Momodesign: casco jet Mangusta

di Giorgio Papetti

Momodesign: casco jet Mangusta


Nel 1981 Momo, forte del successo attenuto con la produzione e commercializzazione di accessori per il settore automobilistico e le competizioni, fonda Momodesign, il centro stile specializzato nella ricerca e nello sviluppo del car design. Ben presto il centro ampia però il suo raggio d'azione sviluppando prodotti dedicati al lifestyle caratterizzati dall'utilizzo di materiali pregiati, come fibra di carbonio, titanio e magnesio.

Nel 1990, a seguito della vendita di Momo a una società americana, Momodesign viene rilevata da Marco Cattaneo diventando una realtà indipendente, oggi fortemente legata al settore moto grazie a una linea di caschi innovativi e con carateristiche di spicco sia in termini di design sia sotto il profilo tecnologico.

New entry della gamma è il modello Mangusta, un casco jet alto di gamma caratterizzato da una calotta esterna realizzata interamente in monoscocca di fibre di vetro e carbonio, prodotta in due differenti misure per assicurare i più eleati standard di sicurezza uniti a confort e  leggerezza. Prima ancora dei contenuti tecnici, come sempre quando si parla di Momodesign sono  la linea ispirata ai caschi aeronautici e la cura dei dettagli a catturare l'attenzione. Nel Mangusta (che guarda caso é anche il nome di un elicottero da combattimento) gli elementi caratterizzanti sono indubbiamente i grossi elementi circolari, che coprono il sistema a frizione di aggancio e azionamento della  visiera, e  i profili laterali in carbonio a vista, tagliati al laser e posizionati sulla visiera stessa. Quest'ultima è caratterizzata da  una bombatura molto accentuata e da uno sviluppo allungato per garantire un'eccellente protezione dalla pioggia e dal vento. Grazie al sistema di apertura e chiusura a frizione può essere lasciata su una qualsiasi posizione tra quelle di chiusura e di massima apertura. Oltre a garantire un'ottima visibilità, la visiera del Mangusta vanta sia dal trattamento antigraffio sia quello per l'assorbimento delle radiazioni solari fino a 400 micron. Alla visiera principale è abbinato il visierino parasole interno, che però a nostro avviso non è all'altezza del casco. Oltre a non prevedere alcun automatismo di azionamento dalla calotta esterna, deve essere manovrato manualmente e necessariamente con la visiera principale sollevata, è caratterizzato da un funzionamento poco fluido ed è posizionato talmente vicino agli occhi da renderlo praticamente inutilizzabile da chi porta gli occhiali. Avremmo preferito maggiore attenzione per questo importante particolare, anche perché grazie all'elevata protezione offerta dalla visiera principale il casco si presta anche a un utilizzo extraurbano a lungo raggio. Lo abbiamo provato anche nelle trasferte autostradali trovandolo estremamente confortevole e sufficientemente silenzioso, ovviamente tenendo in considerazione che stiamo parlando di un casco jet.

Dove il Mangusta non lascia alcun fianco a critiche è nella verniciatura e negli interni. La prima è molto curata e viene realizzata utilizzando particolari vernici in grado di aumentare la resistenza agli agenti atmosferci, preservando i colori anche a distanza di tempo. La colorazione bianca e nera con profili rossi utilizzata per la prova è veramente molto bella e raffinata. Passando agli interni, che rivestono completamente la calotta interna in Eps, non si può non apprezzare la qualità dei materiali impiegati (tessuto ad alto assorbimento del sudore  e rete traforata, con trattamento agli ioni di argento per un ottimale protezione antibatterica) e la possibilità di montare guanciali di spessori differenti per modellare il casco sulle caratteristiche del proprio volto. Naturalmente gli interni sono estraibili e lavabili, solo il paranuca rimane solidale alla calotta.

Momodesign Mangusta prevede un sistema di ritenzione con meccanismo a sgancio rapido a regolazione micrometrica, una scelta ottimale per un casco co queste caratteristiche. Attualmente sono disponibili tre colorazioni a base bianco quarzo, titanio e nero, tutte decisamente riuscite e molto raffinate. Il range di taglie va dalla XXS alla XL e il prezzo suggerito al pubblico è di 319 Euro. Sulla bilancia la taglia L ha fatto segnare 1270 grammi. Mangusta soddisfa i più recenti criteri di sicurezza ed è stato omologato in Italia.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

Shad ST38: nuove valigie in alluminio

Shad ST38: nuove valigie in alluminio
in Accessori moto

Panigale: le prime immagini senza veli!

Panigale: le prime immagini senza veli!
in Moto e mercato

Alpinestars: giubbotto T-GP Plus Air

Alpinestars: giubbotto T-GP Plus Air
in Abbigliamento moto

MIvv: scarico Speed Edge per Guzzi Stelvio

MIvv: scarico Speed Edge per Guzzi Stelvio
in Accessori moto