Trofei Yamaha: Russo sbanca la R6, Laudati guida la R1

Trofei Yamaha: Russo sbanca la R6, Laudati guida la R1

Eccovi un’altra stella: Riccardo Russo (peraltro già spesso presentato da noi di MotoCorse.com) è la nuova scoperta della Yamaha R Series Cup, che assume sempre di più palestra dei campioni di domani. Il 17enne campano della Viscardo Motor ha sbancato il quinto round della R6 Metzeler Cup a Misano, mettendo una seria ipoteca sul successo finale. Si tratta della terza affermazione stagionale dopo Vallelunga e Misano, nel precedente round di luglio. Russo ha piegato gli altri aspiranti alla corona: Andrea Paoloni (Imperiale Moto) è arrivato secondo e Giampietro Avanzi (Bottega della Moto) quarto, preceduto anche dallo scatenato 19enne bolognese Manuel Grandi, al secondo podio 2010.

Nella R1 Leovince Cup Ugo Laudati (Concessionaria Celestini) ha dominato sotto il diluvio strappando il primato a Maurizio Prattichizzo partito con la spalla destra lussata e arrivato solo nono.


La R6 Metzeler Cup non è ancora chiusa: nella gara finale del Mugello, che si correrà il 17 ottobre, Russo dovrà comunque arrivare almeno secondo in caso di successo di Paoloni. Resta in gioco anche Avanzi, a -89 punti dalla vetta: il distacco è pesante, ma la gara ne mette in palio ancora 201. Apertissima anche la R1 Leovince Cup: in caso di successo dell’inseguitore Prattichizzo il battistrada Ugo Laudati non potrà scendere oltre la seconda posizione per aggiudicarsi il titolo.

Russo ha messo le basi del trionfo con un fantastico avvio. Sulla pista umida ha guadagnato 2”5 in appena tre curve; al termine del primo giro il margine era salito a 5”8, al secondo 8”2 e 9”0 al terzo.  Operato il sensazionale break, da lì in poi Russo si è “calmato” gestendo a piacimento gli avversari e il ritorno della pioggia. Negli ultimi tre giri la pista si è bagnata di nuovo ma Riccardo, al primo anno di Yamaha R Series Cup, non ha commesso alcun errore pur avendo montato, come tutti gli altri protagonisti, coperture Metzeler da asciutto. L’unico a tentare le “rain” è stato Gabriele Poma ma l’azzardo non ha pagato: nei primi passaggi, con il tracciato solo umido, il 21enne della Tnt Racing è scivolato nelle retrovie. La pioggia è tornata troppo tardi per permettergli di risalire oltre la sedicesima posizione finale. Da segnalare la grandissima rimonta di Giuseppe Cannizzaro, 34enne affezionato da anni ai monomarca di Iwata, partito ultimo e giunto decimo al traguardo.

Nella Under 21, Manuel Grandi (Moto Shop) ha scalato un altro gradino ipotecando il successo nella classifica riservata. Il bolognese è uno dei prodotti di Yamaha R125, la formula d’accesso che Yamaha Motor Italia ha lanciato nel 2009 per avvicinare i giovanissimi alla pista. Al primo anno nella R Series Cup, Grandi sta sorprendendo per talento e capacità di bruciare le tappe. Nel round iniziale di Vallelunga aveva mancato l’accesso alla gara A (riservata ai migliori 36 tempi delle qualifiche) ma nei quattro successivi ha centrato due terzi posti. Grande giornata anche per Luca Salvadori, 17enne milanese che ha bissato il sesto posto già festeggiato a Monza. Tra i baby piloti che stanno facendo esperienza nella R6 Metzeler Cup, invece, si è messo di nuovo in luce Kevin Caloroso, 15enne laziale arrivato ottavo al traguardo. Hanno centrato la qualificazione in gara A – tra gli under 18 – anche Eugenio Sinistrario, Lorenzo Favi, Lorenzo Garofoli, Michele Cloroformio, Roberto Mercandelli, Manuel D’Andrea e Federico Agnoletto: molti di loro arrivano dalla Yamaha R125 Cup.

Nella R1 Cup, Maurizio Prattichizzo (concessionaria Fratelli Maggi) ha complicato il suo fine settimana scivolando nella qualifica di sabato mattina con conseguente lussazione della spalla destra e distruzione della sua YZF-R1, ricostruita poi nella notte dallo staff del preparatore Alberto Corradini (leader della classifica Best Tuner). L’ormai ex capoclassifica è partito menomato e il rivale Ugo Laudati (Celestini) ha sfruttato il jolly vincendo sul bagnato e balzando al comando della classifica generale. Il pilota laziale è stato impegnato per alcuni passaggi da Alessio Gomiero (Bottega della Moto) finché il veneto non è andato dritto spalancando la porta all’inseguitore. Il podio è stato completato da Giacomo Cucci. Quarto Salvatore Patanè finito davanti a Graziano Laudati incappato in una scivolata a metà gara che gli è costato il podio.

Yamaha R Series Cup invita tutti gli appassionati al gran finale: il sesto e ultimo appuntamento 2010 è in programma al Mugello nel week end 15-17 ottobre; per chi non potesse esserci, il consiglio è di sintonizzarsi Nuvolari TV e godersi il commento di Giò Di Pillo: qui il palinsesto.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Kawasaki: ecco la Z750R!

Kawasaki: ecco la Z750R!
in Moto e mercato

Clover: anteprima giacca Tekno

Clover: anteprima giacca Tekno
in Abbigliamento moto

Colin Edwards: un altro anno con Tech 3

Colin Edwards: un altro anno con Tech 3
in Motomondiale