Ravenna, più parcheggi per motoveicoli per ridurre traffico e inquinamento

Riceviamo dal Coordinamento Italiano Motociclisti di Ravenna:

Apprendiamo che Via Boccaccio (a fianco di Largo Firenze) non solo verrà pedonalizzata, ma spariranno anche i numerosi parcheggi per i motoveicoli che vi sono ospitati. L'Amministrazione Comunale di Ravenna assicura che verranno trovati dei posti in Largo Firenze.

Il Coordinamento Italiano Motociclisti esprime preoccupazione per questa nuova decisione che allontana moto e scooter dalle zone protette e centrali (dove non vi è presenza di traffico automobilistico, com'è appunto Via Boccaccio): la tracciatura di qualche stallo per motoveicoli in mezzo ad un parcheggio per autoveicoli, infatti, non viene considerata un'alternativa valida.

E' anche e soprattutto una questione di sicurezza dei mezzi: nei parcheggi (Piazza Kennedy ne è un esempio lampante) le auto spesso  occupano i posti da moto, e un paraurti di un auto che colpisce una moto o uno scooter, può provocare danni molto ingenti.

Gli stalli per le moto, se si vuole incentivare quella modalità rispetto all'auto, dovrebbero essere proprio come quelli che si vuole eliminare in Via Boccaccio, oppure come quelli presenti in Via G. Rasponi o a Porta Adriana: ovvero posti in zone vietate alle auto, oppure protetti da panettoni (o paletti di metallo - utili anche per legare le moto con lucchetti ad U o catene). Solo in questo modo vi sarebbe un incentivo ad usare moto e scooter anche d'inverno. Ancora una volta, invece, il Comune di Ravenna sembra non tenere in considerazione le esigenze di chi usa moto e scooter per recarsi in città.


Già oggi i parcheggi per motoveicoli, vicini al centro, sono in misura insufficiente (Porta Adriana, Piazza Caduti) e c'è grande preoccupazione per la sparizione dei tanti posti assicurati da Piazza Kennedy e dalla vicina Via G. Rasponi.

Eppure incentivare l'utilizzo di moto e scooter, soprattutto nella stagione fredda, grazie alla possibilità di fruire di parcheggi ben protetti dall'invadenza degli autoveicoli e vicini al centro storico (chi viaggia in moto utilizza casco, protezioni, indumenti antipioggia e quindi è meno 'libero' nei movimenti e nella possibilità di muoversi) è un ottimo fluidificatore del traffico: un recente studio dell'Università di Leuven dimostra che, in città, se soltanto il 10% degli automobilisti passasse alle due ruote motorizzate, il traffico si ridurrebbe del 40%, con indubbi vantaggi anche in termini di fabbisogno di spazio e di inquinamento.

Eppure, anche nel 'caso' di Via Boccaccio, leggiamo che questa Amministrazione ha deciso di realizzare nuovi parcheggi per biciclette. Ci rendiamo perfettamente conto dell'importanza della mobilità 'pulita' delle due ruote a pedali, ma chi viene da fuori città, ed i tanti che per lavoro devono muoversi spesso o in fretta, non sceglieranno certamente la bici, ma in assenza di posteggi comodi per moto e scooter torneranno all'auto, soprattutto d'inverno e con il cattivo tempo, provocando più inquinamento, rallentando il traffico, occupando più spazio. Crediamo che un'Amministrazione Comunale come quella di Ravenna debba avere il coraggio di scelte efficaci e coraggiose, anche se forse meno utopiche e politically correct.


comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Attuatore frizione CNC Racing per KTM

Attuatore frizione CNC Racing per KTM
in Accessori moto

Alpinestars: una super collezione 2014 per festeggiare i 50 anni

Alpinestars: una super collezione 2014 per festeggiare i 50 anni
in Abbigliamento moto

Enduro Alpini Gorle: conclusa la 10a edizione

Enduro Alpini Gorle: conclusa la 10a edizione
in Offroad