La Tecnica

Honda: un motore molto longevo...

Rocco Fiorina 04 agosto 2004    Invia ad un amico


La vita dei motori non è in realtà così breve quanto si potrebbe credere. Anche i motori nascono nella mente di imprenditori e progettisti, crescono con prove e affinamenti magari sui campi di gara, raggiungono l'età della maturità e poi la vecchiaia. Alcuni -quelli che hanno avuto una vita significativa- finiscono nei musei. Spesso quando nascono godono degli onori della ribalta come motori da competizione e li si vede sui giornali. Con il passare del tempo equipaggiano le moto di serie e magari prima di essere dismessi le classiche.

Il motore più longevo? E' tutt'ora in vita, anzi gode di ottima salute. Era il 1958 quando un imprenditore giapponese tra i tanti del dopoguerra lo mise in produzione: la moto era il Super Cub 100 Honda.

Negli anni '50 il mercato giapponese richiedeva motori economici e robusti per rispondere alle esigenze di mobilità di una nazione la cui economia stava ripartendo in fretta. I due tempi erano svantaggiati per i consumi elevati e anche Honda dovette affrettarsi ad affiancare alla sua prima moto di serie, la Dream tipo D con motore 100cc una nuova moto a quattro tempi, la Dream tipo E con cilindrata 150: nel 1951 rappresentava lo stato dell'arte tra i motori motociclistici grazie alla distribuzione a valvole in testa, quando tutti i concorrenti offrivano motori a valvole laterali derivati dalle macchine agricole.

Questa moto che già aveva in sé il seme del successo Honda -la fiducia nelle soluzioni tecnologiche più ardite- fu quella che diede la svolta alla storia della Casa, proiettandola grazie alle cospique vendite verso un florido futuro.

Spinto dal successo commerciale della Dream E nasce qualche anno dopo il nuovo motore ancora più avanzato tecnologicamente: alla fine degli anni '50 quando la norma erano le aste e i bilancieri il Cub 100 adottava la distribuzione monoalbero in testa con comando a catena ed aveva il layout di un motore moderno. Monocilindrico orizzontale raffreddato ad aria, distribuzione a due valvole monoalbero, lubrificazione a carter umido e frizione multidisco.

Ad oggi pare che il Cub abbia raggiunto nelle varie versioni e cilindrate quota 30 milioni di veicoli venduti e fa impressione pensare che nella sua lunga carriera abbia visto sfilare i vari Guzzino, Stornello, tutte le MV e le Gilera...

pagina 1/2 Pag. successiva 
Ultime prove:
Yamaha XT1200Z Super Ténéré

Yamaha FZ8: terra di mezzo

Aprilia Dorsoduro 1200: esagerata!

Aprilia RSV4 Factory APRC SE. Incredibile.

BMW S1000RR: potenza accessibile

Harley-Davidson XR1200X Kit e ti diverti anche nel misto

Ducati Multistrada 1200S: la sportiva travestita.

Week Test: Yamaha X-MAX 250cc.

RR Enduro 2011... e brava Beta!

Triumph Sprint ST 1050: la Tourer molto Sport

Copyright © Nexus Web Services