Casco integrale AGV Stealth

di Giorgio Papetti

Casco integrale AGV Stealth


Lo Stealth appartiene alla gamma AGV denominata GT Series, comprendente tre modelli pensati espressamente per chi desidera un casco integrale dal look spiccatamente sportivo ma non vuole rinunciare al confort di un casco progettato per un impiego turistico anche su lunghe percorrenze. Forse per essere un casco adatto a chi ama macinare chilometri la linea risente fin troppo dello spoiler, che forma un tutt’uno con le prese d’aria anteriori e che integra due bocchette di estrazione nella parte posteriore. È però un giudizio estetico soggettivo e probabilmente a molti motociclisti piacerà proprio per questa connotazione così racing.

A noi sono piaciute molto le nervature, specie quelle sulla mentoniera che caratterizzano lo Stealth sia frontalmente sia lateralmente.

Complessivamente la linea è molto aggressiva, specie nelle colorazioni Dragon con grafiche che riprendono simboli orientali e prevedono un grande dragone che fa bella mostra di sé sulla parte posteriore della calotta. Nelle colorazioni nero lucido e nero opaco lo Stealth è decisamente più discreto, ma in tutti i casi l’estetica oltre che dal grande spoiler aerodinamico è caratterizzata dalla particolare conformazione delle prese d’aria ricavate sulla mentoniera: quattro “baffi” protetti da belle griglie a nido d’ape che celano altrettante bocchette, regolabili tramite una pratica leva integrata nella mentoniera facilmente accessibile anche con i guanti. Molto belle anche le bocchette di estrazione laterali e posteriori, anch’esse protette da griglie a nido d’ape.

Estetica a parte lo Stealth si fa notare per i contenuti tecnologici. La calotta esterna è realizzata con la tecnologia Advanced Composite Fibre 2, che prevede l’impiego combinato di fibra di vetro e Kevlar. Viene prodotta in due differenti misure, che abbinate alla calotta interna in Eps a densità differenziata danno vita a un range di taglie che va dalla xxs alla xxl.

 


La visiera antigraffio e antiappannate è montata su un meccanismo a vista che fa tanto racing, denominato XQRS (Extra Quick Release System) e può essere rimossa in pochi secondi senza attrezzi. Interessante la possibilità di poterla mantenere aperta su ben 9 differenti posizioni e di poter recuperare facilmente eventuali giochi agendo sulle viti di registro. Il casco può montare differenti tipi di visiere, da quella chiara fornita di serie a quelle fumé, dalle colorate alle iridescenti disponibili addirittura nelle colorazioni oro e argento. Non è invece prevista la possibilità di applicare le visierine a strappo, che sono appannaggio dei caschi della linea Race.

Il sistema di aerazione adottato da Agv per lo Stealth è molto efficace. Le prese d’aria sulla mentoniera portano aria fresca sia al volto sia sulla parte interna della visiera, tramite le canalizzazioni ricavate in prossimità del piccolo paranaso fisso. Il risultato è ottimo e anche con gli occhiali non abbiamo riscontrato fenomeni di appannamento nemmeno guidando sotto la pioggia con temperature inferiori ai 10 gradi.

Ulteriori prese d’aria regolabili, anch’esse facilmente azionabili anche con i guanti invernali, sono presenti sulla parte frontale della calotta e attraverso le canalizzazioni interne portano aria fresca alla testa facendo contemporaneamente uscire quella calda dagli estrattori posteriori. Siamo certi che anche in presenza di temperature molto alte (noi non siamo riusciti a provarlo oltre i 24 gradi di temperatura esterna) il casco sia in grado di mantenere un’eccellente aerazione.


Gli interni in tessuto Dry Comfort con trattamento igienizzante, pur non essendo paragonabili a quelli dei caschi top di gamma, sono molto confortevoli e possono facilmente essere rimossi per facilitare le operazioni di pulizia (ad eccezione della parte inferiore del paranuca, realizzato in materiale traspirante). La rimozione avviene semplicemente  sganciando gli automatici che tengono in sede la cuffia e i guanciali, asportabili separatamente.

Il casco (nel nostro caso una taglia L) calza perfettamente trattenendo bene la testa senza stringere troppo sulle guance e sulla fronte. Pur essendo un modello adatto anche al turismo la connotazione spiccatamente sportiva emerge dall’impiego del cinturino a doppio anello, più scomodo rispetto a quelli a regolazione rapida ma anche il più sicuro in assoluto e l'unico omologato per andare in pista.

Lo Stealth viene prodotto in Cina, ma la qualità costruttiva è buona. I vari componenti sono assemblati con cura, comprese le guarnizioni e gli interni. Abbiamo solo evidenziato qualche piccola imprecisione nell’applicazione delle grafiche, specialmente in corrispondenza dello spoiler.

Lo Stealth costa 319 Euro Iva inclusa nella versione multi cromatica e 286 Euro Iva inclusa nelle versioni monocromatiche.


comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, Ŕ gratis!

Commento


Articoli precedenti su MotoCorse.com

<b>Il meglio di Misano a settembre e ottobre</b>

Il meglio di Misano a settembre e ottobre
in Giornate pista e corsi di guida

20 Passi con il Pompone

20 Passi con il Pompone
in Turismo - Motoraduni

Il prossimo week-end a Busca la terza del tricolore Supermoto

Il prossimo week-end a Busca la terza del tricolore Supermoto
in Offroad - Supermotard

Guanti Acerbis Summer MR1, MR2 e MR3

Guanti Acerbis Summer MR1, MR2 e MR3
in Abbigliamento moto