Fantic Motor Fat Bike: il nuovo volto della mobilità sostenibile

di Gianluca Zanelotto

Fantic Motor Fat Bike: il nuovo volto della mobilità sostenibile

Dopo una grande attesa, è stata presentata oggi, mercoledì 15 luglio, nella

suggestiva location dell’AREA PERGOLESI a Milano, la collezione esclusiva FAT

BIKE di Fantic Motor, la prima bici elettrica realizzata sia nella versione sportiva

offroad specialistico sia in quella più stilosa urban mobility dedicata alla città.

FAT BIKE possiede il DNA dell’azienda Fantic Motor al 100%: lo stesso DNA che

ha appassionato generazioni di ragazzi e che continua ad essere un sogno per i

teenager di oggi.

Fantic è un’azienda ricca di valori dalle radici profonde, come la

passione per lo sport, la ricerca e l’innovazione continua ma soprattutto il rispetto

per la tradizione e la natura che si rispecchia in questa nuovissima bici elettrica.


Durante l’evento è stato più volte celebrato il marchio Fantic nato a Barzago

nel 1968 e fin da subito diventato un simbolo del mondo delle motociclette e

successivamente un mito del trial. Fantic si è aggiudicata infatti tre titoli mondiali

negli anni ’80 continuando a calpestare i podi sino al 1995. Poi è stata la volta degli

innumerevoli titoli internazionali nella categoria Enduro sino alla recente conquista

del Campionato Europeo nella classe enduro 300cc nel 2012 ed i titoli nazionali in

Belgio ed Italia nel 2014 nella classe enduro 50cc.


Non è stato possibile non nominare il mitico Caballero, una vera icona delle moto

degli Anni ’70, uno scrambler, sviluppato da Giulio Maffessoli, su telaio Verlicchi, di

colore argento, motorizzato Minarelli P4 SS con il caratteristico serbatoio giallo, una

piccola grande moto con look sportivo in grado di soddisfare il crescente desiderio

di fuoristrada che in quegli anni si faceva strada nei ragazzi.


Mariano Roman, Amministratore Delegato di Fantic Motor Srl, sul palco accanto

a DJ Ringo e Giovanni Di Pillo ha commentato con soddisfazione: “Oggi è un giorno

di grande emozione, andiamo a presentare i primi risultati della nostra passione,

competenza ed entusiasmo. Emozione, design e innovazione sono le tre parole

chiave che hanno guidato e guideranno il nostro lavoro e queste Fat Bike ne sono

la dimostrazione.”



Tra le personalità presenti all’evento anche Alberto Baban, Presidente di Venetwork,

che ha acquisito il 100% di Fantic il 1° ottobre 2014 ed è già in grado di mostrare gli

effetti della nuova gestione. Venetwork è una rete di imprenditori veneti che hanno

la missione di investire in attività imprenditoriali del Nordest ad alto potenziale per

rilanciare l’economia e l’occupazione nel territorio. Fantic non poteva non entrare

nel mirino di Venetwork.


Questa acquisizione ha l’obiettivo di rendere Fantic Motor un player di riferimento

nel mondo delle motociclette. Il piano prevede di investire in tecnologie innovative,

di valorizzare il design Made in Italy e di riorganizzare l’azienda rendendola pronta

alla creazione di nuovi prodotti sia nel mondo dell’off-road che della fashionable

urban mobility. La presentazione della collezione FAT BIKE rappresenta un passo

importante per l’azienda che si posiziona in modo concreto nel segmento della

mobilità urbana trendy ed ecosostenibile.


Alberto Baban, Presidente di Venetwork Spa e di Piccola Industria di Confindustria

nazionale, ha aggiunto: “Devo assolutamente confermare con grande entusiasmo

quanto io e Venetwork crediamo in questo nuovo ed promettente progetto di

Fantic Motor. Abbiamo voluto fortemente investire su questa realtà perché il team

Fantic è davvero molto ambizioso, è una grande squadra che secondo noi ha delle

forti e concrete potenzialità. La passione che loro emanano in tutto quello che

fanno ci ha contagiati e ci ha convinto nel continuare a voler fare crescere questa

azienda. Nel futuro, anche non troppo lontano, prevediamo un grande successo in

termini sia di numeri che di soddisfazioni, iniziando da questa nuova e importante

avventura delle bici elettriche FAT BIKE.”


La gamma di Fat Bike Fantic presenta degli eccezionali punti di forza che la

rendono leader naturale nel panorama dell’urban mobility: un motore potente,

gioiello della tecnologia tedesca, con un coppia superiore del 50% alla migliore

concorrenza, ma, al tempo stesso, il più piccolo e leggero della categoria. Una

trasmissione così silenziosa che vi permette di sentire i rumori del bosco o le

macchine che vi sia avvicinano in città e una batteria da 417 Ah che vi permette

sino a 120 Km di autonomia. Un impianto frenante sovradimensionato che vi dà la

sicurezza di fermarvi prima di qualsiasi ostacolo e, per finire, delle ruote generose

che vi permettono di assorbire le asperità di un sentiero così come sampietrini o

i binari del tram in ogni condizione di manto stradale. Grazie all’esperienza Fantic

sviluppata nelle moto da fuoristrada, la guidabilità è il punto di forza di questa

due ruote che vi fa sentire subito a vostro agio nei sentieri impervi così come nella

jungla cittadina. Vale la pena di menzionare alcuni particolari del telaio come il

carro posteriore corto a vantaggio della maneggevolezza ed i supporto motore

progettato per proteggere il motore da ogni urto, anche nelle condizioni di utilizzo

più estremo. Nessun particolare è stato lasciato al caso.



Due i modelli presentati: Fantic FAT SPORT, la versione sportiva e Fantic SEVEN

DAYS Urban Lifestyle Fat Bike, la versione metropolitana, un’alternativa trendy e

dallo stile moderno per muoversi comodamente nel traffico della città.

Fantic FAT SPORT è la versione più sportiva, un mix di stile italiano e tecnologia

tedesca con la migliore componentistica proveniente da tutto il mondo: motore

Brose fornitore di motori elettrici alle più grandi marche automotive europee.

Batterie della tedesca BMZ, leader di mercato nel suo segmento, forcelle Rock

Shox, e cambio SRAM GX, il meglio in tema di innovazione.



Studiata per le attività outdoor, permette di sostenere le imprese più ardite e

arrivare in luoghi che non tutti riescono a raggiungere, così l’avventura si trasforma

in pura emozione.


Anche Fantic SEVEN DAYS, la prima FAT urban elettrica al mondo, permette

di avere prestazioni comparabili a quelle di una sportiva ma che, nell’ambiente

cittadino si trasforma in una instancabile macina chilometri senza l’ansia di finire

la scorta di elettricità. La distingue un look contemporaneo che strizza un occhio

al passato impreziosita da elementi strutturali che permettono di caratterizzarla

esteticamente ed irrobustirla per farle superare le mille insidie del traffico e della

strada.



La Seven Days viene presentata sul mercato in tre varianti: vintage, carbon con la

forcella in carbonio e sport, con forcella ammortizzata.

Tutti i modelli in tutte le versioni hanno la caratteristica comune delle ruote grosse,

indiscusso sinonimo di maggiore sicurezza, totale libertà e massimo comfort; sia

in città, nelle varie condizioni di bagnato, pavè, rotaie del tram o salita e discesa

dai gradini del marciapiede sia nel terreno fuori strada in caso di fango, sassi, erba

bagnata o neve.




comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Test Scooter, Sym: Fiddle III 200i

Test Scooter, Sym: Fiddle III 200i
in Prove moto

CIV Imola: Luca Gherardi di Motocorse.com wild card con KTM RC390

CIV Imola: Luca Gherardi di Motocorse.com wild card con KTM RC390
in Campionati e trofei nazionali

Honda Crossrunner Travel Edition - due moto in una

Honda Crossrunner Travel Edition - due moto in una
in Prove moto

MXGP Lettonia: Cairoli dolorante limita i danni

MXGP Lettonia: Cairoli dolorante limita i danni
in Offroad