Rabaconda: il cambio gomme facile facile

di Giorgio Papetti

Rabaconda: il cambio gomme facile facile


Soprattutto per chi pratica fuoristrada il cambio gomme/mousse è una di quegli aspetti con cui prima o poi ci si deve confrontare anche se non siamo necessariamente dei piloti. Come dicono i saggi, con tre leve si può fare tutto, ma nella pratica non è poi così facile e se nel bosco può essere l’unica soluzione per porre rimedio a una foratura, nel box di casa o nel paddock ci sono metodi molto più semplici e veloci. Dalla disponibilità di  leve più lunghe agli smonta gomme manuali.

Questi ultimi rappresentano il vero salto di qualità (specie per i principianti che riusciranno finalmente a cambiare le gomme da soli) e in commercio ne esistono moltissimi tipi, da quelli più semplici costituiti da un anello rialzato con una leva stallonatrice, a quelli più sofisticati in grado di adattarsi a cerchi di varie dimensioni e di essere comodamente smontati per portarseli ovunque.

Uno dei migliori in commercio è sicuramente quello progettato da Rabaconda. La storia dell’azienda parte nel 1995, quando un esponente di spicco dell’enduro Finlandese chiese a Pertti Ahonen di sviluppare un sistema per cambiare rapidamente le mousse da utilizzare alla Sei Giorni del 1996. Volevano infatti vincere a tutti i costi e il cambio gomme era un aspetto chiave per raggiungere l’obiettivo.  Assieme al figlio Tuomas Ahonen e ad alcuni altri amici Pertti sviluppò il primo prototipo dell’attuale Rabaconda Mousse Tire Charger. Il prodotto venne prima testato all’ ISDE training camp in Jämsä e il primo pilota a usarlo in gara fu il 7 volte campione del mondo Kari Tiainen. Il riscontro fu talmente positivo che la federazione Finlandese ordino subito 6 pezzi per l’ISDE del 1996 e, forse anche grazie a questo semplice ma geniale accessorio, il team si aggiudicò la vittoria. Nel 2011, esattamente 16 anni dopo, la squadra Finlandese si è ripetuta utilizzando ancora il prodotto di Rabaconda, che ora può essere acquistato da chiunque.


La pubblicità assicura che è possibile cambiare un pneumatico e relativa mousse in 3 minuti (ma il record attuale è di 44 secondi!). All’inizio ci si mette un po’ di più, ma con la pratica si può effettivamente arrivare vicini al tempo di rifermento. Noi siamo partiti da circa 20 minuti la prima volta (tra smontare il pneumatico vecchio e rimontare quello nuovo) per arrivare a meno della metà già dopo due utilizzi. Il Mousse Changer proposto dall’azienda estone è realizzato in acciaio, galvanizzato e verniciato a polvere, e alluminio anodizzatoT6061-T6. Si adatta a ruote da 18’’ a 21’’ con diametro cuscinetti variabile da 20 a 28 mm. Il peso totale è di 16 kg e l’aspetto più interessante è che una volta smontato può essere riposto in una robusta borsa in Cordura 1000 di 70x28x25 cm. fornita in dotazione.  Il Mousse Tyre Charger viene

Consegnato in un imballo in cui tutti i pezzi sono smontati. La prima volta che lo si usa occorre quindi procedere all'assemblaggio di base. il foglio di istruzioni è molto stringato e poco chiaro (anche perchè è in bianco e nero), ma guardando le immagini e il video sul sito si riesce a montare il tutto in meno di mezz’ora. Dalla volta successiva tutto diventa molto più semplice e in meno di due minuti si può smontare e rimontare il tutto grazie alle pratiche leve a sgancio rapido, simili a quelle usate sulle biciclette per rimuovere rapidamente i cerchi o per regolare l’altezza della sella. Anche la regolazione della dimensione del cerchio è molto semplice, anch’essa basata su leve a sgancio rapido e tacche di riferimento.

La posizione di lavoro rialzata (circa 40 cm da terra) è molto comoda e la base a tre gambe permette di trovare un buon appoggio praticamente ovunque, anche su terreni che non sono perfettamente in piano. La leva stallonatrice è molto lunga, ma rispetto ad altre soluzioni ancora più raffinate presenti in commercio non è dotata di regolazioni. Non è un grosso problema perché si riesce a stallonare facilmente il pneumatico, ma l’aggiunta di questa caratteristica (assieme a quella di poter gestire ancora più dimensioni dei cerchi) renderebbe il prodotto ancora più pratico e versatile.

Una volta stallonato il pneumatico, ricordandosi nel caso si utilizzino le camere d'aria di svitare la valvola e il fermacopertone, è sufficiente inserire le leve per completare l’operazione. Rabaconda suggerisce di usarne 5 (a detta loro è il numero necessario per riuscire a fare il cambio in 3 minuti), ma già con tre lunghe si può fare tutto agevolmente, finalizzando poi la fuoriuscita del pneumatico sempre con la leva stallonatrice. Il montaggio del pneumatico nuovo è altrettanto semplice perché la leva stallonatrice permette di inserirlo nel canale del cerchio con grande facilità.

A livello ergonomico i Mousse Tyre Charger di Rabaconda si colloca tra i migliori prodotti in commercio e a livello di praticità e trasportabilità è probabilmente il migliore in assoluto. Le leve a sgancio rapido sono comodissime e in pochi istanti si può montare e smontare il tutto sfruttando la pratica borsa per il trasporto. Avremmo gradito molto avere dei supporti per il cerchio in teflon anziché in metallo, al pari della paletta della leva stallonatrice. In questo modo si sarebbe potuto “osare” di più anche con i preziosi cerchi anodizzati senza dover prestare attenzione a non rovinarli. Noi abbiamo risolto con mezzo metro di tubo di gomma acquistato in una ferramenta, tagliato e infilato sopra i tre supporti metallici. Peccato infine che il sistema supporti solo cerchi tra i 18 e i 21 pollici, precludendo così l’uso al minicross o al motard.

Il prezzo suggerito al pubblico è di 258 Euro. Il set di 5 leve lunghe, appositamente progettate per l’uso con il Mousse tyre Charger, costa 75 Euro.

Di seguito il link per vedere in azione il prodotto:


https://www.youtube.com/watch?v=AkvKws9qk9s

Per informazioni: http://rabaconda.com/

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Triumph Tweekend 2014, San Piero a Sieve: dal 5 al 7 settembre

Triumph Tweekend 2014, San Piero a Sieve: dal 5 al 7 settembre
in Turismo - Motoraduni

KTM: Escape your daily race

KTM: Escape your daily race
in Altre notizie

Acerbis: ricambi e accessori offroad

Acerbis: ricambi e accessori offroad
in Offroad

Alpinestars: giacca Rideout e stivale S-MX3

Alpinestars: giacca Rideout e stivale S-MX3
in Abbigliamento moto