Shuberth: casco modulare C3

di Giorgio Papetti

Shuberth: casco modulare C3


In Italia chi intende la moto come mezzo ideale per fare del turismo o godersi un viaggio conosce sicuramente i caschi prodotti da Schuberth. Da anni sono apprezzati per la loro qualità costruttiva, la sicurezza e la grande silenziosità. Quest’ultimo aspetto è particolarmente critico per i caschi apribili, in quanto spesso proprio il meccanismo di apertura innesca fruscii indesiderati e la mentoniera, quando viene mantenuta aperta, introduce ulteriore rumore e turbolenze anche a basse velocità.

 

Con il nuovo C3, evoluzione del precedente modello C2, l’azienda tedesca distribuita in Italia da Bergamaschi vuole innalzare ancora una volta gli standard qualitativi dei propri caschi modulari introducendo una nuova filosofia progettuale, che alle tradizionali doti di praticità e comfort unisce una maggiore attenzione al design e alla sportività, aspetti che in passato erano stati un po’ trascurati. Il nuovo casco C3 è il primo capostipite di una nuova generazione di prodotti caratterizzati da soluzioni che vanno ben oltre la pura ricerca tecnologica. Schuberth lo definisce “new generation flip-up”, per sottolineare il perfetto mix di funzionalità ed estetica. In effetti già al primo colpo d’occhio il casco appaga con un design all’altezza della migliore concorrenza, pur mantenendo tutte le peculiarità tipiche del marchio. La perfetta integrazione della calotta con la mentoniera, sia in posizione abbassata sia quando quest’ultima è aperta, rende il prodotto appetibile non solo per i moto turisti, ma anche per i possessori di naked e moto più sportive. A loro in particolare è dedicato il nuovo visierino parasole integrato nella calotta , realizzato con uno speciale policarbonato dello spessore di 1,5 mm. in grado di ridurre sensibilmente l’esposizione ai raggi UV, che può facilmente essere abbassato sia in configurazione aperta sia chiusa agendo sull’apposita leva situata sul lato sinistro. L’apertura della mentoniera è invece centrale e può essere effettuata con una sola mano. La nuova visiera Pinlock antiappannamento a doppio schermo è di serie (praticamente è composta da due visiere che all’interno formano una camera d’aria che evita l’appannamento) e può essere bloccata su 7 differenti posizioni (la seconda è specifica per l’utilizzo in città). Sollevando la mentoniera, la visiera torna automaticamente nella posizione di chiusura. Superficialmente è rivestita con la sostanza antigraffio HighClear e può essere sostituita molto rapidamente senza l’utilizzo di attrezzi.

 

Per la calotta, realizzata in due misure che accoppiate alla calotta interna in Eps a densità differenziata danno vita alle varie taglie disponibili, i tecnici hanno utilizzato un materiale denominato S.t.r.o.n.g. Si tratta di una fibra di vetro che viene accoppiata alla matrice in Duroplast, uno speciale materiale plastico dalle elevatissime doti di resistenza. Alla sicurezza contribuiscono anche elementi meno visibili, ma di grande aiuto, come l’anti roll-off system (il sistema che evita che il casco possa sfilarsi in caso di urto o caduta), il cinturino a chiusura rapida con regolazione micrometrica e gli inserti rifrangenti anteriori e posteriori, che aumentano la probabilità di essere visti dagli altri utenti della strada anche in caso di scarse condizioni di luce.

Per assicurare i consueti standard di confort il C3 è stato a lungo studiato nella galleria del vento per definire la forma aerodinamica più efficiente al fine di offrire un’elevata stabilità direzionale e un’ottima riduzione degli effetti di turbolenza. È stato inoltre progettato un collare aerodinamico che consente di ridurre ulteriormente il rumore percepito all’interno del casco. In effetti il casco è molto silenzioso: la casa dichiara 84dB a 100 Km/h su moto senza cupolino o appendici aerodinamiche. Anche il sistema di ventilazione è stato oggetto di approfonditi studi e i tecnici sono riusciti a definire dei flussi che internamente creano un cuscinetto d’aria in grado di ridurre al minimo la presenza di anidride carbonica, annullando nel contempo la sudorazione anche alle temperature più elevate. A 100 Km orari l’afflusso d’aria con le bocchette aperte è di ben 7 litri di aria fresca al secondo. La cura dei dettagli che da sempre caratterizza i caschi Shuberth è evidente nella possibilità di regolare il casco per l’utilizzo estivo o invernale. Il cuscino della testa è infatti dotato di apposite estensioni che in inverno consentono di chiudere i canali di ventilazione interni.

 

L’imbottitura interna realizzata in Coolmax può essere facilmente rimossa e lavata, mente i cuscini della testa sono realizzati in un particolare tessuto antibatterico con un elevato grado di assorbimento del sudore.

 

Il nuovo C3 è disponibile nei colori Argento e Bianco a 582 Euro. Esiste inoltre una versione in Nero Opaco a 546 Euro. Il casco è omologato come casco integrale, rispetta le più recenti normative e il peso, 1.570 grammi con collare acustico e visiera parasole installati, è allineato con quello dei migliori prodotti con caratteristiche analoghe. Viene fornito con una sacca per il trasporto e un esauriente manuale di utilizzo in italiano. La dotazione di serie comprende inoltre il deflettore sottogola e un particolare pad insonorizzante che può essere inserito al suo interno per ridurre ulteriormente la rumorosità.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

GP Misano, preview e orari

GP Misano, preview e orari
in Motomondiale

Alpinestars: giacca e pantalone 365 Gore-Tex

Alpinestars: giacca e pantalone 365 Gore-Tex
in Abbigliamento moto

Richard Cooper al posto di Ruben Xaus al Nurburgring

Richard Cooper al posto di Ruben Xaus al Nurburgring
in Superbike