Sbk: la pagella di Silverstone

di Alfredo Di Costanzo

Sbk: la pagella di Silverstone

CARLOS CHECA 9,5: Lo spagnolo fa sue entrambe le manche e consolida la leadership in campionato. Durante le gare è stato un vero e proprio martello pneumatico, con ritmi inavvicinabili dagli avversari. A mio avviso non merita i pieni voti, perché parte importante del merito dei suoi risultati risiede nella superiorità tecnica della moto che cavalca. Guida da paura, ma non meglio di Melandri e Biaggi. Poter fare affidamento su una moto equilibrata come la 1198 agevola molto.

Solo lui può perdere il titolo. Il rosso che vince!

 

EUGENE LAVERTY 9: Due secondi posti, dietro un toro scatenato, equivalgono alla vittoria tra i piloti normali. Anche questa volta mette dietro il compagno più blasonato, e guadagna di considerazione nel box Yamaha. Talento in crescita!

 

MARCO MELANDRI 8: Sale due volte sull’ultimo gradino del podio, e riduce di molto lo svantaggio dall’avversario di casa Aprilia. Bello il duello che lo vede vittorioso proprio sul numero 1, ma….Le prende da Eugene e quando arrivi dietro chi guida la tua stessa moto, non sono proprio rose e fiori. Dimostra di avere un ottimo manico, e per gli anni a venire sarà il pilota da battere. Il futuro che avanza!

 

LEON CAMIER 7: La sfortuna, nelle vesti di un problema tecnico, lo ha costringe a mollare nella parte finale dei gara uno, mentre era in lotta per il podio. In gara due dimostra di essere molto a suo agio sul tracciato inglese, conquista la quinta posizione. Se fosse più continuo nei risultati, sarebbe un buon pilota, ma siamo abituati oramai ai suoi alti e bassi. Per ora Up!

 

MAX BIAGGI 6: Il fine settimana britannico è per Max da dimenticare. Caduto durante le fasi della super pole, illude i suoi tifosi realizzando il miglior tempo nel warm-up. Nella prima manche deve lottare con i problemi che affliggono la frizione della sua Rsv4r. In più un contatto nelle fasi iniziali, gli piega la leva del freno. Conclude undicesimo, e può dire addio alla riconferma in campionato. In gara due cerca la rimonta, ma a ridosso della zona podio, perde il duello contro Melandri e vince quello contro Camier. La penso uguale su quello che afferma in merito alla dichiarazione di Genesio Bevilacqua. Corsaro incornato, Corsaro inc…..!

 

JOHN HOPKINS 7,5: Da brivido il giro che gli permette di conquistare la Superpole. Le sue gare sono più che buone, se si pensa alla moto che guida. Vende cara la pelle, e coglie due signori piazzamenti. Il talento non gli manca, e se gli ritornano la testa e la salute, può essere del circus l’anno prossimo. Bentornato!

 

MICHEL FABRIZIO 5,5: Le sue gare sono un mix di sfortuna e scelte tecniche sbagliate. A questi livelli l’impegno da solo non basta. Domani è un altro giorno!

 

LEON HASLAM 6,5: Finalmente una gara degna del blasone di vice-campione del mondo. Un quarto ed un ottavo posto sono oro colato in una stagione avara di risultati. Speriamo non siano solo il frutto dell’aver giocato in casa. Ritrovato!

 

AYRTON BADOVINI 6: Questa volta non brilla alto come nelle gare precedenti, ma i due decimi posti sono un bottino che vale la sufficienza piena. Lavoro di rimessa!

 

NORIYUKI HAGA 3: Un tempo il numero 41 era sinonimo di spettacolo ed adrenalina. Oggi, invece, significa gare scialbe e risultati scarsi. Perché continuare? Buio pesto!

 

DUCATI 301: La doppietta sul circuito inglese permette di superare un traguardo che sa di miracoloso. Tutto ebbe inizio nel 1988, quando Marco Lucchinelli vinse a Donington. La casa italiana è il simbolo moderno del Made in Italy che vince. Lasciamo perdere le chiacchiere di chi con la scusa di voler provare con soluzioni tecniche “classiche”, in realtà vuole coprire le proprie vergogne. Le Ducati, che siano modelli di serie o da corsa, di classico non hanno mai avuto niente. Una Ducati è una Ducati, punto. A Borgo Panigale, nonostante tutto e tutti, le due ruote che vincono, che emozionano, le sanno realizzare. Auguri!

 

YAMAHA 9,5: Se tutte le moto avessero la cilindrata di 1000 cc., la R1 sarebbe la migliore del lotto. Potente e maneggevole, non sfigura neanche a Silverstone. Purtroppo sul suo cammino si scontra con un traliccio spinto da un bicilindrico desmodromico di 1200 cc., altrimenti….Equilibrio quasi perfetto!

 

APRILIA 5 Una prima manche da incubo, mentre si salva nella seconda grazie a Camier. La Ducati e le Yamaha, però, sono lontane. Non un fulmine negli inserimenti, usura maggiore del pneumatico posteriore, aggiungere poi noie meccaniche, ed ecco gli ingredienti di un fine settimana da archiviare subito. Non è che a Noale s’inizia a pagare la voglia del gruppo Piaggio di uscire dalle competizioni? Che fine ha fatto la freccia tricolore? Al lavoro!

 

SUZUKI 6: La sufficienza la raggiunge solo perché Hopper gareggia su una pista che conosce bene, altrimenti è sempre la solita moto ferma allo sviluppo della Gsx-r 1100 che custodisco gelosamente nel mio garage. Battute a parte, speriamo che per l’anno prossimo la casa giapponese metta nelle mani del manager più bravo della Sbk, Francis Batta, una moto competitiva. Speriamo bene!

 

BMW 6: Il voto nasce da quanto offerto da Haslam e Badovini…..Mi chiedo, però, se questi risultati siano davvero quello che vogliono gli uomini di Monaco, che hanno investito più di tutti nello sviluppo della S1000R….Ancora non ci siamo!

 

KAWASAKI 4: Le solite verdone…Che dire….Progetto sulla carta vincente, ma in pista scivoloso…..Peccato!

 

GARE 7: Un pochino noiosa la prima, bella la seconda. La Superbike continua a regalarci emozioni. E’ l’unico campionato dove un team privato primeggia….Da quanti lustri questo non accade dall’altra parte? Questo però non deve far dormire sogni tranquilli agli organizzatori. Sono d’accordo con quanto dice Mauro Sanchini che se si vogliono abbassare sensibilmente i costi, bisognerebbe gareggiare con l’elettronica che la moto ha di serie. Va tenuto conto, inoltre, che lo spettacolo più emozionante lo hanno regalato i piloti impegnati nella lotta per l’ultimo gradino del podio. Realizzare una gomma soft che sulla carta tutti possono utilizzare, ma che in realtà va bene solo per un pilota alla guida di una sola moto, rischia di ammazzare l’interesse per la categoria. Non dimentichiamo mai che il motociclismo è spettacolo, e se non tutti gli attori sono messi sostanzialmente sullo stesso piano di recita, è difficile che venga fuori uno show interessante. Avete visto in quale stato erano le gomme posteriori di Melandri nel dopo gara? Eppure Marco guida pulito….Bella, ma da ripensare!

 

GENESIO BEVILACQUA 4: A me la favola della squadra privata che si laurea campione del mondo piace da matti, ed alle volte se la parola è d’argento, il silenzio è d’oro. Ho trovato fuori luogo l’affermazione che la sua Ducati sarebbe penalizzata perché ha meno cavalli rispetto alle quattro cilindri. Che abbia meno cavalli è un dato di fatto, ma non rende giustizia alla verità. Omette di dire che a parità di cilindrata, un bicilindrico ha un’erogazione più lineare, e che con duecento centimetri cubici in più, quel poco che si perde in termini di potenza assoluta, è ricompensato alla grande da una coppia spaventosa. Chi guida una moto, sia su strada, sia su pista, può capirmi. Il regolamento, a mio parere, dovrebbe essere rivisto. Se proprio si vuole concedere un vantaggio in termini di cilindrata alle bicilindriche, bisognerebbe, poi, aumentarne il peso minimo.

 

 

 

 

 

 

comments powered by Disqus

Altri commenti

gioia

... effettivamente questo fine settimana per Biaggi non è stato grandioso anzi alquanto deludente nelle aspettative!!! così come ritengo esatta l'osservazione sul Checa... di rilievo ,in relazione ai suoi risultati, è anche l'elemento moto che cavalca... già già...così come ritengo giusto considerare Laverty e Melandri due belle promesse con un buon futuro dinanzi....GIOIA

Inserito: 01 agosto 2011
marchetiello

Il regolamento odierno favorisce troppo le bicilindriche. Non a caso quando la Honda decise di gareggiare con la Vtr, vinse due titoli. Bella pagella, bella la Superbike!

Inserito: 01 agosto 2011
kyknaki

I voti sono la giusta analisi delle due manche. Bevilacqua ha perso un occasione per stare zitto....Solo un cieco non vede certe cose....La Pirelli sta ammazzando la SBK....

Inserito: 01 agosto 2011
twobros

Ovvio che non appena la Ducati vince, salta subito fuori la solita storiella del regolamento che favorisce le bilindriche.
Ma allora non basta un 4 cilindri di ultimissima generazione, uno di quei fantastici motori Yamaha o Suzuki o Kawasaki o Aprilia o BMW (tanto per buttare li' 4 nomi a casaccio tra i più insignificanti nel panorama ingegnieristico mondiale delle competizioni motociclistiche) per battere un vecchio polmone, concepito venti anni fa, maggiorato a 1200 a forza di alesaggi?
Evidentemente no.
Ma tanto, anche se non fosse una questione di regolamento, ci pensa il fatto che Checa vince perchè ha la moto ufficiale.
Ma allora Biaggi, Melandri, Laverty, Haslam, Corser & co. (tanto per buttare lì 5 nomi tra i più insignificanti ecc.) le moto le hanno comprate dal concessionario e poi preparate in garage, seguendo le istruzioni del noto Manuale 'Elaboriamo il 4 tempi'?
Non c'entra nulla, non è questo il problema, non hai capito una mazza twobros: ma come fai a non vedere che la Pirelli da a tutti le Diablo Supertouring di terza scelta ed a Checa, invece, le supergomme fatte apposta di notte nel superlaboratorio dell'Area 51 per la Ducati.
Ma allora non basta avere un supertelaio deltabox in alluminio di ultimissima generazione, fatto apposta da quelli che i telai li sanno fare, per battere quei quattro tubi da idraulico incollati insieme con il Pattex Millechiodi?
Ma come funziona 'sta storia?
Ma allora chi dirige Aprilia, Yamaha, BMW, Kawasaki sarebbe un deficiente.
Spendere miliardi su miliardi per correre in un campionato dove basta leggere il regolamento per capire che c'è uno (il più piccolo e mingherlino di tutti, come dimensioni industriali, tra parentesi) che può correre contro gli altri usando tutte e due le gambe mentre gli altri (quelli più grossi, quelli più forti) devono correre bendati, con uan gamba legata dietro la schiena e le mani ammanettate'?
Io non lo farei. Io non spenderei miliardi per perdere e poi piagnucolare che la Ducati è scorretta perchè così, passi se sono un coglione che scrive cagate su di un forum, ma se fossi un manager che ha la responsabilità dei soldi che spende, faccio pubblicità a Ducati a spese mie. A spese non solo dei soldi, ma anche di immagine, per le figure di m**** che rimedio in pista e per il fatto che poi sono costretto a frignare ed a accusare il maxicomplotto giudaico-sionista-imperialista per giustificare perchè un ferrovecchio di motocicletta con un telaio che tutti schifano a solo guardarlo ed un motore maggiorato con due cilindri in meno mi fa il culo un giorno si e uno no.
Ma come si fa a essere così coglioni? Se proprio dovessi buttare via i miei soldi, pagherei la Honda perchè tornasse con la VTR a rompere il c**** alla Ducati. Almeno godo a vederli perdere ad armi pari, tanto la Ducati è più o meno la stessa di allora e la VTR può ancora batterla. Forse. O forse no, perchè c'e' sempre la questione gomme, che mi ero dimenticato. Ma la Honda può battere la Ducati anche montando le Pirelli SC 30 che c'avevo sotto sul mio PX bombardato. Che problema c'è? Chiamate la Honda. O smettete di spendere soldi a correre contro una casa così gravemente scorretta e mafiosa. Oppure smettete di frignare ed accettate il verdetto della pista perchè il regolamento lo conoscevano tutti prima di correre e quando la Ducati, a Monza, veniva sverniciata da tutti, non si è alzato nessun testa di m****** a dire che la Ducati è 1200 ed è avvantaggiata. Quando perde, è ovvio che perda e tutti congolano, a partire dai coatti di Tor Vaianica: abbiamo legnato la Ducati, che pure è 1200!!! E dove vonno anna' co' quer telaio e quer motore? So' bolliti, so' fragichi!! Daje...
Che fenomeni.
Oh, sia chiaro: vadoinpistapure io e con il mio Hornet senza catalizzatore ho girato al Mugello in 1'35" basso per cui parlo a ragione e c'ho titolo per dire quello che mi passa per per la testa.
Ci sto dentro alla grande in questo forum così fitto di piloti ed ingegneri della domenica sera.
twobros

Inserito: 01 agosto 2011
CASEYCIVINCEVA

twobros grandissima analisi, con tutti quei discorsi quasi quasi mi hai convinto, tu che sai tante cose, spiegami solo questa: perche' a biaggi gli fu' tolta la 561 dopo misano lo scorso anno e quest'anno secondo barbier le ducati non sono avvantaggiate con le loro gomme?se l'aprilia o yamaha sviluppano le moto in base a delle gomme e poi gliele tolgono magari........dopo il lavoro viene vanificato........ma quando dicevano lo scorso anno che l'aprilia era una motogp tu facevi ugualmente queste analisi? o eri di diversa opinione? secondo me questa situazione che e' presente in questo campionato significa: TEAM DUCATI UFFICIALE XEROX DAI ORA POTETE TORNARE NON AVETE NIENTE DA TEMERE.............SIETE ACCONTENTATI........

Inserito: 01 agosto 2011
TonyC

Ecco che, appena le cose vanno male, in giro si cominciano a sentire di nuovo dei brontolii sul regolamento che favorirebbe troppo la Ducati
Certo che 1 anno, quando la Ducati annunciava il ritiro dalla SBK, nessuno si permetteva di dire "meno male, così non ci saranno più favoritismi verso le bicilindriche"
Misteri del tifo

Inserito: 01 agosto 2011
twobros

Per quanto riguarda il mio sapere, sono il primo ad ammettere che non ne niente di niente. Però non sono fazioso e per me, quando Biaggi l'hanno scorso ha vinto, neppure mi è passata per l'anticamera del cervello la minchiata che fosse una MotoGP. Per me, era una moto regolamentare che ha vinto in modo sacrosanto perchè andava più veloce di tutti ed il suo pilota non si era dimenticato come si fa a dare gas. Punto e amen. Quest'anno è un'altra storia ed io mi vergognerei a tirare in ballo la storia delle gomme o dei cilindri o dei cc in più, perchè sono cose che hanno accompagnato ogni vittoria di Ducati in Superbike. Allora, delle due l'una: o sono i re dei mafiosi ed hanno il potere di fare quello che vogliono, oppure sono tutte cagate da bar dello sport. Ed io opto per la seconda. Anche perchè, se la Superbike dipendesse dalla presenza ufficiale di Ducati, allora quest'anno dovevano sospendere il campionato in attesa che Sua Maestà si degnasse di ritornare. Tutte storie. La Honda non è in forma ufficiale in SBK o se anche c'è non gliene frega nulla, per i loro motivi, così come non c'è Ducati, quest'anno, per i loro motivi. Torneranno forse con la nuova XT, magari in tempo per beccare un sacco di legnate dalla BMW che, nel frattempo, ha fatto il salto di qualità tanto atteso, oppure dall'Aprilia, che magari fa un salto evolutivo spaziodimensionale. Oppure tornano e vincono alla grande. Ma le dietrologie sulle gomme non reggono: e secondo te, io che sono il team manager di una casa come Yamaha o come Aprilia o come BMW o come Kawasaki, mi faccio menare per il naso da Ducati e Pirelli? Lascio che due tizi che manco vedo a livello industriale mandino a puttana la mia immagine e mi facciano buttare via i soldi gratis? Ma stiamo scherzando? Come minimo, faccio il diavolo a quattro e se non ne cavo niente, mi metto d'accordo con gli altri e metto su un campionato diverso, senza mafiosi tra le balle. O sbaglio?
twobros

Inserito: 01 agosto 2011
ciuffa67

Hanno corso su 8 circuiti comparabili con lo scorso anno. su uno il tempo gara è uguale, su uno è migliorato di 5 secondi Assen, SU TUTTI GLI ALTRI SI è PEGGIORATO, mONZA più 13 secondi, salt Lake city più 5 secondi, Misano più 5 secondi, Brno più 9 secondi, Silverstone più 15 secondi SCANDALOSO Michelin e Pirelli avete rotto le scatole !!!!!!!

Inserito: 01 agosto 2011
sacc21

Un applauso a John Hopkins. Scusate signori ma io non posso che fare tanto di cappello ad un pilota con la P maiuscola. Due anni fa, sia per sfortuna che per un testa matta, l'avevano dato per finito, chiuso, "da rottamare". Adesso invece e' li', come wild card, in mezzo ai grandi a dare il cuore, l'anima e il corpo (con una moto meno potente delle altre). Cosa si puo' disiderare di piu' da un pilota? Grazie John, torna presto tra i grandi!!!!

Inserito: 01 agosto 2011
asterix1763

Come sempre mi trovo d'accordo con le tue pagelle ma, credo che questa volta il voto che hai dato a Biaggi sia troppo basso e ti spiego le mie motivazioni.
Nelle prove è caduto perché tentavano, lui e la sua squadra, una strada diversa per migliorare la performance della loro moto vista la superiorità della Ducati.
In gara 1 problemi tecnici lo hanno rallentato vistosamente.
In gara 2 è finito, dopo una bella rimonta, dietro la Ducati e le due Yamaha che anche nella 1° manche avevano ottenuto lo stesso risultato. Credo che alla fine meglio di così non avrebbe potuto ed ancora una volta è stato il miglior pilota della casa di Noale. A quarant'anni lottare con quella decisione contro un pilota più giovane ed in sella ad una moto migliore vale il prezzo del biglietto. Quindi chapeau per il Corsaro!!

Inserito: 01 agosto 2011
gioia

per twobros...

"maxicomplotto giudaico-sionista-imperialista"... di tutto ciò che hai scritto l'unica cosa che mi ha colpito è stata questa espressione....MERAVIGLIAOSA... anche se non mi spieghi tutto il resto, questa è MITICA !!!!!ahahhahah... bellissimo.. GIOIA :D :D :D

Inserito: 01 agosto 2011
CASEYCIVINCEVA

twobros e' inutile, c'e' qualcosa che non quadra, anche perche' se guardi le immagini checa se ne va' e sembra che sia a spasso per la pista, la storia dei rettilinei non esiste, come dice melandri ci sono 20 curve e 2 rettilinei, io ero a misano e ti posso dire che con i miei occhi ho visto per 2 gare intere checa davanti con biaggi dietro che in accellerazione era una cosa scandalosa, e se l'aprilia era fortissima lo scorso anno in pochi mesi ducati non puo' avere fatto questo salto di qualita' considerando che stanno sviluppando la moto nuova e questa non la cagano minimamente.......checa buon pilota ma niente a che vedere con biaggi, melandri, laverty e anche altri......comunque ora che anche yamaha si e' ritirata ufficialmente per il prossimo anno vediamo che succede........

Inserito: 01 agosto 2011
stoppa

per @TWOBROS ..commento stupendo,lungo ma piacevole e divertente
(e a mio giudizio molto sensato).
Per quanto riguarda il tuo tempo al mugello o cambi gomme o dacci del gas perchè sei veramente fermo!!!!

Inserito: 02 agosto 2011
twobros

Il mio tempo al Mugello è frutto della zavorra di 6 mattoni che mi devo portare nello zainetto e del tappo di sughero infilato a calci nello scarico, a mò di flangia. E' l'equiparazione regolamentare pretesa da quei minchioni dei miei amici con le 1098 che sennò prendevano le vere legnate nei denti. Un bagno di sangue...
twobros

Inserito: 02 agosto 2011
Quasar

non sono daccordo che il regolamento vada rivisto,va bene 200 cc in più,ma ci sono gli air restrictor a cazziare il tutto. Inoltre se non sbaglio il peso minimo è già superiore alle 4 cil(e non lo trovo giusto visto che la moto di serie è più leggera)

Inoltre,se pensate che la ducati sia avvantaggiata ora,significa che i mondiali vinti col 1000 contro le 750 erano tutti stra-mega-rubati!
si perchè allora c'erano 250 in più,su una cilindra inferiore quindi in percentuale il vantaggio era ancora maggiore,e niente air restrictor....,se questo regolamento va rivisto,allora ducati deve restituire praticamente tutti i mondiali...ma via...

Inserito: 02 agosto 2011
ALE82

twobros, mi ricordi quello sceso in campo che lo ha fatto per noi.

partiamo con il dire che se non ricordo male c'è un regolamento che dice che qualora il 1200cc portasse troppi vantaggi, si userebbero delle restrizioni.

ora il caso vuole che:

- checa vince le gare a man bassa
- le altre ducati fanno cagare

cosa succederebbe se le altre ducati arrivassero a rimorchio di checa? restrizioni. Con una sola ducati che stravince, esce fuori la barzelletta (il commento di biaggi, che quoto, mi ha fatto cappottare dalle risate) che "nonostante la moto catorcio, siamo i migliori". Quindi 1 ducati va forte, le altre vanno na mexxa e sono tutti apposto con la coscienza... STRANO EH?

Inserito: 03 agosto 2011
twobros

A me invece ricordi quello che non stava lì a smacchiare i leopardi.
Partiamo dal presupposto che se la Ducati vince a mani basse, allora il tuo garantismo è peloso nella misura in cui a Monza, Aragon e Brno il problema di quanto vada forte la Ducati di Checa non era da porsi, o sbaglio? Il problema è un altro, semmai: premesso che per me dovrebbero correre tutti nelle stesse condizioni, ovvero la Ducati con il mille ed il peso più basso (perchè pesa meno delle jap già di serie) e bilanciando bene le piste tra lente, medio-lente o medio-veloci e veloci) il fatto che Checa vada forte è dovuto al fatto che la sua è una macchina factory, gestita da privati. Le altre no e, per giunta, sono pure in mano a team e piloti evidentemente performanti in termini del tutto relativi. Oppure sta sulla minchia che vinca Ducati ai tifosi di Biaggi? Non lo so, ma la dietrologia per me sta a zero, a meno di non dover ammettere che il primo a fottersene di perdere è,per esempio, Mr. Yamaha, che infatti si ritira a fine stagione.
Sono d'accordo che forse adesso i bicilindrici sono avvantaggiati, ma stiamo sempre parlando di un cancello di moto vecchia come il cucco, con un motore strapanato a forza di alesaggi che si trova davanti i migliori 4 cilindri del mondo, con i più recenti telai deltabox. Certo, prenderle da un vecchio carretto come la 1198, è dura...anche se ha un motore più grosso...ma dura, dura, dura...ed il piagnucolìo di Dall'Igna ("certo loro hanno il 1200 e sono avvantaggiati") a Monza non si sentiva. Come mai? Dobbiamo chiamare in causa la Cupola Rossa Pirelli-Ducati, il Cartello di Borgo Panigales? Ma via...Biaggi dovrebbe fare meno battute di spirito quando solo il culo lo salva dal finire dietro a Camier (nella prima) ed il fatto che nella seconda lo abbia fatto passare, sennò lo licenziavano a furor di coatto.
Chiudo con Genesio Bevilacqua: la sua è una squadra privata, si, forte, pure, ma ha la moto ufficiale. Come gli altri.

Inserito: 03 agosto 2011
Baltasar

Se Camier ha dovuto far passare Biaggi per ordini di scuderia altrimenti lo mandano via,che mi dici di Hayden che a Laguna Seca è stato costretto a rimanere dietro rossi per non farlo sfigurare , altrimenti sulla sua pista preferita gli avrebbe dato un distacco ........

Inserito: 03 agosto 2011
stoppa

aiaiai @ baltasar....di nuovo biaggi vs rossi?
nooo daiii

Inserito: 03 agosto 2011
Baltasar

Allora non è giusto sputare sempre su Biaggi !!!!!

Inserito: 03 agosto 2011
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

MotoCorse e Pompone vi (ri)portano a Rijeka!

MotoCorse e Pompone vi (ri)portano a Rijeka!
in Giornate pista e corsi di guida

Test di durata Garelli Xò 150: 4.500 Km senza problemi

Test di durata Garelli Xò 150: 4.500 Km senza problemi
in Moto e mercato