Giacca Alpinestars Bogota

di redazione Italia MotoCorse.com - OF

Giacca Alpinestars Bogota


Parlare di giacche tecniche per moto a oggi vuole dire spaziare su “tanta roba”, come direbbero i giovani, un campo molto vasto a livello globale, poiché il mercato offre fortunatamente di tutto: per ogni gusto, ogni utilizzo e persino quasi ogni portafoglio (quasi perché volendo qualità certificata, occorre spendere un minimo per la sicurezza). Tentando di provare a riassumere in un solo capo buona dose di caratteristiche utili a vari scopi, di guida in ambito urbano se capiti piuttosto che per viaggi e possibilmente in tutte le stagioni, ecco la BOGOTA DRYSTAR JACKET di Alpinestars: una ottima quattro stagioni dotata di tutto quanto serva, orientata al turismo ma abbastanza confortevole e soprattutto adattabile anche per altri utilizzi, meno impegnativi.

COME E’ FATTA. Si tratta di una giacca nata per il turismo ma molto versatile, realizzata in politessuto resistente alle abrasioni e agli strappi.

La struttura è quindi composita multi-materiale, con quella principale in politessuto cui si somma all’interno un mesh multipannello per migliorare comfort e durevolezza. Caratteristica premiante è la possibilità di gestire i due rivestimenti con imbottitura e isolamento interni, per avere quindi piena modulabilità nella protezione da calore e acqua che la Bogota può fornire. La abbiamo testata nei mesi invernali, ovviamente in configurazione “full” dotata sempre dell’esclusiva membrana Alpinestars DRYSTAR, un esteso e leggero velo isolante, per garantire la totale impermeabilità (con cuciture nastrate per garantire prestazioni idrorepellenti di lunga durata), più l’inserto termico a manica lunga (100g sul corpo, 80g sulle maniche) con bordi comfort elasticizzati: senza estremizzare nei climi e nei percorsi, mediamente persino il mese di gennaio 2015 in Lombardia non ha dato nessuna delusione, anche per i più freddolosi e nonostante una massa fisica relativamente contenuta della giacca stessa, rispetto ad altri modelli solo invernali. Rimuovere le parti interne per la primavera è molto agevole, soprattutto sicuro con dei punti di aggancio alle estremità più le cerniere (rosse) ai lati. In estate, togliendo tutto il superfluo, la Bogota pur apparendo una giacca dal taglio solido è abbastanza leggera, non un fuscello totalmente traspirante sotto il sole cocente, perché si pone l’obiettivo di accompagnarci in viaggi dove possano variare le condizioni, ma comunque dotata di sistemi ventilazione innovativi che consentono l'uso anche urbano volendo. Il Jet Ventilation System prevede prese d’aria con cerniera strategicamente poste sul torso, con estrattori posteriori sulla zona alta della schiena, per migliorare il raffreddamento nei tragitti più lunghi.  Il Climate Control System sulle maniche integra estensioni in mesh e chiusure zip per migliorare il livello di controllo ventilazione su quelle zone. Il tutto si rivela molto utile. In quanto alla sicurezza, come da tradizione per il marchio sono ottimi i livelli raggiunti, grazie a protettori staccabili certificati CE su spalle e gomiti, più scomparti petto e schiena dotati d’imbottitura PE dedicata (placche torace e paraschiena Alpinestars Bionic sono eventualmente disponibili come optional). 




Vestire e usare la Bogota è semplice e soprattutto letteralmente aderente alle proprie necessità, date le molte regolazioni che ce la fanno calzare a pennello. Innanzitutto il profilo schiena è esteso per migliorare la comodità di guida e offrire maggior protezione nella zona lombare, cosa che apprezzano soprattutto i meno giovani ma che caratterizza in positivo questo genere di giacca, rispetto ai modelli molto corti e sportivi, che lasciano talvolta scoperta una zona molto delicata. La manica anatomica pre-curvata usa regolazioni volumetriche in velcro per migliorare il posizionamento delle protezioni sul gomito. I registri in vita sono a doppio anello, per eseguire regolazioni anche alla guida. Il colletto infine, che è dotato d’imbottitura comfort, usa chiusura velcro con cinghietta per mantenersi volendo in posizione a giacca aperta. A livello pratico ci sono poi quattro comode tasche esterne frontali, due cargo e due impermeabili, più l’ampia tasca esterna posteriore. Le tasche interne sono impermeabili e chiuse con cerniera. Dettaglio non trascurabile, specialmente quando si vada in moto con molti oggetti cui teniamo da gestire nella propria giacca e si chieda qualità nel tempo: le cerniere sono di alto livello YKK su tutto il capo. 

SUL MERCATO. Esteticamente sono tre le tinte al momento disponibili, dai toni abbastanza neutri pur essendo bicolore con dettagli catarifrangenti su torace e schiena. Le taglie spaziano dalla S fino alla 4XL, con una buona vestibilità in relazione alle singole misure. Il prezzo di vendita a listino (IVA compresa) per il mercato Italia è di EURO 279.95 per la giacca ed EURO 199.95 per i relativi pantaloni tecnici, una doppia cerniera interna di collegamento in vita (sulla struttura principale e sulla membrana DRYSTAR) permette infatti la perfetta l’integrazione tra i due capi. 
 
 
VIDEO


comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Kappa: borse e caschi per non passare inosservati

Kappa: borse e caschi per non passare inosservati
in Accessori moto

 Rossi Rules MotoGP‘s Argentine Adventure

Rossi Rules MotoGP‘s Argentine Adventure
in MotoGP

WSS Assen 2015: Sofuoglu all'ultimo su Cluzel

WSS Assen 2015: Sofuoglu all'ultimo su Cluzel
in Superbike

WSBK Assen, Gare: doppietta di Rea

WSBK Assen, Gare: doppietta di Rea
in Superbike