La Tecnica

Analisi della Yamaha FJR 1300 2001

Tratto da Superwheels 23 agosto 2001    Invia ad un amico


DUECENTOTRENTASETTE sono i chilogrammi dipeso che la Casa di lwata dichiara per la FJR. Pochi, se rapportati alla media delle supertourer, e pure vicini a quanto denunciato da molte sport-touring di cilindrata inferiore. Una dichiarazione d'intenti quella della leggerezza, che vale a ribadire quanto nella definizione del progetto siano state tenute in considerazione le qualità di guida.

Largo quindi alla lega d'alluminio, proprio come succede con le sportive pure: il propulsore èracchiuso in una struttura perimetrale, costituita da due travi di grande sezione che si allargano sino a formare una sorta di "conchiglia" che avviluppa il blocco cilindri. E' d'alluminio anche 11 forcellone, connesso a un monoammortizzatore mediante una bielletta ad azione progressiva.

Quest'ultimo è provvisto d'un sistema di regolazione rapida che agisce congiuntamente sul precarico e sull'idraulica; la regolazione si effettua per mezzo di una leva a due posizioni ("soft" oppure "hard"), facilmente raggiungibile sul fianco sinistro della moto.

La FJR eredita dalla sorella sportiva YZF R1 una parte dell'impianto frenante, come conferma il diametro dei dischi anteriori identico per i due modelli (298 mm di diametro); al retrotreno invece c'è un'unità di dimensioni inusitatamente abbondanti (286 mm di diametro), giustificata non solo dal maggior peso della FJR rispetto alla sorella sportiva, ma pure dalla differente distribuzione delle masse, soprattutto in assetto da viaggio (con borse coordinate e passeggero).

La gommatura "standardizzata" sulle misure attualmente più diffuse (120/70 anteriore e 180/55 posteriore, su cerchi di 17") garantisce, infine, le più ampie possibilità di scelta al momento della sostituzione. Di serie ci sono le Metzeler ME-Z4 in una versione - contraddistinta dalla lettera "8" per l'anteriore e dalla "J" per la posteriore - espressamente sviluppata per equipaggiare le sport-touring di elevata cubatura; rispetto alle standard ME-Z4 B/J presentano modifiche alla carcassa e hanno la spalla rinforzata.

pagina 1/2 Pag. successiva 
Ultime prove:
Yamaha XT1200Z Super Ténéré

Yamaha FZ8: terra di mezzo

Aprilia Dorsoduro 1200: esagerata!

Aprilia RSV4 Factory APRC SE. Incredibile.

BMW S1000RR: potenza accessibile

Harley-Davidson XR1200X Kit e ti diverti anche nel misto

Ducati Multistrada 1200S: la sportiva travestita.

Week Test: Yamaha X-MAX 250cc.

RR Enduro 2011... e brava Beta!

Triumph Sprint ST 1050: la Tourer molto Sport

Copyright © Nexus Web Services