Suzuki GSX-R 600

(Vai alla photo gallery di questa moto)

L'evoluzione che ha portato le ipersportive da un litro di cilindrata ad avvicinare sempre più la sofisticatezza delle moto da corsa sta arrivando anche nelle medie cilindrate. Ha iniziato Honda con la CBR RR, seguita dalla Kawasaki ZX-6RR, ma in entrambi i casi si trattava di moto che si affiancavano in listino ad altre meno sofisticate e più adatte per l'uso di tutti i giorni.

Suzuki invece ha preferito non realizzare due modelli distinti, spingendo verso l'alto l'ago della sifisticazione della sua GSX-R 600, e puntando in modo chiaro e deciso alla leadership della categoria.

Il comunicato della Casa è chiaro, che più chiaro non si può: il miglior rapporto peso potenza della sua categoria.

Vediamo come è stato ottenuto.

Il motore

Un importante lavoro di affinamento è stato condotto per ridurre gli attriti interni e le perdite meccaniche, a tutto vantaggio dell'affidabilità, della costanza di prestazioni e della qualità dell'erogazione, oltre che ovviamente della potenza massima. Le bielle sono più leggere, i pistoni forgiati hanno una camicia ridotta e più sottile, risparmiando così peso in due componenti particolarmente importanti ai fini delle prestazioni.

Alla base di ogni cilindri sono stati praticati dei condotti di ventilazione, per eliminare l'aria pressurizzata che si crea al momento della discesa del pistone. Sembra che questo accorgimento da solo aumenti la coppia motrice alla ruota di circa il 2%!

La testata è completamente nuova, con camere di combustione più compatte ed un rapporto di compressione più elevato ottenuto riducendo l'angolo fra le valvole da 28 a 22 gradi. Questo permette anche di avere condotti di alimentazione più rettilinei, riducendo la resistenza all'ingresso della miscela nei cilindri.

Le valvole sono realizzate interamente in titanio, e sono quindi leggerissime a tutto vantaggio del raggiungimento di elevati regimi di rotazione. Avendo un'inerzia minore è possibile utilizzare molle più leggere e profili delle cammes più spinti.

L'alimentazione è affidata al sistema SDTV (Suzuki dua Throttle Valve) di iniezione elettronica, ottimizzato per eliminare le fastidiose incertezze che si verificano nel chiudi-apri, e che disturbano la delicata fase dell'accelerazione in uscita di curva.

La ciclistica

Il telaio della GSX-R 600 è completamente nuovo, così come il forcelone dotato ci capriata di rinforzo. I due travi principali del telaio sono realizzati per estrusione, ed è 15 mm più streto del precedente. Il telaietto reggisella è più semplice e lineare, ed è imbullonato al telaio principale.

La forcella è una bella Showa a steli rovesciati da 43 mm di diametro, completamente regolabile. Anche il mono posteriore è della stessa Casa, ed ha il serbatoio di espansione esterno; anche l'ammortizzatore è regolabile nel precarico molla e nel freno idraulico in compressione ed estensione.

Le pinze dei dischi anteriori vantano l'attacco radiale al piedino della forcella, e sono abbinate ad una pompa radiale Nissin e dischi completamente flottanti da 300 mm di diametro.

Il peso dichiarato è di soli 161 kg a secco, ed anche se ovviamente sarà calcolato "alla giapponese" sembra che effettivamente sia al top della categoria.

comments powered by Disqus

Altri commenti

matrixgab

rialesando i cilindri si ottiene una GSXR1000...risparmiando un bel po di soldi!!!
scherzi a parte,la 750 l'hanno definitivamente abbandonata?

Inserito: 17 settembre 2003
nitoaz

Come detto da IMPETO72 a quest'ora la jap dovrebbero, visto quanto aumentano la rigidità dei loro telai ogni anno, averli (i telai) fatti con le rotaie!!! :-)))

Inserito: 17 settembre 2003
telepat

Il vero problema delle moto jap è che compri la moto con tanti sacrifici, ti distrai un attimo e la tua è già vecchia perchè esce il modello nuovo ogni due settimane!

Inserito: 17 settembre 2003
ANCORAVIVO

L'ennesima evoluzione dell'evoluzione dell'evoluzione dell'evoluzione dell'evoluzione.... mi sono perso il numero delle evoluzioni.
Peccato che questa volta hanno fatto un'involuzione, complimenti!!! alla fine ce l'hanno fatta a trasferire dalla MotoGP l'esperienza agonistica... peccato che continuerò a preferire il modello precedente, con tutti i difetti che aveva. Telaio irrigidito????? 10%??? 20%??? 30???? io so solo che sono stufo di vedere un modello nuovo dopo l'altro anno dopo anno. Quando uno compra una moto, fa anche qualche sacrificio per permettersela, e non dico che dovrebbe durare dieci anni prima di modificarla, ma almeno due o tre non sarebbe male, almeno si ha la soddisfazione di avere l'ultimo modello disponibile anche l'anno dopo. Avanti consumismo, stupidi noi che continuiamo a foraggiare i grandi JAP.

Inserito: 17 settembre 2003
fciccio

Sono d'accordo con chi si lamenta dell'invecchiamento delle moto jap.
Sono un felice posessore di un GSX-R 750 del 2002 e il nuovo modello mi piace davvero, con grande piacere noto che suzuki è l'unica che crede ancora nel 750, cilindrata secondo me di equilibrio tra i 1000 e i 600,ma credo che non cambierò la mia per questa tanto tra un anno sicuramente ci saraà un aggiornamento.

Inserito: 17 settembre 2003
fciccio

l'ho vista a milano e vi assicuro che la moto è stupenda
Anche tecnicamente è un passo avanti rispetto la mia (gsx - r 750 modello 2002) e fose ne è la degna erede
Un consiglio passate a vederla prima di decidere a priori che Honda e Yamaha sono meglio

Inserito: 19 settembre 2003
PIERIracing

a ma sembra veramente ok, di certo non inferiore alle altre per contenuti.
certo andrebbe provata, ma sono convinto avendo il modello 2000 che mi da ancora molte soddisfazioni che questa non sia un flop....e poi almeno si stacca un PO' DALLE SOLITE CBR(non è che se prendete la cbr andate come Rossi!!)

Inserito: 21 ottobre 2003
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Moto Guzzi Breva V 1100

Moto Guzzi Breva V 1100
in Moto e mercato

Laverda 1000 SFC

Laverda 1000 SFC
in Moto e mercato

MV Agusta F4 1000S

MV Agusta F4 1000S
in Moto e mercato

Design: il nuovo laboratorio mobile di AGV

Design: il nuovo laboratorio mobile di AGV
in Motomondiale