Dainese qualifica Giacomo Agostini e Marco Lucchinelli: old dogs - Video

di redazione Italia MotoCorse.com - OF

Dainese qualifica Giacomo Agostini e Marco Lucchinelli: old dogs - Video

Da giovani forse mai avrebbero apprezzato una tal definizione: ambiziosi e amanti della vita un po' esagerata del pilota anni Settanta, a contatto col pericolo sia sul dritto sia in curva, mai col tempo per pensare a quando si diventi "vecchi"... Eppure proprio grazie anche alla sicurezza dell'abbigliamento tecnico oggi sono qui, a parlare di presente e di passato, a spiegare con la loro esperienza tanti concetti utili ai motociclisti di oggi.
 
Il 15 volte Campione del Mondo Giacomo Agostini e Marco Lucchinelli (1 single champ nell'81 in classe 500) hanno presentato ieri sera, in anteprima mondiale presso il Deus Café di Milano, il quinto episodio della webseries Dainese: Old Dogs.
I due piloti italiani, che quando (per relativamente poco) corsero insieme non si amarono di certo, poichè Ago era re incontrastato per Case, Sponsor e pubblico, si sono raccontati molto amichevolmente a stampa e addetti ai lavori, condividendo la loro esperienza a fianco di Dainese, che li ha accompagnati e aiutati per gran parte della loro carriera.

"Quando ho iniziato a correre, le tute non erano altro che uno strato di pelle in più, non ti proteggevano.

Se cadevi rischiavi di farti male davvero. Le tute si sfaldavano, i caschi non erano sicuri e le piste erano piene di pericoli: guardrail, marciapiedi e

nessuna via di fuga. È stata la passione di Lino Dainese a cambiare le cose… lui ha sempre cercato un compromesso che facesse sentire il pilota più sicuro, senza togliergli aerodinamica, leggerezza e comfort. E così è stato: ha creato una tuta più spessa ma sempre leggera, ha introdotto l’utilizzo delle protezioni per ginocchia e schiena e sono ormai 10 anni che studia l’airbag". racconta Giacomo Agostini.

Marco Lucchinelli invece ricorda come "Dainese è sempre stato un marchio importante, ma quello che lo differenziava dagli altri era la passione che ci metteva Lino, che va oltre agli affari e agli interessi. Ecco un esempio: l’unico anno in cui non ho usato la tuta Dainese – l’anno che ho vinto il mondiale – il mio sponsor spagnolo non era in grado di confezionarmi la tuta nel modo in cui volevo, così Lino me la fece comunque scrivendo, alla fine, il nome dello sponsor spagnolo. Ecco, questa è l’anima di Lino, l’anima di Dainese: proteggere il pilota al di là di qualsiasi interesse".

E per le tute ormai non più utilizzabili? Siamo nel 2015 e giustamente Dainese ha trovato un modo per mantenerle in vita, per ri-ciclarle lasciandogli comunque l’adrenalina della strada. L’azienda vicentina ha presentato, proprio in questa occasione, il moto re-cycling, in collaborazione con Regenesi: una linea di accessori e piccola pelletteria creata grazie all’utilizzo della pelle proveniente dalle tute utilizzate durante gare di campionati ufficiali o nei test.
  
 
VIDEO
 
 

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Giacca Alpinestars Bogota

Giacca Alpinestars Bogota
in Abbigliamento moto

Kappa: borse e caschi per non passare inosservati

Kappa: borse e caschi per non passare inosservati
in Accessori moto

 Rossi Rules MotoGP‘s Argentine Adventure

Rossi Rules MotoGP‘s Argentine Adventure
in MotoGP

WSS Assen 2015: Sofuoglu all'ultimo su Cluzel

WSS Assen 2015: Sofuoglu all'ultimo su Cluzel
in Superbike