Paola Cazzola nella storia del motociclismo

Paola Cazzola nella storia del motociclismo

di Maurizio MAK Ottomano
 
Come fai a non amare una pilota come Paola Cazzola, anzi UN PILOTA. Perchè un pilota è un pilota, non c'entra cosa c'è scritto all'anagrafe e Paola è un grandissimo pilota.
Passata dai fasti del Supercross in America alla velocità in Italia non più di 5 anni fa, si è permessa poche ore fa il lusso di vincere, prima donna in assoluto, la gara di Valllelunga della R6 Metzler Cup Yamaha.
Dire "ha vinto" sa di semplicità, di una semplicità quasi astratta.

Raccontare come, rasenterebbe l'epica, perchè di battaglia all'ultimo sangue, o meglio, all'ultima curva, si è trattato.

Miglior tempo nelle libere del venerdì, poi quinta in qualifica, Paola si presentava oggi finalmente con la possibilità di andare a podio sul circuito che per il suo Team, il Pielle Moto Villa Sandra di Roma, è la pista di casa. Passata quest'anno dalle 1000cc dove ha imparato a guidare le moto in pista, alle 600cc molto diverse per leggerezza ed erogazione, Paola ha accettato ancora una volta una sfida difficile. E' una donna, ma ormai per tutti è il n° 33, uno spauracchio per chi crede alla differenza tra i sessi in moto; vedersi sverniciare da quella che potresti considerare una "zavorrina" da relegare al sedile posteriore è un problema solo per chi non la conosce. Pochi per la verità, perchè in cinque anni il rispetto per il suo talento è ormai una consuetudine tra tutti i piloti, siano essi professionisti o amatori.
Oggi non l'ha fermata nemmeno la pioggia, che ha bagnato la pista poco prima della sua gara: le condizioni difficili dell'asfalto non l'hanno bloccata.
Paola è un vero animale da gara, il confronto diretto la esalta, le "chiude la vena" ma in modo positivo; è un pilota molto "consistent", una che sotto pressione dà il meglio.

Partenza e come al solito dalla seconda fila sfrutta l'esperienza da crossista (dove si parte tutti insieme) e balza in testa per poche curve: poi inizia la battaglia con gli avversari sull'asfalto semi-bagnato. La superano, li ri-supera e conduce le danze per 6 giri. Dietro si esaltano per rubarle la prima posizione, con tentativi anche duri ma sempre nel limite della correttezza, ai quali risponde con la stessa moneta. Fino a che al settimo dei dodici giri perde la leadership, ma resiste seconda combattendo su ogni metro. Al comando si alternano ben tre diversi piloti: qualcuno, sembra poter prendere il largo; in quattro si scambiano le posizioni sempre racchiusi in pochi decdimi e per Paola Cazzola questa è la condizione più esaltante. Esagera il n° 100 Celestini per tenere dietro gli altri e scivola; Casalotti gli subentra ma perde quasi subito il primo posto e finisce terzo; Avanzi ingaggia una lotta furibonda con la vicentina e passa quindi in testa.

NOTA: abbiamo "tirato su" questa notizia perchè nei commenti si è sviluppata una discussione interessante.
Il tutto succede tra sorpassi al limite ed una lotta incredibile tra i contendenti.

I primi tre potrebbero accontentarsi del podio, visto che il quarto è a più di trenta secondi; Paola potrebbe e forse dovrebbe accontentarsi di un podio che, viste le prime gare in categoria su piste sconosciute come Monza o in condizioni difficili come a Misano, suonerebbe comunque come un grandissimo risultato.

Paola però non è quel tipo di pilota: il suo idolo è Schwantz, il suo credo è provarci fino all'ultimo, il suo scopo è vincere e divertire, nella sua testa e nel suo polso destro c'è solo il bersaglio n° 1.
Dal pubblico ad un tratto sale l'ennesima ovazione, quella che l'ha accompagnata ad ogni sorpasso, il suo premio pìù bello: a poche curve dalla fine dell'ultimo giro, con una staccata da blocco coronarico passa in testa, guadagna circa 50 metri di vantaggio e va a vincere con il best lap della gara, 1.56.257, mentre gli uomini del suo team vanno completamente "fuori di testa" dalla gioia!!
Questa è Paola: un pilota che dà grandissime emozioni e...un rischio di infarto a tutti quelli che la seguono con tantissimo affetto.
Vallelunga è ai suoi piedi.

Nuovamente nella storia quindi.
Dopo il Wonder Team in Usa, il Supermotard, le Aquabike, il primo titolo italiano femminile regalato alla Ducati ed il primo titolo Europeo, eccola, prima donna nella storia del Trofeo a vincere una gara.

Sedici anni di una carriera fatta di talento e coraggio, dove non si è mai risparmiata.
Lanciamo allora un'idea: ci piacerebbe leggere di un'offerta per essere la prima donna a disputare una gara nel mondiale Superbike.
Sarebbe il giusto premio: per quello che ci regala ed ha regalato al motociclismo, Paola Cazzola lo merita.
Certi che gli appassionati saranno tutti con lei.

GARA: 1. Paola Cazzola in 24’11”907 alla media di 122,289 km/h; 2. Avanzi (Motorcenter Gatti) a 0”634; 3. Casalotti (Bottega della Moto) a 11”568; 4. Mauri a 39”881; 5. Viglieno (Celestini) a 39”881.

IN CAMPIONATO DOPO 3 PROVE SU 6: 1. Stefano Casalotti (Bottega della Moto) punti 508; 2 Franco Carta 404; 3. Giampietro Avanzi (Motor Center Gatti) 387; 4. Paola Cazzola 326; 5. Mitja Emili (Moto Shop Due) 313; 6. Roberto Miele (F.lli Valli) 232; 7. Andrea Spadaro 228; 8. Iuri Vigilucci (Imperiale Moto) 222.

comments powered by Disqus

Altri commenti

canrsv

Grande paola la seguo dal campionato femminile e devo dire che è uno spettacolo vederla guidare o meglio più che guidare lei con la moto ci danza fra una curva e l'altra fino alla vittoria. Brava brava e ancora brava.

Inserito: 09 giugno 2009
Anonymous

é proprio vero!!!
una volta ero in pista con lei a Vallelunga, e per quanto l'abbia potuta osservare (visto che mi ha passato e staccato in 5-6 curve)ha uno stile molto molto pulito...oserei dire quasi "alla Biaggi".
veramente brava!!!

Inserito: 09 giugno 2009
Anonymous

difatti son anche alti uguale

Inserito: 09 giugno 2009
Maffezza

nella storia del motociclismo per aver vinto una prova del trofeo yamaha?!?!?!?
ed il bello è che poi su questo sito c'è chi mette in discussione Max Biaggi...

Inserito: 09 giugno 2009
Anonymous

Con molto rispetto: tu segui il motociclismo o il Ping Pong?
Se hai la possibilità leggiti la Gazzetta dello Sport di Lunedì 8 giugno, il sito Yamaha-Racing, il prossimo Motosprint e un'altra decina di pubblicazioni.
Tutti pazzi quindi in questo mestiere? Sai chi è la Cazzola?

Per inciso solitamente i tifosi di Max sono degli appassionati esperti.

Inserito: 09 giugno 2009
Anonymous

Inserito: 10 giugno 2009
Fastmambo

Bè, si dice che fa più notizia il morso di un uomo dato ad un cane, che non il contrario...no? Quindi, UN pilota (femmina) che sbaraglia la concorrenza (maschile), fa notizia, non credi? Poi, si può accettare ogni opinione, ma francamente non capisco perchè accanirsi così... Poi, quando dici che ci sono ragazzi più meritevoli, sarà pur vero. Ma mica possono correre tutti... e quelli che a Vallelunga hanno corso contro la Cazzola, hanno tutti perso... E infine, chissà quante donne pilota ci sono e non vengono cagate da nessuno proprio perchè...son donne!!! Quando poi ce n'è una che partecipa e vince... c'è chi gli dà contro!!! Ciao a tutti, e tanti complimenti al pilota Paola Cazzola!!

Inserito: 10 giugno 2009
_MAK_

Tira il culo eh?!
Questa discussione è vecchia di 5 anni e più.."se si fosse chiamato Paolo.." ed è di una banalità entusiasmante! Cazzola è un patrimonio del motociclismo italiano, non solo una donna che corre; è una con 16 anni di carriera, che si è spaccata mille ossa ed è sempre tornata più combattiva di prima.
Mi parli dei suoi sponsor? e chi sarebbero questi "grandi" sponsor? O pensi che lei non corra facendo grandi sacrifici come tutti? Quello che ha raggiunto se lo è sudato e se lo è meritato! Forse si fosse chiamato Paolo alla prima curva del triveneto motard non l'avrebbero centrata per buttarla fuori facendole esplodere il piede in 35 pezzi. Forse "Paolo" non sarebbe passato da professionista del cross Usa al Trofeo Italiano Motociclisti con moto e piste mai viste in vita sua. Forse Paolo non avrebbe raccolto decine di sfide nè avrebbe puntato al primo posto invece di un facilissimo podio domenica.
Se scrivono di Paola, se la Rai le dedica SFIDE, se la stampa ne parla è perchè è un gran talento. Il tuo discorso non regge, proprio con la Cazzola non regge per niente, come non avrebbe retto con Taru Rinne, ottimo pilota anche lei.
Per cui invece di esprimere opinioni francamente fuori luogo, vedi di darti una mossa e fare in modo di avvicinarti almeno lontanamente ai suoi tempi.
Stammi bene e gas aperto, anonymus (cancellus???)

Inserito: 10 giugno 2009
Anonymous

dai ti prego, dimmi che stai scherzando, dimmi che un sito come Motocorse non è in mano a gente che non è in grado di sostenere una discussione senza cadere nel ridicolo.
allora chi ha criticato VR dopo la gara del Mugello doveva starsene zitto perchè non fa i suoi tempi sul giro?
io non sono un fermo in pista per il semplice motivo che in pista non ci vado, non è il mio mestiere, non sono proprio capace, quindi non cadere nella sindrome da tifo da stadio con frasi veramente banali.
non puoi fare un confronto tra me che ho 40 anni e non ho mai corso in vita mia ed una ragazza che in moto ci corre e sicuramente per suo talento vince.
io ho mica criticato Paola, rileggiti i miei interventi, ho criticato TE che scrivi un articolo con un enfasi ed un trasporto a mio modesto parere esagerati.
ma rileggi quello che hai scritto per cortesia e non farti fuorviare dal tuo "amore agonistico" per il pilota in questione, non si son letti toni del genere nemmeno per l'ultimo giro tra Pasini e SuperSic!:-)
se la stampa, la RAI, i siti internet, parlano di Paola è perchè sicuramente è un gran talento, ma tra le donne, quindi fa notizia, punto e stop.
tra gli atleti del motociclismo invece, è un pilota normale, uno dei tanti che ha vinto qualche gara, e se fossi in lei mi sentirei svilita dal tuo articolo, non certo gratificata.
i talenti, i VERI talenti, sono altri.
ma se arrivi a definirmi Taru Rinne un ottimo pilota, posso capire con che termini di valutazione classifichi i piloti, mi spiace Mak, ma abbiamo dei termini decisamente diversi.
e mi spiace se ti aspetti un bravo da me perchè a te PILOTA è esploso un piede o perchè ti fai un culo così per correre tra un sacrificio e l'altro, aspetta e spera, non te lo ha mica ordinato il dottore!
credimi è una vita che seguo le corse in motocicletta, e probabilmente a tua opinione non ci ho ancora capito una mazza, ma secondo me articoli come il tuo ed altri che ho sempre letto e criticato nel passato anche su questo stesso sito, fanno del male tra gli addetti ai lavori alle persone interessate.
poi se vogliamo tirare in mezzo qualche lettore occasionale facendogli credere che a Vallelunga quella storica domenica ci fu una gara tipo Sheene-Ferrari ad Assen 79, Spencer-Roberts ad imola 83 o sulla stessa pista Bayliss-Edwards fai pure, io non ci sto!:-)
stammi bene anche tu ed un lampeggio cordiale, per quanto riguarda il gas aperto, beh, quello proprio il minimo che la fisica richiede per mantenere in equilibrio il mio GS!:-)

MAFFEZZA

NB: odio anche io sto "anonymus" che viene ogni tanto fuori nei miei interventi, sorry, mi firmo qui.

Inserito: 11 giugno 2009
_MAK_

Premetto che motocorse non è "in mano" al sottoscritto, in quanto freelance e qui, utente occasionale e normalissimo. Quanto a cadere nel ridicolo mi pare tu ci sia dentro in pieno.
Secondo me hai rimestato la solita polemicuccia qualunquista sulle donne e con Paola ti ho già detto che hai sbagliato bersaglio perchè è un atleta particolare, che dà lustro a TUTTO il motociclismo italiano, certo per quello che ha fatto come donna, ma soprattutto per come guida oggi dopo soli 5 anni di velocità su pista, di fronte a gente che corre da 25 anni, ad esempio. Le tue opinioni sembrano scaturire da una scarsissima conoscenza della pilota in questione e della sua carriera: anche qui ci potrebbero essere molte persone che l'hanno incrociata in pista e ti potrebbero testimaniore il suo valore. Ma a te questo non interessa. interessa che ci sia enfasi in un articolo. E allora citiamo la Gazzetta con Paolo Gozzi:"Paola batte 39 uomini!" o Motociclismo "La regina di Vallelunga è Paola Cazzola: 31 anni e carattere da vendere, batte 39 uomini nella R6 Cup" o Motoblog o Motosprint o il sito della Federazione "Giornata storica per il motociclismo italiano", ovviamente per te tutti un branco di imbecilli nell'informazione....E quanti altri su Facebook, gente completamente digiuna di motociclismo irretita dalle grazie della piccola Paola.
Domanda a Nuccio Zerbo il pilota che ha vinto più gare in assoluto in Italia, se pensa che Paola sia famosa solo perchè donna, fagli la domanda diretta.
Il mio consiglio, a 47 anni e cioè da uno che in moto un pochino è andato, è di informarti per bene e poi magari ne riparliamo.
Ah..quanto a Taru Rinne, su Facebook c'è anche Masetti, Pernat e molti altri: fatti raccontare come guidava e cosa ha fatto in carriera.
Perchè date le tue parole mi pare che tu sia parecchio a digiuno anche su quel fronte.
Sempre un lamps: in fondo amiamo lo stesso sport sennò non saremmo qui a discutere.

MAK

P.S.
Conoscendo bene Paola ti innamoreresti "agonisticamente" in un attimo. Questo te lo posso garantire.Di piloti maschi con metà delle sue "palle" sono piene le piste, anche nelle categorie più alte: per questo è unica.

Inserito: 11 giugno 2009
Anonymous

Grazie Mak!
ti ringrazio di cuore di tutto ma ti volevo dire di lasciar perdere questo Maffezza, il mondo e' bello perche' e' vario e perche' c'e' la liberta' di pensiero e di parola, perlomeno qui da noi quindi se lui la pensa cosi' .....e' la sua opinione ed io la rispetto!
Le persone che mi sono vicine e mi conoscono sanno quello che ho fatto e sinceramente da un po' fastidio anche a me che questa vittoria abbia fatto tutto questo scalpore perche' nella mia carriera ho fatto gare ben piu' difficili e combattute con piloti di nome Alessia Polita e Nina Prinz ma.....visto che erano donne la notizia non ha riscosso cosi' tanta popolarita!
Io sono un pilota e come sai bene non sono mai partita per partecipare!!ho dei limiti ma sono molto felice di poter regalare delle emozioni alle persone che mi vogliono bene e che mi stimano anche perche' "i limiti sono fatti per essere rotti" ed io nel mio piccolo ci sto provando!le moto sono gran parte della mia vita ed ho lasciato un ottimo lavoro per correre dietro ai mie sogni ed ora, anche se non ho piu' nemmeno i soldi per piangere, sono fiera di me stessa perche' anche se con la punta di un ditino ma....sto toccando il sogno ed il resto non conta nulla!

Inserito: 11 giugno 2009
_MAK_

Nuccio non è stato professionista nel cross in America, non si è mai cimentato nel motard a buoni livelli, non ha mai corso in auto per quanto ne so, nè mai si è classificato in un campionato italiano di Aquabike. Il tuo discorso rimane assurdo ed il bello è che non te ne rendi conto, quando dici che ti "cascano" praticamente tutti i media su carta stampata o web del motociclismo (e vedrai la Tv!!). Sei come quello che vede cento persone contromano in autostrada.....e si chiede come mai tutti questi pazzi...
Paola è andata per gareggiare a Roma giusto? Ed ha vinto. Niente di strano se non fosse che il movimento femminile è un milionesimo di quello maschile e che le opportunità offerte ad una donna sono 1000 volte inferiori ai maschi, caro ragazzo, INFERIORI non SUPERIORI!!!!!!!!!!!!
E' qui che casca tutto il palco della tua teoria! C'è gente che corre in GP da anni solo perchè maschio e sostenuto da uno sponsor. Una donna la si prende in considerazione per un discorso di marketing o per fare un pò di clamore, quando invece magari con una moto performante ed un team in gamba può vincere. Le opportunità al femminile sono scarsissime!!! E non mi parlare di ragazzine della rep. Ceka che hanno corso nel mondiale e da Paola prendevano svariati secondi al giro: parliamo di un pilota femmina che va forte e va sempre più forte man mano le difficoltà aumentano.
Così ti chiedo di avere un pò di pazienza: probabilmente sarai ancora più sorpreso, ma potresti vederla anche in altre categorie ee non perchè è una donna. la gente non ama buttare il proprio denaro investendo su un "cancello".
E la sfida potrebbe essere enorme...stupido sarebbe dire:"ma ci sono già tanti maschi che l'hanno fatto", perchè è difficilissimo nascere Valentino in Italia, ma quasi impossibile farlo alle Far Oer!! Il rapporto tra maschi e femmine nelle moto è più o meno questo.

Su Taru Rinne c'era un articolo dettagliato su MS poco tempo fa mi dicono. Ripeto: prima informati poi ne parliamo.

Inserito: 11 giugno 2009
Maffezza

Guarda Mak, fosse per me appiederei all' istante tutti i maschietti che corrono nel mondiale solo perchè paraculati dagli sponsor.
E non ti parlo di anonimi, ma di gente come Barros che trovo SCANDALOSO abbia fatto anni di mondiale non vincendo un cazzo solo perchè paraculato dalla Honda Brasile.
trovo ASSURDO che una casa come Aprilia abbia dato anni fa una RSV ufficiale ad Aliverti-De nardi-Veghini per la 8 ore di Suzuka!
A mio parere le corse in motocicletta sono una cosa seria e certe cose non le tollero, mi infastidiscono.
A Paola voglio augurare e giuro di tutto cuore, di trovare gli sponsor che merita per fare il sospirato salto di qualità che mi ventili dicendo di portare pazienza ma ad una condizione: che sia per meriti sportivi, non perchè donna che fa notizia!
questa seconda ipotesi sminuisce il valore di Paola, come l'enfasi di certi articoli a lei dedicati.
ma è così difficile da spiegare il mio pensiero?!?!?
Lo dice lei stessa che tutto sto cinema le dà fastidio, che quando ha corso e vinto gare per lei molto più difficili e combattute non l'hanno cagata neanche in curva e che sto giro solo perchè ha battuto dei maschietti la stanno idolatrando come il nuovo fenomeno del motociclismo italiano.
Mak tu a mio parere hai fatto la stessa cosa, io mi sono limitato a farle i complimenti ma senza esagerare ed a criticare te ed il tuo articolo.
La storia del motociclismo a mio parere può aspettare, ma sarò ben lieto di fare pubblica ammenda se i risultati di Paola saranno tali da potermi smentire,
ma non i risultati di un indagine di mercato, ma quelli che indica il coso nero con tre tasti che ogni tanto mi porto al collo.
Con quello non si ruba... LUI non mente MAI!:-)))

cordialmente, Maffezza

Inserito: 11 giugno 2009
Maffezza

lusingato di aver dato vita ad una discussione definita interessante, Paola se ti ingaggiano per una gara del mondiale SBK mi inviti?:-)

un abbraccio, Maffezza.

Inserito: 11 giugno 2009
_MAK_

Rispondo e poi non rubo più tempo prezioso, nè tuo nè mio.
Ricapitolando, il tuo primo messaggio è stato questo:

"nella storia del motociclismo per aver vinto una prova del trofeo yamaha?!?!?!?
ed il bello è che poi su questo sito c'è chi mette in discussione Max Biaggi..."

Coincidenza i post un pochino "acidi" vengono più o meno sempre dalla stessa direzione. Max è molto meglio dei suoi tifosi, moltissime volte.

Poi andiamo avanti:
"non rompiamo più i maroni con questi titoli roboanti che servono solo a gratificare gli sponsor di Paola."
"non pigliamoci per il culo, le donne che corrono con moto ufficiali e sponsor della madonna nel 99,9% dei casi lo fanno SOLO ED ESCLUSIVAMENTE perchè sono donne, ed i tempi sul giro lo dimostrano."

Infatti qui i tempi lo dimostrano e dove hai visto moto ufficiali e sponsor enormi lo sai solo tu.

Poi la critica diventa a me per l'enfasi e, dimostrato che non sono solo io ma TUTTA la stampa specializzata, viene fuori che paola è un talento solo tra le donne e che Taru Rinne non era nessuno. Chi lo dice? Uno che non va in pista e guarda la Tv: ottimo.
Poi che altro? Ah sì..è così difficile spiegare il tuo pensiero? No, per niente: sono anni che qualcuno se ne esce con questa teoria ed è fin troppo semplice rispondere. Non sono io il pilota al quale è esploso il piede per una scorrettezza, ma lei e non sono io quello che fa sacrifici per correre (anzi mi pagano spesso per commentare), ma è lei.
Come lei potrebbe insegnarti a guidare una moto, io posso rispettare le tue critiche, ma ciò non vuol dire che tu possa fare o capisca il mio mestiere e quello dei colleghi. Agli altri punti ti ho risposto in ogni messaggio ma vedo che hai evitato di replicare.
Il nocciolo della questione è: con le possibilità sportive ed economiche che un moviumento ha, alcuni risultati sono più eclatanti o no? La risposta è sì, e proprio Biaggi ne è un testimonial importante (non dite sempre che nel motociclismo è arrivato tardi non è figlio di pilota etc..etc..etc...?)-

per cui giornalisticamente cosa è rilevante ed a cosa va data enfasi? Al risultato conseguito nonostante difficoltà molto superiori ad altri!!!!!
Altrimenti una nazionale Italiana che vincesse i mondiali di Ping-Pong in Cina non sarebbe una notizia eclatante, Monza vinta da Vettel in F1 sarebbe stata normale e a questo punto un presidente Usa di colore, lo stesso.
Per il tuo principio, sai quanti presidenti ci sono stati prima? Ehhhhh cosa sarà mai!!!

Per cui se fuori sincrono con quello che il giornalismo deve registrare in questo caso: la storicità di un evento. Unanimemente l'abbiamo fatto, io ed altri. Avesse vinto uno delle centinaia di migliaia di maschi che gareggiano sarebbe stato normale. Il fatto che lo vinca, non una donna perchè inferiore, ma in quanto espressione di poche decine di atlete, questo è importante. Non a caso è la pèrima volta che succede nella storia del motociclismo italiano: scusa se è poco....


Inserito: 11 giugno 2009
Maffezza

1) perfetto, tu hai fatto il tuo lavoro, io non l'ho apprezzato, fattene una ragione senza darmi del cancello perchè non corro in pista, senza darmi dell' incompetente perchè non scrivo sui giornali ne tantomeno senza farmi passare per uno che gli tira il culo per non ho capito quale strano motivo.
2) ho preso esempio Biaggi per fare un nome a caso, potevo benissimo dire Hayden o Melandri, piloti spesso giudicati mediocri sul forum di motocorse, non cercare di farmi passare per un tifoso fazioso di Max perchè non lo sono (fazioso).
3) Biaggi è comunque nella storia del motociclismo, ha vinto la prima gara alla quale ha partecipato, 4 mondiali classe 250 e qualche buon piazzamento in motogp.
solo chi è presente nel librone iridato è nella Storia del motociclismo che a mio parere conta, gli altri no, e te lo dico col magone visto che ho sempre tifato per piloti che nel librone non ci sono quasi mai finiti (vedi Ferrari f1 a parte, Calasso, Monti, Gobert, la Paton, ecc...)
4) non amo il giornalismo che cavalca la notizia bomba, che mi parla ore di Noemi ma in realtà non mi dice un cazzo, che mi dice che un italiano ai mondiali di ping pong è entrato nella storia classificandosi 137esimo che su 4 italiani che ci giocano è un fenomeno e che accidenti a lui doveva nascere in Cina e non rompere i maroni a me!:-)
son fuori sincrono col il giornalismo attuale? meno male, tu scrivimi un bel resoconto sulla gara dicendomi che è stata vinta da Cazzola su Yamaha e mettimi in condizione di capire che è una donna solo leggendo il timing ufficiale.
a me non interessa che è una donna, mi interessa che ha vinto una corsa.
5)una precisazione, quando parlavo di ossa rotte e sacrifici mi riferivo a Paola non a te, forse mi son perso il soggetto scrivendo di getto...
e se non ho replicato su tutto mi scuso, ma son già abbastanza logorroico così e mi pare di averti risposto a grandi linee sulle cose che ritenevo più importanti.

in conclusione, su una cosa mi sento di aver sbagliato, sulla frase in cui parlo di gratificare gli sponsor di Paola che a vedere il suo sito son davvero pochini, ma sul fatto che hai usato parole esagerate per definire la corsa di domenica, non me la sento di cambiare idea.

il mondo è bello perchè è vario, ma la Storia nel motociclismo non lo fa la varietà, ma il tempo sul giro.

a disposizione se vorrai per ulteriori dibattiti anche in privato, che mi pare di aver fatto anche abbastanza casino in pubblico, ti saluto.
E'stato un piacere confrontarmi con te.

Maffezza

Inserito: 11 giugno 2009
Fastmambo

Mah... qui s'è perso un pò il senso di questi commenti... in fin dei conti bastava solo esprimere ammirazione o, al contrario, indifferenza; in quest'ultimo caso, il silenzio sarebbe stato molto più decoroso di tante parole dette a sproposito...
Ribadisco i miei complimenti a Paola.

Inserito: 11 giugno 2009
_MAK_

Perchè casino Maffezza? Mi pare che abbiamo animato una discussione con toni accesi sì, ma civilissimi.
Se non si discute dove c'è lo spazio per farlo, a che serve che esista?
Il resto magari lo continuiamo davanti ad una birra al CIV del Mugello o a Misano SBK o Misano GP o dove capiterà.
Senza passione il motociclismo sarebbe morto da tempo, e invece resiste nonostante le playstation a due ruote.

Inserito: 11 giugno 2009
Maffezza

Beh fast perdonami, ma non penso di aver parlato a sproposito altrimenti mi sarei ben guardato dal discutere in maniera così viva, e ribadisco piacevole, con Mak.
Spero di poter accettare presto il tuo invito Mak, magari dopo esserci sciroppati un bel po' di pieghe in giro per la pista e davanti ad un bel cronologico da analizzare per bene.
A me è così che piace vivere le corse e credimi, seguo le moto e le auto da quando ero un bimbetto.
La passione è l'ultima cosa che mi manca, anche se ultimamente tra motogp, moto2 e F1, me la stanno veramente facendo passare.

una buona serata!

Inserito: 11 giugno 2009
silviafit

certo che quando vince una donna vi fa rabbia eh ...

Inserito: 15 giugno 2009
AleP51

Ciao a tutti, visto che su facebok mi è comparso questo link, non potevo far finta di nulla, conoscendo Paola Cazzola da diversi anni.
Volevo giusto far due parole perchè mi sento chiamata in causa anche io su questo discorso essendo donna ed essendo una delle dirette rivali della CAzzola.
Che i giornalisti siano un po'... è piu' che ovvio... 2 mesi fa ero io la Regina di Vallelunga per aver vinto una gara con gli uomini, 2 mesi dopo lo è stato Paola, ma volevo sottolineare che non è questo che conta, tantomeno le chiacchiere da bar.
Ora non mi ricordo di preciso il nome del ragazzo che ha scritto "i tempi parlano da soli"... ma scusami èèè sei andato a guardare quanto ha girato Paola o no?!
Bè a me nn pare che siano clessidre caro mio, a ma pare che Paola abbia girato a 2 decimi dalla pole e la pole era di uomo, quindi sai,I TEMPI PARLANO DA SOLI!!!
Ha un gran manico, ha un gran talento, tu puoi dire quello che vuoi, per una donna non è facile venir fuori in questo sport, completamente maschile, e se faccia scalpore e casino i giornalisti perchè Paola Cazzola ha vinto una gara tra i maschi, è perchè ha fatto qualcosa che in poche donne lo hanno fatto.
Per quanto mi riguarda tutti quei sponsor che pagano solo perchè sei donna, fammeli conoscere anche a me, visto che sono costretta al reciclo continuo di gomme per poter risparmiare.
Le moto nn mi hanno dato fortuna, come a tanti maschietti, anzi io e Paola abbiamo avuto una vita un pochino piu difficile, lei ha abbandonato lavoro e stabilita' economica sicura per rincorrere il suo sogno,io non ho mai potuto cominciare a lavorare e quindi chiedere una misera paghetta a casa per potermi fare una pizza con gli amici.
Non credo ci dispiaccia a nessuna delle due la scelta di vita che abbiamo fatto perchè è stata uan scelta e ne andiamo fiere per avere la possibilita' di ricorrere i nostri sogni, ma ricordati dietro ogni sogno ci sono grandi sacrifici, molto piu grandi di quello che pensate tutti, perchè tanti vedono il motociclismmo come chissa' cosa... ma arrivare dove stiamo arrivando, e vincere una gara con gli uomini caro mio, mi dispiace non succede tutti i giorni.
Ho fatto anche una ricerca... Cazzola-Casalotti.
Scusami la Cazzola ha solo una serie di titoli Italiani ed Europei in tasca.
Come Casalotti ce ne sono a milioni, tutto rispetto per un ragazzino che sta dando del gran gas,ma di donne che danno il gas quello vero si contano in una mano e anche meno!
Paola avanti per la tua strada!
E' vero hai fatto gare piu' belle e piu' toste, ma questa è una di quelle da mettere tra le imprese uniche di Paola Cazzola, perchè hai fatto una gran gara, credi a me che ero sugli spalti e come tante centinaia di persone hanno visto la tua bellissima gara.
We adesso pero' mi paghi per questo che ho scritto!
Scherzo CAzzola....Ciao ciao e contiuna cosi' di donne con il talento nn ce ne sono molte, ti sei una di quelle, e lascia perdere le chiacchiere.
ciao MAK


Inserito: 15 giugno 2009
_MAK_

E Alep51 SE HO CAPITO BENE, è Alessia Polita, un'altra che può parlare tranquillamente con un bel pò di maschi alle spalle...
Non sono tante a poterlo fare al mondo: loro sono due italiane che scriveranno altre pagine di motociclismo importante, e sicuramente saremo là ad applaudire!

Inserito: 21 giugno 2009
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Grand Prix College: l'ultimo libro del... Dottorcosta

Grand Prix College: l'ultimo libro del... Dottorcosta
in Piloti e protagonisti

I leader dei Trofei Malossi allungano il passo a Ottobiano

I leader dei Trofei Malossi allungano il passo a Ottobiano
in Campionati e trofei nazionali