CIV Monza, sabato: graziati dal meteo

di Omar Fumagalli

CIV Monza, sabato: graziati dal meteo

La seconda giornata del CIV a Monza, si apre con la conferma di un clima mite e non avverso, come invece si temeva nei giorni scorsi.

L’avviso a tutti gli appassionati è quindi di tener presente che già oggi il sole è tornato a splendere in brianza, e domani, a parte qualche leggera goccia d’acqua che rimane in agguato (come accaduto nel pomeriggio di oggi), si prevede potrà essere meglio, con lo spettacolo in pista che è quindi assicurato, per chi siede nelle tribune ai margini del tempio della velocità (in vero pochi sinora, nonostante lo spettacolo meriti il prezzo del biglietto).
La prove ufficiali odierne, hanno decretato gli schieramenti sulla griglia per le gare di domani, con le categorie Superstock davvero molto affolate ed a ranghi pieni (sono 150 gli iscritti complessivi del CIV monzese).
 
SUPERBIKE: TEAM BARNI IN EVIDENZA
Condizionata dalla pioggia che ha reso inutile la seconda sessione di prove, la classe Superbike ha visto centrare il primo tempo al 26enne marchigiano Alessandro Polita.

Il campione italiano in carica vuole tornare protagonista assoluto della categoria dopo la vittoria di Rolfo di Misano e oggi ha fatto meglio, grazie al crono di 1’44”665 rispetto al suo compagno di squadra e corregionale nel Team Barni (Ducati), Matteo Baiocco. Il 27enne di Osimo si è piazzato secondo davanti al pilota bresciano Luca Conforti, portacolori Ducati del Team Althea Racing. Chiude la prima fila il nipote di Max Biaggi, il romano Federico Mandatori, bravo a far “volare” l’Aprilia del Gabrielli Racing Team. In evidenza anche Simone Saltarelli (Ducati – Grandi Corse), il campione italiano Stock 1000 in carica Ivan Goi (Aprilia – Ecodem TRD Racing) e gli altri due alfieri Ducati Althea Racing, Federico Sandi e Flavio Gentile, nell’ordine dal quinto all’ottavo posto.

ALESSANDRO POLITA: “Abbiamo lavorato bene sin dal giovedì, trovando un buon passo gara. Oggi c’era un po’ di traffico in pista che non ci ha permesso di avvicinare i tempi del mondiale anche a causa della pioggia ma domani cercheremo di sfruttare al meglio questa occasione”.

SUPERSPORT: SI CONFERMA DIONISI
Il vincitore della prima tappa continua la sua striscia positiva anche a Monza: Ilario Dionisi, 27enne di Borgo Santa Maria, ha conquistato la pole della Supersport in sella alla Honda CBR della Scuderia Improve con il crono di 1’49”895. Due decimi più lento è stato l’esperto ternano Mirko Giansanti (Kawasaki – Puccetti Racing), bravo a chiudere secondo davanti al campione italiano in carica Roberto Tamburini. Il romagnolo, portacolori Yamaha del Bike Service, ha fatto meglio dell’altro alfiere Puccetti Kawasaki, il marchigiano Stefano Cruciani mentre in quinta e sesta piazza c’è l’accoppiata Honda – Velmotor by xone formata da Alessio Palumbo e Alessio Velini. Cristiano Erbacci (Yamaha) e Alessandro Gramigni (Yamaha), chiudono la seconda fila.
ILARIO DIONISI: “Stamattina ho utilizzato la gomma da gara e il tempo sono riuscito a centrarlo con quella copertura. Nel pomeriggio, il tempo non ci ha permesso di migliorare ma va bene così. La moto va fortissimo e domani spero di ripetere la gara di Misano”.

MOTO 2: POLE PER ANDREOZZI
Il più veloce della due giorni di prove è stato il 19enne maceratese Alessandro Andreozzi (Andreozzi R.T.), che grazie al tempo di 1’51”839 si è messo alle spalle un altro 19enne, il pescarese Federico D’Annunzio (Ioda Racing Project), lontano quattro decimi dal leader. In terza piazza ha chiuso l’alfiere del Team RSV Improve Moto2, Tommaso Lorenzetti: il 25enne perugino ha sopravanzato uno dei protagonisti della prima gara di Misano, il faentino Mattia Tarozzi (Faenza Racing) mentre dal quinto all’ottavo posto scatteranno, nell’ordine, Danilo Marrancone (Bimota – Team QDP), Nicholas Stizza (Gapam – Grillini Gapam Moto 2 Team), Davide Fanelli (Bimota – Team QDP) e il leader di campionato, Diego Ciavattini (G.P.D. Tecstra), che insieme ad altri sette piloti non ha potuto contare sui tempi fatti segnare nella prima sessione a causa di un’irregolarità tecnica.
ALESSANDRO ANDREOZZI: “E’ andato tutto molto bene. All’inizio abbiamo avuto qualche problema ma poi siamo riusciti a risolverlo e successivamente ho centrato un ottimo tempo. Avrei potuto fare meglio, senza dubbio ma per ora va bene così”.
 
125 GP: CALIA SU TUTTI
E’ stato l’unico pilota in grado di abbattere il muro dei 2’01. Il 17enne imolese Kevin Calia (Aprilia - MGP Racing – 2B) ha stabilito il giro più veloce al termine dei due turni della ottavo di litro, grazie al limite di 2’00”668. Alle sue spalle si è piazzato il leader di campionato, Miroslav Popov: il pilota ceco del Team Ellegi messo la sua Aprilia davanti a quella del giovane pilota Gabrielli – Team Italia, il 15enne marchigiano Romano Fenati, e a quella del 18enne trentino Massimo Parziani (Faenza Racing). A caratterizzare la seconda fila l’altro alfiere Gabrielli, il romagnolo Niccolò Antonelli, il corregionale Alessandro Giorgi (Aprilia – VFT Racing), il reggiano Cristiano Carpi (Aprilia – Faenza Racing) e il giapponese della Rumi, Toshimitsu Gondo. Nel Challenge Moto3, pole position per il frusinate Armando Pontone (Ioda Racing Project), che ha chiuso davanti al compagno di squadra, il romano Giuliano 
KEVIN CALIA: “Ho girato subito forte, sempre da solo e verso il finale di sessione sono riuscito a centrare il tempo. La moto andava molto bene e io mi sono trovato bene. Domani cercheremo di ripeterci, ringrazio la squadra, il mio preparatore e tutti quelli che hanno creduto in me”.

 


SUPERSTOCK 600: TRA I DUE LITIGANTI… 
Hanno lottato per tutta la sessione, il 17enne avellinese Nicola Morrentino (Yamaha R6 – Elle2 Ciatti) e il 20enne marchigiano Giuliano Gregorini (Yamaha – RCGM Faber Team) ma alla fine a centrare il miglior tempo è stato il beneventano Dino Lombardi: il 20enne alfiere Yamaha del Team Martini Corse ha fatto meglio di Morrentino e Gregorini (nell’ordine) grazie al crono di 1’50”907 e domani cercherà di portare a casa quella vittoria sfuggitagli per un soffio a Misano e andata all’altro campano Riccardo Russo, ottavo oggi con la R6 del Team Italia – Trasimeno. A completare la prima fila c’è il livornese Federico Monti (Yamaha), seguito rispettivamente dal russo Vladimir Leonov, Francesco Cocco e Federico Dittadi, che con Russo chiudono la seconda fila.
DINO LOMBARDI: “E’ stato un turno molto lungo. All’inizio, nella zona della Parabolica e della Ascari pioveva e quindi ho percorso i primi giri molto tranquillo. Dopo un po’ la situazione è migliorata, così sono rientrato al box per cambiare la gomma e quando sono tornato in pista ho iniziato a spingere forte, centrando un crono stratosferico. E’ la prima pole al CIV e la dedico alla mia famiglia, al mio manager Claudio Quintarelli e a tutto il Martini Corse”.
 
SUPERSTOCK 1000: IN VETTA FRANCIA E BMW
Era già stato protagonista in occasione della prima tappa stagionale e qui a Monza, a due passi dalla sede della BMW, il 22enne transalpino Sylvain Barrier si è ripetuto: wild-card anche a Monza, cercherà domani di fare sua la gara per preparare al meglio l’appuntamento iridato della prossima settimana ma dovrà vedersela con gli italiani: il compagno di team, Lorenzo Zanetti ha sfiorato per un solo decimo di secondo la pole position sul circuito di “casa” ma ha avuto la meglio sul marchigiano Michele Magnoni (BMW – Team Mascheroni by Baru), sul toscano Lorenzo Alfonsi (BMW – Riviera FCC) e sul vincitore di Misano, Danilo Petrucci, 20enne ternano del Team Italia (Ducati – Barni). In seconda fila anche l’australiano Brian Staring (Kawasaki – Pedercini), l’altro bresciano Fabrizio Perotti (BMW – Play Racing) e l’argentino Leandro Mercado (Kawasaki Pedercini).
SYLVAIN BARRIER: “Durante il secondo turno ha piovuto un pò nella zona delle curve di Lesmo ma sono riuscito lo stesso a fare il miglior tempo. Già da stamattina il team ha lavorato molto bene e ora sono fiducioso in vista della gara di domani”.
  
PADDOCK
Nel paddock del CIV si respira un’aria serena, pacata e vivibile per tutti, con uno spazio che sembra simile in parte, ma molto meno affollato e caotico del Mondiale (che arriverà settimana prossima a Monza, con la Superbike) e addirittura nemmeno parente della poco penetrabile MotoGP, che oggi corre in Portogallo. Non mancano però anche qua al CIV intrattenimento ed ospiti, come i protagonisti del passato e dell’attuale Mondiale, primo fra tutti Luca Scassa, leader della Supersport iridata 2011, mentre tra gli ex-piloti, si sono visti Ezio Gianola e Fabrizio Pirovano.
  
BIGLIETTI, ORARI E TV
Domani sarà giornata di gare: lo spegnimento del primo semaforo rosso è previsto alle 10:50: gli appassionati potranno seguire tutte le gare dalla tribuna con un biglietto intero di 14 euro (10 euro per il ridotto tesserati FMI, under 18 e donne, gratis under 11). Cinque euro costerà la differenza per entrare nel paddock. La diretta tv inizierà alle 10:40 su Nuvolari (canale 144 Sky e digitale terrestre) per la sola Stock 600. Su Sportitalia 1 (canale 225 Sky e digitale terrestre) dalle 13 circa andranno in onda live Stock 1000, Superbike, 125 GP e 600 Supersport/Moto2.

 
 



comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

GP Portogallo, Estoril QP MotoGP: Arriva l'astronauta

GP Portogallo, Estoril QP MotoGP: Arriva l'astronauta
in Motomondiale

GP Portogallo, Estoril QP 125: Terol, chi se no?

GP Portogallo, Estoril QP 125: Terol, chi se no?
in Motomondiale