Motogiro d'Italia, vince Gaetano Traversi

Motogiro d''Italia, vince Gaetano Traversi

Va al milanese cinquantasettenne Gaetano Traversi su Gilera sport 175 del 1956 la 22^ Rievocazione Storica del Motogiro d’Italia, conclusosi sabato 1° Giugno a Terni, la gran fondo riservata alle moto d’epoca, organizzata come tradizione dal Moto Club Terni L.Liberati – P.Pileri in collaborazione con la Federazione Motociclistica Italiana.  Nelle altre categorie si sono imposti il bolognese Guido Lenzi Calisti su Morini Tre Mezzo Sport (Classic), l’olandese Willems Van Beest su Ducati (Vintage) e Marino Lino di San Benedetto del Tronto su Suzuki (Race). 

Traversi ha dominato la categoria Epoca Rievocazione Storica, aggiudicandosi quasi tutte le prove speciali che la manifestazione ha fatto durante le sei tappe.

In parte il lombardo è stato favorito anche dalla fortuna, infatti già alla partenza da Terni lunedì 26 maggio, un improvviso attacco influenzale aveva tolto di scena due dei sicuri protagonisti: il vincitore dell’ultima edizione agonistica del 1957, lo spoletino Remo Venturi che nonostante i suoi 86 anni era in gran forma e pronto a partire in sella alla sua fida MV Agusta e il medico folignate Marco Tommassini, vincitore delle due ultime edizioni. Inoltre proprio alla partenza della penultima tappa Vasto – Civitella del Tronto, anche l’unico pilota ancora in grado di contrastare la vittoria a Traversi, il lombardo Paolo Mattioli, è stato costretto a dare forfait per un problema familiare. Più combattute le altre categorie con posizioni del podio che sono cambiate più volte durante le varie frazioni.

Nella classifica generale assoluta delle moto d’epoca riservata ai motocicli fino 175 cc  costruiti dal 1953 al 1957, Traversi ha preceduto il lombardo Giacomo Viganò (Moto Morini GT) e l’americano Hugh Schink (Motobi Imperiale) protagonista di un bel recupero nella penultima tappa dove ha scavalcato Luciano Moneta (Moto Morini Tre  Sette Sport). Quinto, fortemente penalizzato dalla pessima prestazione nella prima tappa, l’olandese Eric Willemse (Moto Guzzi) già vincitore nel 2010.

Nella categoria Classiche, riservata alle moto di ogni cilindrata, costruite fino il 1968 dietro il vincitore Guido Lenzi Calisti, si sono classificati il vicentino Dario Simonato (Benelli) e il ferrarese  Matteo Vocino (Morini). Podio totalmente straniero per la Vintage, con Van Beest sul gradino più alto e poi a seguire due americani: Todd Wallis (Puch) e Bill Latoza (Ducati). Infine dietro Marino Lino che si è aggiudicato la Race si sono classificati i ternani Cesare Conti (MBW) che proprio nell’ultima speciale ha superato Mauro Vittorio Iapadre (Honda).

Tutto lo svolgimento della gara è stato favorito dal bel tempo, solo l’ultima tappa la Civitella del Tronto – Terni è stata avversata dalla pioggia che comunque non ha modificato le posizioni di classifica ormai acquisite dai concorrenti.
Fantastico e estremamente apprezzato da tutti i partecipanti, il percorso della gara che ha attraversato paesaggi incantevoli e meravigliosi, spaziando dalla Costiera Amalfitana, agli altipiani pugliesi, all’incantevole Gargano, per finire con i centinaia di tornanti dei numerosi valichi appenninici delle tappe Maiori – Manfredonia e Civitella del Tronto – Terni.  Nonostante gli oltre cento partecipanti e la notevole lunghezza del percorso, oltre 1700 chilometri, divisi in sei tappe, non si sono verificati incidenti gravi. Solo nella frazione più lunga la Maiori – Manfredonia di quasi 350 chilometri, si sono verificate alcune cadute con tre concorrenti portati in ospedale, ma una volta fatti i dovuti accertamenti, sono stati dimessi e prontamente recuperati dai mezzi dell’organizzazione, hanno poi raggiunto il resto della carovana, con la quale hanno proseguito fino la conclusione della manifestazione.

Perfetta e veramente impeccabile l’organizzazione del Moto Club Terni che non ha lasciato nulla al caso, sia nelle sedi di tappa con hotel e ristoranti pluristellati che nei numerosi luoghi e paesi dove i “motogirini” si sono fermati, sempre accolti da tavolate imbandite di prodotti della gastronomia locale, offerti dai Moto Club, Pro Loco e Amministrazioni Pubbliche.

In occasione della cerimonia di premiazione, svoltasi durante la cena di gala in un noto ristorante sulle rive del lago di Piediluco, il presidente del Moto Club Terni Massimo Mansueti, ha reso noto che il prossimo anno il Motogiro si svolgerà quasi tutto in Liguria e in Piemonte, con partenza e arrivo a Bologna, come avveniva con quello agonistico. Nella stessa circostanza il responsabile del settore Turismo e Moto D’Epoca della Federazione Motociclistica Italiana, Mario Alberto Traverso, nel complimentarsi per la perfetta riuscita della manifestazione, ha ufficializzato la decisione della Federmoto, di assegnare l’organizzazione della Rievocazione Storica del Motogiro al sodalizio ternano per i prossimi tre anni.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento