OPEN PADDOCK A MONZA: IL DRAMMATICO FOTOREPORT (CON SCOOP FINALE)

OPEN PADDOCK A MONZA: IL DRAMMATICO FOTOREPORT (CON SCOOP FINALE)

(la foto del titolo è per depistarvi è farvi credere che leggerete un vero report e vedrete delle vere foto di moto: non è così)

Ah, Monza: l'Open Paddock è una tradizione!

L'Open Paddock della SBK è una figata per mille motivi diversi, ma fondamentalmente perchè dà la possibilità a tutti di provare a rubare qualche pezzo di moto o fare un coppino a Biaggi.

Ci sono due categorie di appassionati, agli Open Paddock: i ragazzini tamarri in cerca di autografo, che sono entusiastissimi e corrono in giro a torso nudo rovesciandosi le birre in testa.

Sono ovunque, formano dei muri umani intorno ad ogni pilota e scattano foto anche agli scarabei che toccano il Sacro Asfalto dell'Autodromo.

E poi ci sono motociclisti navigati, che si presentano ai paddock rigorosamente indifferenti e quasi disgustati: bisogna distinguersi dalla marmaglia di tamarri che si accalca per una firma, e così le vecchie volpi del motociclismo vagano con inerzia senza cagare di striscio nessuno dei piloti famosissimi che gli passano accanto.
Al massimo, quando inciampano in Melandri, gli dicono "Scusa...in bocca al lupo" sotto voce e poi se ne vanno, e 10 metri dopo dicono nell'orecchio alla morosa "era Melandri".
Si fanno distrarre solo da un cosa: le moto, che si fermano a guardare per ore con muta venerazione.
Inevitabilmente, dopo 20 minuti che fissi una moto ferma, ti va in pappa il cervello e così saltano fuori i classici aneddoti inventati su quel modello:
"Eh questa se gli metti lo scarico giusto le tiri fuori 500cv"
oppure
"Un mio amico con questa faceva i backflip (indicando una Brutale)"

L'unico aneddoto inventato VERO è sempre quello sulle Buell, che tengono l'olio nel forcellone, la benzina nel telaio e i dischi freno intorno al cerchio.

Oltre a queste due categorie di appassionati c'è un terzo gradino sociale, al di sotto di entrambi: il cretino.
Il cretino, inutile sottolinearlo, sono io, che mi presento agli Open Paddock sempre rigorosamente alticcio e completamente impreparato a qualsiasi cosa.

I tamarri fotografano le squinzie, i motociclisti navigati fotografano le moto: io fotografo le cazzate, ossia quell'insieme di dettagli completamente irrilevanti che mi fanno ridere e che di solito si rivelano molto meno divertenti già il giorno dopo, quando rivedo le foto.

Così nascono gli ormai leggendari DesmoReport dagli Open Paddock di Monza: tragiche accozzaglie di foto demenziali, e voi purtroppo siete capitati qui per cui vi tocca guardarle.

Antefatto: giovedì faceva un caldo inverecondo ed io ovviamente faccio l'errore catastrofico di dire "mi faccio il parco a piedi"

EPIC FAIL, dopo 10 minuti sono già sull'orlo del collasso.

Quando ormai iniziavo a parlare a Bostrom nelle visioni mistiche pre-morte, un ragazzino seminudo su uno Zip preparatissimo mi chiede se voglio un passaggio sul rettilineo finale verso il circuito.
Accetto.

Mi dice "Stai in avanti se no ci ribaltiamo": la classica sparata da pischello che è ha messo l'80 ed è convinto di avere 100cv sotto il sedere.


Ce li aveva.

Dopo aver percorso i 200 metri più rumorosi e pericolosi della mia vita, arrivo finalmente all'ingresso dei paddock: la calca al Paddock Show è mostruosa, prendo il giro largo e passo prima dalla pitlane.

Nota di colore: per tutto il giorno sarò pedinato da un orrendo panzone cinquantenne in canottiera, con la cintura slacciata e moltissimi problemi.
Ci siamo conosciuti così:
"E' la moto di aisjdiasd?"
"eh?"
"iasjdiasjdia?"
"...non lo so."
"comunque sai rossi?" (fa la faccia furbetta)
"cosa?"
"sai perchè no? piano? ducati no? rossi a questi qua...lo sai perchè?"
"no...cosa?" (qui ho fiutato lo scoop)
"..." (fa il gesto dei soldi)
???
(ammicca entusiasta come dire: te lo dico io!)

Me ne vado.

Da lì in poi lo rincontrerò casualmente ogni 10 minuti, credo di aver fatto colpo. Tanto per farvi capire le potenzialità del soggetto, l'ho immortalato nascondendomi dietro il muretto dei box:



Grazie a sofisticati software di editing fotografico ho reso irriconoscibile il soggetto così da non creargli problemi con il posto da cui è scappato.

MA INIZIAMO CON LE COSE SERIE!

Prima carrellata: piloti a caso.


...basta coi piloti che se no poi pensate che si stia parlando di moto.

Questo è la mia Nemesi, lo scooter con due frizioni così puoi cambiare marcia in 1 millisecondo tra un semaforo e l'altro:


Army Edition: per convincermi di questa cosa devo vedere Sylvester Stallone che ne guida uno.

Ma veniamo alla rubrica: la crisi nella Sbk.
I motorini dei paddock sono sempre divertentissimi: minimoto, scooter elaboratissimi, talvolta persino biciclettini elettriche (.......)

La crisi tuttavia ha spazzato via i sollazzi e ha lasciato ai  team solo degli improbabili bolidi direttamente dagli anni '90: LA RESSUREZIONE DEL VECCHIO ZIP PRIMA SERIE


Nel cuore dei fintamente entusiasti anni '90 potevi avere lo Zip normale, lo ZIP FR o il mitico ZIP SP che era quello a liquido con le prese d'aria sullo scudo anteriore per il radiatore e che si diceva vantasse prestazioni mostruose anche da originale.

Non era vero.

Altre chicce motociclistiche: una splendida bobber alta 30cm (se guardate bene scoprirete che è una minimoto)


Vi prego non puntualizzate sulla corretta definizione di bobber, è una motina piccola e fa ridere per questo, punto. Se ci fosse sopra un nano nudo farebbe ancora più ridere.

E poi un settore dove la crisi NON si è sentita: i camion di caschi e occhiali da sole, che si sfidano con bolidi sovraumani pronti ad ogni eventualità.
La Nolan propone un praticissimo camper Ford con gomme rigorosamente lucidate e un cofano da Truck


E voi penserete: con un furgone così, hai vinto tutto.

Invece no, la concorrenza è serrata e Oakley risponde con una roba mostruosa: IL CAMIONCINO STILE OVERLAND, NERO.


Se per caso la SBK dovesse decidere di andare a correre sull'Himalaya, loro sono pronti.

Tuttavia, nella gara dei mezzi spettacolari nei paddock, neanche questo mostro vince: c'è un bolide allucinante che mi ha stregato e che vorrei assolutamente poter guidare (e non è escluso che ci riesca, se faccio carriera)


IL TRICICLINO MONOSPAZZOLA che per pulire TUTTI i paddock ci mette 72 ore di lavoro ininterrotto, e se prende un tombino con quelle rotelle si ribalta con letale spettacolarità, nonostante la ridicola velocità di 0,5km/h.

LO VOGLIO.

Uno dei miei personaggi preferiti è il dottor Costa che, in genere, è di cattivissimo umore e se lo disturbi ti risponde mal volentieri guardando dall'altra parte.
Giovedì aveva messo lì un tavolino per vendere i suoi libri, e se ne stava seduto sotto i 40° monzesi con un maglioncino e la consueta espressione di chi non vuole assolutamente essere disturbato.
All'improvviso, una sorpresa: troupe di SBKTV pronta a intervistarlo! Tutto garrulo, Costa si risveglia dal torpore e accenna addirittura un sorriso mentre, davanti al microfono, pensa a qualche puttanata da raccontare sulle Vestali del Sacro Fuoco ed i Cavalieri dello Zodiaco.

Quello che lui non sa è che alle sue spalle sta vagando il mitico FALAPPA: gli passa dietro 20 volte durante l'intervista, ed io non potevo perdere l'occasione di immortalare questo magico momento.



Dopo tutte queste emozioni, mi serve una pausa di un paio d'ore prima di tornare al sole.


Ma c'è sempre stato il venditore di birre al primo piano? MAI VISTO. Si chiama "Temporary Restaurant" e si trova dove, con la F1, ci sono i Paddock Club per ricconi (lo so perchè ci vengo tutti gli anni)

(non da cliente riccone, bensì da tirapiedi della sicurezza sottopagato)

(ma questa è un'altra storia)

A proposito di birre: ho uno scoop sensazionale sul doping in sbk! Guardate un po' cosa ho trovato al muretto del team Pata...


TUTTI PRONTI PER LA GARA EH!!!

(in questo momento mi sto rendendo conto che il livello del report è forse addirittura inferiore alla merda che faccio di solito)

Tra l'altro, dall'alto, si possono notare particolari inquietanti sulla vita dei piloti. Noi tutti ci immaginiamo badilate di fica e di soldi, invece soprattutto nelle categorie minori, la vita dei piloti è spesso difficilissima e sono costretti a vivere in condizioni di forte disagio.


Beh chiudiamo col botto: la grande festa al Fan Club di Max Biaggi, con spumante a litri, musica dal vivo, tavolini, open bar, cubiste e dj famosi da tutto il mondo.







E LO SCOOP MOSTRUOSO CHE VI AVEVO PROMESSO!

Forse non tutti sanno che Ducati a Monza ha portato anche un prototipo: una moto-laboratorio, che si dice sia la nuova SBK ma con alcune soluzioni tecniche della Desmosedici!!!

Avendo ricevuto la soffiata da un caro amico, sono stato attentissimo con il teleobbiettivo sempre pronto, e alla fine guardate cosa ho scovato in un angolo del tracciato esterno alla parabolica:

IL NUOVO PROTOTIPO DUCATI!

E' ancora un po' mascherato ma si intravede la linea...alcune soluzioni tecniche probabilmente sono provvisorie, come i paramani che fanno molto Hypermotard, ma siamo sicuramente di fronte alla nuova Superbike di Borgo Panigale!!!!!!!

E con quest'ultima puttanata vi lascio, vergognandomi come un cane per quello che, anche quest'anno, si è rivelato essere uno dei più brutti report dell'Universo.

comments powered by Disqus

Altri commenti

canesciolto

io ti stimo!

Inserito: 08 maggio 2012
andbad

"Mi dice "Stai in avanti se no ci ribaltiamo": la classica sparata da pischello che ├Ę ha messo l'80 ed ├Ę convinto di avere 100cv sotto il sedere.


Ce li aveva. "

Sei un grande! Sono morto dalle risate.

By(t)e

Inserito: 08 maggio 2012
MrCrow

Cio├Ę... questo giro addirittura 3 e dico TRE articoli nel giro di pochi giorni....
guarda che cos├Č prendiamo il vizio :D

Grande come sempre :D

Inserito: 08 maggio 2012
Fastmambo

sei un genio ahahahahahah :D
fantastico!!! :)

Inserito: 08 maggio 2012
cervogia

Standing Ovation!!!!

Inserito: 08 maggio 2012
lucajoebar

Puttanate sopra la media. Risate sopra la media. Non smettere mai!!!

Ps: il fans club di Max Biaggi... Sai che polverone stai sollevando? :-)

Inserito: 09 maggio 2012
Nazzo

Mi hai tirato su il pomeriggio!!

Nazzo

Inserito: 09 maggio 2012
coviz

Report lettto pre-commercialista!!! Ti devo una cassa di birra teschio!!!

Inserito: 09 maggio 2012
leoallafila

Il coppino a Biaggi :DDDDDDD

Inserito: 09 maggio 2012
Intiscio

Azz, tutti a maniche corte e il Dott. Costa veramente con camicia e maglioncino, sarà pure bravo a curare gli altri....ma a lui chi ci pensa?

Inserito: 09 maggio 2012
maxi68

E poi ci sono motociclisti navigati, che si presentano ai paddock rigorosamente indifferenti e quasi disgustati: bisogna distinguersi dalla marmaglia di tamarri che si accalca per una firma, e cos├Č le vecchie volpi del motociclismo vagano con inerzia senza cagare di striscio nessuno dei piloti famosissimi che gli passano accanto.
Al massimo, quando inciampano in Melandri, gli dicono "Scusa...in bocca al lupo" sotto voce e poi se ne vanno, e 10 metri dopo dicono nell'orecchio alla morosa "era Melandri".


FANTASTICO 10++

Inserito: 12 maggio 2012
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli pi¨ letti

Articoli precedenti su MotoCorse.com

Estoril, il borsino del GP

Estoril, il borsino del GP
in Motomondiale

Edwards: operazione perfettamente riuscita

Edwards: operazione perfettamente riuscita
in Motomondiale

Suzuki Gladius Cup: Segoni sotto il diluvio

Suzuki Gladius Cup: Segoni sotto il diluvio
in Campionati e trofei nazionali