E' morto Tarquinio Provini

Aveva 71 anni, ed è morto a Bologna dove risiedeva con la famiglia. Tarquinio Provini era nato in un paesino della provincia piacentina il 29 maggio del 1933, e fin da piccolo ha avuto modo di respirare l'aria dei motori nell'officina paterna, arrivando ben presto a maturare la passione per le motociclette.

Subito dopo la guerra, ancora troppo giovane per poter correre, aveva usato il nome dello zio come sotterfugio per poter disputare le sue prime gare, arrivando addirittura a vincere due Campionati Provinciali a nome di suo zio Cesare. Nel 1953 conquistò - stavolta con il suo nome - il Campionato Italiano 3.

categoria, ed un notevole secondoposto nella Milano-Taranto, una delle corse più importanti di quell'epoca.

Da lì la sua carriera sembra non conoscere limiti: l'anno successivo vince il Campionato Italiano della 2. categoria ed il Motogiro d'Italia, guadagnandosi la promozione alla 1. categoria già a metà della stagione. Vince così il suo primo GP in Spagna ed arriva secondo al GP delle Nazioni a Monza.

Nel 1957 arriva il primo titolo iridato nella classe 125, in sella alla Mondial, e l'anno successivo con la MV Agusta vince anche il titolo della quarto di litro.

Il 16 settembre del 1966 però subisce un grave incidente sul circuito dell'Isola di Man, uno dei suoi preferiti, che appare subito gravissimo. Gli viene diagnosticata una frattura a delle vertebre che gli farà perdere l'uso delle gambe.

La drammatica uscita dal mondo delle corse non gli impedisce di rimanere legato alla sua passione per le moto, e fonda così la Protar (dalle iniziali del suo nome) che produce splendidi modellini di moto.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Cellou

Ciao Gandissimo!

Inserito: 10 gennaio 2005
dex

Addio; grazie per la tua carriera e per aver dato forma ai sogni di tutti con i tuoi modellini.
DEX

Inserito: 10 gennaio 2005
BACCHI

Ciao nonno, il vuoto che hai lasciato è grande, incolmabile.
Rimarrai sempre con me perchè i momenti insieme a te sono i ricordi più belli che mi porto nel cuore.
Ti voglio bene

ISA

Inserito: 15 febbraio 2006
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Dakar, day8: tutti fermi senza benzina

Dakar, day8: tutti fermi senza benzina
in Offroad

Dakar, day7: la Yamaha vince un'altra tappa

Dakar, day7: la Yamaha vince un'altra tappa
in Offroad

Dakar, day6: Fabrizio Meoni davanti a tutti

Dakar, day6: Fabrizio Meoni davanti a tutti
in Offroad