Ducati Scrambler: registrato il nome, adesso si lavora alla moto

di Marco Dabizzi

Ducati Scrambler: registrato il nome, adesso si lavora alla moto

Del progetto Ducati Scrabler a Borgo Panigale si parla da tempo: il rifacimento in chiave moderna di una delle icone della storia Ducati era già nell'aria quando Pierre Terblanche era di casa a Bologna, ma adesso sembra che i tempi siano finalmente maturi per una moto che potrebbe incrementare le diffusione del marchio in Asia ed in altri mercati.

Iniziamo dai fatti. Ducati ha registrato la propria applicazione per il marchio "Ducati Scrambler", cosa che di per sè ha poco valore, visto che le case automobilistiche e motociclistiche registrano continuamente marchi che pensano di poter sfruttare in futuro.

Ma le voci dei soliti beninformati sembrano suggerire che stavolta ci sia qualcosa di più sostanzioso dietro tutta la vicenda, e non si riferiscono ai quattrini di Audi.

Quella che invece rimane ancora avvolta nel mistero è la configurazione tecnica di questa nuova moto, che potrebbe essere un modello di ingresso e quindi - per via della necessità di contenere i costi - basata su una nuova unità monocilindrica raffreddata ad aria da circa 600cc di cilindrata. Questo consentirebbe a Ducati di produrre una moto con un costo accettabile per i crescenti mercati asiatici, quelli in cui altre case hanno da tempo capito essere i più promettenti, ma contemporaneamente ne precluderebbe la commercializzazione in Europa e soprattutto negli USA, dove le normative antirumore ed antinquinamento verrebbero difficilmente superate da un motore non raffreddato ad acqua.
La moto però potrebbe essere prodotta con propulsori diversi, o magari a Borgo Panigale si è lavorato sull'elettronica per rendere far rientrare nelle normative anche un monocilindrico ad aria...

La mossa sembrerebbe essere in linea con i desideri di Audi di incrementare i volumi di vendita, cosa appunto possibile quasi esclusivamente puntando ai mercati emergenti. Ma l'attuale gamma Ducati non sembra avere grandi possibilità di sviluppo in Cina o India, mentre una moto economica di media cilindrata, pur probabilmente nella fascia alta del mercato, avrebbe un appeal considerevole presso la crescente classe media.

Nella foto: un progetto creato dal designer tedesco  Jens vom Brauck di JvB Moto

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

6 domande a Roby Rolfo

6 domande a Roby Rolfo
in Altre notizie

Diversamente Abili: a Misano vincono Malagoli e Mele

Diversamente Abili: a Misano vincono Malagoli e Mele
in Campionati e trofei nazionali

CIV Misano, vittorie per Spiranelli e Bulega

CIV Misano, vittorie per Spiranelli e Bulega
in Campionati e trofei nazionali

Trofeo Italiano Amatori, spettacolo a Misano per il 3. round

Trofeo Italiano Amatori, spettacolo a Misano per il 3. round
in Campionati e trofei nazionali