Ducati GP15: Particolari nascosti...

di Giorgio Mulliri

Ducati GP15: Particolari nascosti...

Ducati gp 15 news.

Chi mi segue (grazie) sa benissimo che senza foto il manz poco può fare e oltretutto la ducati non mi sta agevolando il lavoro, mettendo paratie antimanz davanti alla moto quando ci lavorano sopra.

Man mano che vedo nuove foto, saltano particolari che non si son potuti vedere fino ad oggi


Grazie anche agli amici che ho su facebook che mi segnalano qualche particolare, come la foto elle due moto di Dovizioso nominate Gigia e Azzurra, che qualche cosa di differente si è visto.

Foto di twitter postata da @DESMOSEDICI

Sembrano uguali, e le due foto sono prese “quasi” nella stessa posizione.
Andando a spulciare i particolari, appaiono come due telai differenti, per lo meno nella misura. 



Apparentemente Azzurra è un cm più lunga nella parte che il telaio si collega al cannotto di sterzo.

Andiamo sui particolari.
Ho dovuto per prima cosa separare la foto e addrizzarle, prendendo come riferimento orizzontale i due attacchi del copri finto serbatoio che congiungono lo stesso al telaio


Foto originale.
Stesso lavoro per Gigia e adattata alle dimensioni di Azzurra, per farle combaciare almeno sovrapposte, ma non si può.
Prendendo come riferimento i buchi nella foto sotto.



E facendo un'altra prova prendendo come riferimento gli attacchi al telaio che ho usato prima per raddrizzare la foto.


Effettivamente sono due telai con dimensioni differenti, ricordandoci che Dall’igna in occasione del debutto della gp15 a Sepang dopo i test ammise che si aspettavano qualche problema in frenata dovuto a mio modo di vedere che scrissi in altri articoli, al particolare disegno del telaio molto robusto nella zona del cannotto come sia HRC che Yamaha e Suzuki hanno adottato come fosse una nuova moda.
La versione precedente alla gg 15 aveva un disegno abbastanza più robusto, mentre la 15 per via del nuovo motore e il posizionamento della staffa che sostiene il motore anteriormente e molto più indietro.

Penso sia stato un obbligo di design.

 Ipotizzo come al solito.

La differenza di telai di Dovizioso possono essere imputati a un test PRE programmato per poter analizzare la rigidità del telaio? sanno già come intervenire?  Di sicuro sì.

Passiamo ad altro.
La GG 15 ha mostrato come la nuova pompa dell’acqua si fosse spostata sull’albero delle valvole di scarico sulla bancata anteriore. 




L’Honda hrc fece la stessa cosa anni fa quando aprirono la v delle bancate da 72 circa a 90 come oramai sappiamo, e a mio parere lo fecero “anche” per compensare lo spostamento di peso indietro della bancata posteriore.


Veniamo a com’era la pompa dell’acqua sulle ducati anteriori.


Prendeva movimento da quest’ingranaggio (rinvio) sulla parte sinistra del motore



 che tramite un albero di congiunzione arrivava fino alla destra del motore per dare movimento alla pompa collocata in mezzo alle bancate sul lato destro.



Stessa filosofia appare in molte ducati anche stradali come la Panigale che ha la pompa nella stessa posizione.



Veniamo alla gg 15, dove quell’ingranaggio è rimasto lì anche sulla nuova desmo dei ragazzi del Borgo.


Questa foto presa da un frame della presentazione, appare in bella mostra che per lo meno, quel ingranaggio coperto dal carter della distribuzione a cascata di ingranaggi e rimasto dove era.  Il rinvio del desmo.




Il sospetto mi venne subito, ma non avendo foto sono rimasto in attesa di conferme che sono arrivate con una foto.

Foto dove a mio avviso confermano almeno 3 cose….

La prima che la parte carenata dove c’è la nuova presa d’aria non la smontano per lavorarci e aumenta la mia convinzione che il COSO 3 esiste eccome, non può essere una semplice carena e presa d’aria solo per raffreddare il regolatore di tensione, ma fa parte di qualcosa di più complesso.




Nell’articolo precedente al coso 3 ipotizzai che potesse essere una sorta di tubo di venturi che aspirasse aria da sotto le centraline, messe sulla parte anteriore davanti al cannotto.


Di sicuro hanno a che fare anche queste protezioni davanti al telaio che servono solo a. nascondere tubi?



Vuoti? Per? La forma circolare e la vite per fissarlo al telaio alimentano le mie ipotesi che dietro si celano dei tubi, collegati alla presa d’aria?  
Lo scopriremo state sicuri.

 Veniamo alla pompa dell’acqua della già 15.

ecco la foto
 e si evidenzia il fatto che la carena del COSO3 non la toccano...


La seconda certezza e che si vede un tubo che va al centro della bancata e di conseguenza alla vecchia pompa, è rimasta lì…. La Ducati GP15 ha due pompe d’acqua.
Ho chiesto consulenza a l’amico Falox, che mi ha confermato la posizione della pompa sulla Panigale che usa lo stesso sistema della desmo gp da anni.
Motivo? 
Miglior circolazione tra le due bancate, e viste le feritoie d’uscita d’aria sulle carene, più grandi rispetto al passato, apparentemente scalda un po’ di più.


Terzo particolare, la posizione del pignone.
Fino ad ora era un segreto celato dietro alla carena. Da molto parlavo sul cambiamento che avrebbero dovuto fare sulla posizione del pignone per avere un motore da porre al meglio in confronto all’obbligo del vecchio motore costruito per essere portante, appoggiandomi anche alle dichiarazioni sia di Burgess che di Dall’igna,che già scrissi in altre occasioni.
La stessa carena mi ha indirizzato, ma quella della presa d’aria nuova o del COSO 3…
Si vede un intaglio circolare sulla parte bassa vicino alla i della scritta Ducat i.




Mi autorizza a pensare che da lì possano intervenire in caso di bisogno per smontare il pignone, senza quell’intaglio non sarebbe possibile arrivarci agevolmente. Quel intaglio viene coperto dalla carena inferiore e non si può vedere se la moto è vestita.


Dove è il pignone?  SAPPIAMO  STA LI DIETRO LA CARENA, MA NON SAPPIAMO LA POSIZIONE ESATTA.


QUESTA E’ LA POSIZIONE IMMAGINATA SEGUENDO LA LOGICA DEI MIEI passaggi




Mi son giocato l’amicizia di GIGI? Sara sportivo come Filippo e si farà una foto con me che mi strozza??

Se andrò a Jerez, ve lo farò sapere.

Ricordatevi sempre che io sto  a Malaga ,e dietro ad un pc, se uso la frase "Ipotizzo" e perche non posso fare affermazioni, qualcuno pensa che cosi mi pari il culo....

fino adesso  non mi e' servito pararmi il culo tutte le ipotesi sono andate a segno .

mi servira a jerez?????? pararmi il culo e non solo? se vado? 

spero di no...

 a Malaga aspettiamo il caldo.


Ps  a voi sembra che in questa foto esista una freccia che segna il senso di rotazione?

Spalding sulle pagine di Motosprint assicura che si , ora l'albero motore gira al contrario


nella  foto sembra  ma non ne son cosi sicuro...




Alla prossima. 
 Baci da Malaga

comments powered by Disqus

Altri commenti

luko

La AD1 Ŕ pi¨ corta ed ha anche un angolo delle forcelle pi¨ chiuso, si vede da quel l'anello dentro al telaio, che i fori pi¨ corti.

Inserito: 16 aprile 2015
Isolabella

Se una motogp taglia il traguardo con poche gocce di benzina nel serbatoio e un'altra ritorna ai box con qualche litro di carburante per non aver calcolato bene i consumi, mi sapete dire chi dei due ha sbagliato?

Inserito: 17 aprile 2015
manziana

Il problema non erano i litri che cerano ancora...

Inserito: 17 aprile 2015
Domenico77

Ciao Manz, che vantaggio potrebbe dare montare due pompe per il raffreddamento?
Il tubo potrebbe essere benissimo il canale che porta il liquido refrigerante alla bancata posteriore (ipotizzo). In termini di perdite per attrito due pompe sarebbero poco vantaggiosa, per non parlare del peso.
Un saluto!

Inserito: 25 aprile 2015
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Scott: casco 350 Pro e giubbino Summer VTD DP

Scott: casco 350 Pro e giubbino Summer VTD DP
in Abbigliamento moto

Cellularline: ecco l'interfono per l'offroad

Cellularline: ecco l'interfono per l'offroad
in Offroad - Abbigliamento e accessori

Accade a Milano: Ducati all'Audi City Lab

Accade a Milano: Ducati all'Audi City Lab
in Milano

Mondiale Supermoto 2015: Ottobiano in arrivo

Mondiale Supermoto 2015: Ottobiano in arrivo
in Offroad - Supermotard