PARIS HILTON, ESTRELLA DAMM ED ELENCHI PUNTATI

PARIS HILTON, ESTRELLA DAMM ED ELENCHI PUNTATI


Ah, Barcellona: ricordo solo la pessima estrella damm sulla banchina del maremagnum.
Nota tecnica: ho scoperto il tastino per fare gli elenchi puntati! Vedrete quanti begli elenchi puntati!

Anche Zarco deve aver abusato dell'Estrella: in 125 si gioca una volata stupenda con Terol.

Purtroppo sul rettilineo decide di buttare Terol nel prato per un picnic. Voto 10 alla manovra virile.
Ora, mettetevi nei panni di Zarco: siete alticci, avete appena vinto in modo rocambolesco una gara del mondiale, vi state godendo la folla nel parco chiuso.
Qualcuno vi dice che avete preso 20 secondi di penalizzazione:
DA CHI VORRESTE RICEVERE L'ANNUNCIO?
a) Paris Hilton
b) Il vostro team-manager
c) un vostro amico/un vostro collaboratore
d) Alberto Porta sudaticcio con un sorriso beffardo

Zarco non ha potuto scegliere: la sua faccia nel momento della rivelazione è da screenshot.

Poco prima, nel giro d'onore, vien fuori che Maverick ha qualcosa come 12.000 tifosi: un'intera tribuna a tinta unita, con bandieroni e magliette. Certo, se ti chiami Maverick e fai il pilota, è naturale che hai tanti amici. Se poi il tuo capo è Paris Hilton...ti piace vincere facile, bastardo!

La moto2 purtroppo me la perdo, ma mi riaffaccio alla tv giusto in tempo per beccarmi le severe recensioni motociclistiche di Nico Cereghini: la Diavel è potente come la Desmosedici, bella come la 916 e comoda come il divano di casa mia.
Troppo severo nei suoi giudizi, voto 3 perenne alle sue finte prove.

Quando si inizia a respirare aria di Motogp è inevitabile la filippica del giorno sul fatto che Simoncelli è una bellissima persona, e sui cattivissimi giornalisti spagnoli* che scrivono falsità per aizzare i tifosi spagnoli* contro i piloti italiani*
(*scambiare a proprio piacere 'spagnoli' e 'italiani' per un quadro completo degli ultimi 10 anni di motociclismo televisivo)

In griglia di partenza arriva il top della rumenta: Pedrosa, secondo voi, non è un po' strano che non sia venuto a Barcellona? Si è davvero fratturato una clavicola, o forse è la frattura del suo animo troppo debole per reggere i ritmi della motogp? E' evidente che Pedrosa è un pilota triste e prostrato dalle difficoltà della vita. D'altronde è un nano, con quella faccia cattiva...non è un po' strano che abbia deciso di saltare questa gara, e probabilmente anche la successiva? Non ci starà nascondendo qualcosa? Così piccolo e così subdolo...
MANNAGGIA A QUESTI GIORNALISTI SPAGNOLI CHE METTONO IN GIRO VOCI INVENTATE PER AIZZARE I TIFOSI...


Clima surreale dopo l'intervista a Costa, in cui ci fa sapere che Edwards si è rotto la clavicola al venerdì, si è fatto operare al sabato, e domenica era pronto a correre: si sprecano i riferimenti più o meno elegantemente velati alla finocchiaggine di Pedrosa.

Insomma, stai a vedere che Pedrosa è un perdente, un po' come Stoner in quel periodo in cui è stato via dalle gare per mesi e i nostri geni dell'informazione avevano deliberato che:

  • aveva troppa paura di valentino rossi
  • aveva subito l'impatto psicologico di valentino rossi
  • si era arruolato in al-quaeda, perchè è cattivo
  • era troppo debole per reggere alla grande forza di valentino rossi
  • voleva ritirarsi dalle corse per paura di venir sconfitto da valentino rossi

Insomma, le classiche considerazioni giornalistiche per stemperare la tensione, conciliarsi con il pubblico spagnolo e placare gli animi: il prossimo passo verso la conciliazione sarà fare delle simpaticissime gag sulla presunta omosessualità di re Juan Carlos e un servizio di Beltramo sulla scarsa igiene intima degli Spagnoli.

La gara non è ancora iniziata e io sono troppo sobrio per reggere questa televisione di altissima qualità.

Per fortuna si accendono i motori: Simoncelli al via perde 10 posizioni "a causa del lavaggio di cervello che gli han fatto" o più verosimilmente a causa del fatto che è rimasto in folle. Quando si sono spenti i semafori ha mollato la frizione e si è tutto ingobbito in carena, rimanendo immobile col motore al limitatore.
E' l'inizio storto di una gara tutto sommato mediocre: il vero peccato è aver sprecato la pole. Simoncelli si dimostra veloce ma ancora troppo immaturo per puntare in alto, quando lo vedremo con i capelli tagliati capiremo che è cresciuto.

L'intervista a Suppo è, non si sa come, l'occasione che Reggiani aspettava per dire che "la verità è che con una clavicola rotta si corre, anche il giorno dopo", la classica considerazione da ex-pilota che ha a cuore la sicurezza prima di tutto.

La gara prosegue con Dovizioso e Rossi che duellano, Rossi finalmente sembra più disinvolto sulla Ducati, anche grazie alle piccole grigliette che hanno messo a tappare i giganteschi scarichi della Desmosedici: non sappiamo se questa misura sia stata presa per impedire alle rondini di nidificare nei tubi di scarico o se ci sia dietro dell'altro. Voci di corridoio parlavano infatti di un'indagine interna al team in seguito all'inquietante scoperta di accoppiamenti impuri tra uomo e macchina. Ancora ignoto il protagonista: le grigliette di ferro dovrebbero impedire ulteriori violenze alla Desmosedici.

Rossi fa il suo mestiere e merita la sufficienza, Ducati merita un 6+ per aver finalmente messo in pista delle modifiche che sembrano essere andate nella direzione giusta: ora i due steli della forcella anteriore hanno la stessa lunghezza, le valvole si aprono al momento giusto e finalmente si è scoperto dove andava a finire il tubicino della pompa freno posteriore: spillava DOT 5.1 nel serbatoio della benzina.

Novità tecniche anche per Hayden: i sistemi per non farlo andare più veloce di Rossi si sono evoluti, la moto dell'americano ora monta il geniale sistema della multistrada, solo che Nicky premendo un pulsante può passare solo dalla modalità URBAN alla modalità URBAN: 100cv e sospensioni a mozzarella.
Voto 5 inevitabile al campione del mondo che fu.

Al nono giro panico in pista: compare una misteriosissima bandiera bianca.
Nessuno sa cosa significhi, nei paddock si rincorrono voci bizzare, nell'ordine:
  • ambulanza in pista
  • la resa di Venezia del 1849
  • pensionamento forzato per Capirossi
  • latte in pista
  • accendere i fari
Alla fine salta fuori che i piloti da questo momento possono cambiare moto. Hayden prova a fermarsi ai box per cambiare moto: chiede quella di Rossi.
Finisce con una pacca sulla spalla e le risate di Guareschi.

Capirossi, Abraham, Barros e Bautista si giocano le posizioni a ridosso della top ten, ossia le ultime. Voto 8 a tutti: grazie a loro solo in questa gara abbiamo già visto più sorpassi che in tutto il 2010.
O meglio, avremmo visto più sorpassi che in tutto il 2010, visto che la regia per ovvie ragioni non indugia sulle posizioni da metà schieramento in giù: non vanno oltre il quinto posto.

In fondo a tutti, in un luogo lontano nello spazio e nel tempo, c'è Elias: lo spagnolo era una giovane promessa, purtroppo ha la testa troppo grande per guidare queste moto leggerissime e continua a cadere con il cranio contro l'asfalto ad ogni piega.

Negli ultimi giri viviamo con il fiato sospeso visto che il distacco tra Spies e Lorenzo scende a soli 12 minuti: FORSE Spies potrebbe raggiungere il compagno di squadra.
Ci dicono che non si saranno ordini di scuderia, ma non servono: appena si avvicina troppo a Lorenzo, Benito vede sui maxischermi dei tifosi spagnoli che brandiscono coltelli in sua direzione e mimano il taglio della gola: decide di rallentare. Le due Yamaha portano a casa il 7 pieno, ma da qui alle Honda manca ancora qualcosa...qualcosa di australiano, per il momento.
In ogni caso Lorenzo è costante come un diesel navale, c'è un solo modo per impedirgli di andare a punti: Simoncelli.

Nella famiglia HRC, Dovizioso è il fratello minore di Pedrosa: Danielino non c'è, e Andrea fa lo spaccone con le ragazze rubandogli le sigarette e il motorino. Comunque aiuta in casa quel tanto che basta a non far rimpiangere Pedrosa, e questo è l'importante.
Poi c'è l'altro fratello, quello svitato che da piccolo aveva pochi amici perchè collezionava rondelle, quello che addestrava termiti in garage, quello che va forte in moto.
Stoner, per inciso, non sparisce del tutto: guadagna un po' di margine e lo mantiene, e questo è inquietante...se ha imparato a gestirsi siamo rovinati.

Chiudo con un sondaggio: Bobbiese ci saluta, presenta gli ospiti, poi guarda tutto corrucciato la sua cartella.
Fa una domanda a Simoncelli e fissa con grande interesse la cartella.
Chiede un parere a Cereghini, poi legge intensamente la sua cartella e annuisce tra sè e sè compiaciuto.


SONDAGGIO: COSA C'E' SULLA CARTELLA DI BOBBIESE?
  1. il nome di Cereghini: se lo dimentica sempre
  2. Paris Hilton nuda
  3. Pernat nudo
  4. ha un iPad con cui si fa i cazzi suoi su Facebook
  5. un catalogo di maglioni da fighetto

comments powered by Disqus

Altri commenti

Anonymous

bravo. pagelle brillanti come sempre! Condivido la tua amarezza nel dover constatare le illazioni nei confronti di pedrosa. Il problema è che a questi "professionisti" non c'è alternativa. vergognosi voto 1000 alla coerenza.

Inserito: 06 giugno 2011
afef

:-) come al solito ... lucido e veritiero ;-)

Inserito: 06 giugno 2011
coviz

sei geniale desmo sei geniale :D

Inserito: 06 giugno 2011
flames

Le illazioni su Pedrosa sono veramente squallide.. un grande Desmo!

Inserito: 06 giugno 2011
sanfi76

Io sono dalla parte di Pedrosa e spero che quest'anno vinca il mondiale, Simoncelli permettendo. Però il "non farsi vedere" nella gara di casa è un grande segno di debolezza, e ritengo che quelle di Meda e Reggiani, purtroppo non siano solo illazioni. Sta facendo riabilitazione da ormai 3 settimane, e credo che le gambe cmq gli funzionino bene. Spero non faccia la fine di Stoner, l'essere umano + instabile psicologicamente su 2 ruote!!

Inserito: 06 giugno 2011
forzabatta

sempre un piacere leggerle!

Inserito: 06 giugno 2011
Anonymous

Grazie teschio, con Hayden che si ferma per cambiare moto mi hai un po' risollevato da una giornata dimmerda ;)

Inserito: 06 giugno 2011
Anonymous

Sempre per stemperare le polemiche, nei deliri di fuorigiri si cercava a tutti i costi di far dire a sic di essere stato condizionato dal clima intimidatorio, ma lui non ha capito il gioco e non ha abboccato, addossando il tutto al setup sbagliato. forse sulla cartella di Bobbiese c'era questo.

Inserito: 06 giugno 2011
LorenzoBandini

AHAHAHAHAHAHAHAHAH :-D

Inserito: 06 giugno 2011
afef

Anonymus di Oristano ,
se è per questo anche Pernat voleva a tutti i costi fargli dire che gli avevano dato , intenzionalmente , una gomma fallata .
Ma lui non ha colto nemmeno quello :-) .

Inserito: 06 giugno 2011
Marvin

vi siete dimenticati la teoria che cercava di esporre Cereghini in comunicazione col Sic,secondo la quale al Sic appunto,avrebbero fornito gomme.....meno performanti...apposta!!!!!GomBloDDo!!!
Ma Cereghini è scemo o lo fa?
Desmo ,sei un grande come al solito! :))

Inserito: 07 giugno 2011
Anonymous

ti voglio sul mio comodino!porta pure anche la morosa ma sul comodino c'è posto solo per 1!

Inserito: 07 giugno 2011
Macyd

hahahahaha


bellooo!!!!!!!!

Inserito: 07 giugno 2011
eppye

grandioso!! bella scoperta, quella degli elenchi puntati e/o numerati. Abusane!!!!!!!! Per il sondaggio sei fuori strada: Bobbiese aveva la cartellina a specchio, tutto qui.

Inserito: 08 giugno 2011
Anonymous

divertentissimo! grazie :)

Inserito: 08 giugno 2011
desmoskull

@eppye: LA CARTELLINA A SPECCHIO!!! questa mi ha ribaltato....ti proclamo vincitore assoluto insindacabile del sondaggio!! :-D

Inserito: 09 giugno 2011
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

MotoCorse e Pompone: Last Minute a Rijeka Mercoledì 15/6! (AGGIORNATO!)

MotoCorse e Pompone: Last Minute a Rijeka Mercoledì 15/6! (AGGIORNATO!)
in Giornate pista e corsi di guida

La pagella del Dicos Motogp Catalunya

La pagella del Dicos Motogp Catalunya
in Commenti sul motociclismo meridionale e non solo

Barcellona, MotoGP: Stoner l'imprendibile

Barcellona, MotoGP: Stoner l'imprendibile
in Motomondiale

Barcellona, Moto2: Bradl dall'inizio alla fine.

Barcellona, Moto2: Bradl dall'inizio alla fine.
in Motomondiale