - nei momenti cruciali- le vene ai polsi dei vari Gibernau & C. ora lo ha un po' perso.

E soprattutto non vedo più quel timore reverenziale che avevano prima gli altri piloti nei suoi confronti, e non lo vedo specialmente da parte dei giovani appena arrivati in Moto GP, mi riferisco ovviamente ai vari Lorenzo, Dovizioso e soci.

Detto questo, immagino che queste mie poche righe susciteranno pareri discordi, e sicuramente sarò anche smentito a Jerez, dove Valentino magari vincerà a mani bassi dopo aver ottenuto Pole Position e giro veloce in gara.

Spero per lui che sia così. Buona fortuna per questa stagione 2008.

In foto Rossi e Toseland in bagarre a Losail.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Anonymous

Buongiorno a tutti.....
Ma dai ragazzi il tempo passa per tutti, Vale rimane un grande, è ancora un grandissimo pilota, ma c'è poco da fare, gli occhi della tigre sono passati, le continue scuse ed i vittimismi denotano che il Campione ormai è alla fine della carriera.....consideriamo che poi negli anni d'oro i sui avversari erano Gibernau onesto pilota, e Biaggi campione nella guida ma non nella testa,Capirossi ottimo pilota ma nulla più, oggi invece abbiamo gente che va giù pesante, come Stoner lui si che ha gli occhi della Tigre, con mezzi all'altezza, sopratutto mezzi che primeggiano su piste differenti, come la Ducati di Stoner sulle piste con curvoni veloci, oppure la Honda sul misto, quindi il range per prendere punti si assottiglia molto e bisogna sbagliare poco ed essere sempre competitivi.
Oggi il campionato è più incerto di qualche anno fa e a mio parere Stoner e sopratutto dopo la gara del Quatar Pedrosa mi ha impressionato, con qual polso malandato ed i problemi tecnici ha preso un terzo posto tutto cuore, sempre se in Giappone capiranno che non sono gli ingegneri a metterci il polso.

Inserito: 20 marzo 2008
Anonymous

Non è vecchio solo che non gode più dei vantaggi che lo hanno fatto "sembrare" un fenomeno..... Non gli fanno più le gomme apposta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Inserito: 21 marzo 2008
bulletta

Boh, non credo vincera' molto neanche quest'anno. Mi piacerebbe pero' almeno vederlo lottare.
Lo so che dico una cosa strana, ma io, tutte le volte che vedo Stoner con la moglie, non riesco a levarmi dalla testa che quel ragazzo ha una serenita' che sarebbe invidiabile in un uomo di trent'anni, ma che per un pischello di 21 e' addirittura extraterrestre. Serenita' che molti altri piloti, e certamente Rossi piu' di altri (fisco, esposizione mediatica, carattere), si sognano.

Non dico che Rossi dovrebbe sposarsi - a mio parere questo evento coincidera' con la fine della sua carriera - ma che dovrebbe anzi sforzarsi di ritrovare nelle piccole soddisfazioni del suo mestiere quella spinta in piu' che ormai gli manca da tempo. Tornare ragazzino, insomma, dimenticandosi di essere un "vecchio" pilota, carico di allori, e che, appunto, "non ha piu' nulla da dimostrare", come dice giustamente Edo in apertura di articolo.
Insomma, e' un discorso di testa. Se riparte quella, e' ancora in grado di dire la sua, e di farsi seguire da tutta la squadra, che certamente non e' esente da colpe nei risultati degli ultimi due anni.

Inserito: 22 marzo 2008
albatro

A parte Anonymus travagliato, che se ci fosse un topic sulla Fiat Panda, direbbe che Rossi ha vinto perchè gli facevano le gomme, l'analisi fatta mi sembra giusta: passano gli anni, hai vinto molto, prima o poi la direzione del vento cambia.....comunque vada a finire, dovremmo ringraziare Rossi, perchè prima di lui nella massima categoria, c'era Lucchinelli ad avere vinto un campionato. nel giurassico.

Inserito: 22 marzo 2008
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

<b>Misano, 10 Aprile ProDay only con Motocorse!</b>

Misano, 10 Aprile ProDay only con Motocorse!
in Giornate pista e corsi di guida

L'Altra Sardegna: i tour di primavera

L'Altra Sardegna: i tour di primavera
in Turismo - Tour e viaggi organizzati

Lattanzi sempre in testa al Trofeo Ktm

Lattanzi sempre in testa al Trofeo Ktm
in Offroad