Piloti e protagonisti

Claudio Lusuardi

12 aprile 2006    Invia ad un amico


Claudio Lusuardi è nato a Modena il 30 Dicembre 1949.

1967
Partecipa alla sua prima gara a Milano Marittima con una Itom 50cc.

Lo stesso anno inizia a lavorare presso l'officina dei Fratelli Villa, Francesco e Walter.

Le prime moto su cui fa esperienza sono le moto da corsa della Ducati e della Mondial, in seguito  i fratelli Villa iniziano a produrre moto con il proprio nome. Claudio comincia quindi a costruire moto anziché semplicemente ripararle.

1969
Debutta nelle gare di regolarità con Motom ma poi predilige le gare di velocità con una Derbi 50.

1971
Partecipa al Campionato Italiano Cadetti con una Moto Villa.

1972
Debutto nel Campionato Mondiale, prima nella classe 50, poi nella 125 e 250.

1974
Vince il Campionato Italiano in sella alla Villa 50.











1975
Vince nuovamente il Campionato Italiano ma questa volta con la spagnola Derbi.

1977
Apre la prima officina di sua proprietà.
Partecita al Campionato Mondiale con una moto che, essendo allestita e messa a punto da lui, si sente giustamente in diritto di battezzare "Lusuardi".

1978
Claudio Lusuardi e Walter Villa si uniscono alla Nolan che si sta impegnando sul fronte di tre classi: nella 50 con la Bultaco ufficiale, nella 125 con la Morbidelli e nella 250 con delle Harley-Davidson che il Team Nolan ha rilevato dal reparto corse di Varese.

Per i test dei due campioni viene appositamente riaperto l'Autodromo di Modena, chiuso 2 anni prima.

A causa della lunga chiusura è stato necessario un grosso lavoro di pulitura della pista.







1980
Angel Nieto vince il campionato spagnolo con una moto dal telaio in alluminio realizzato da Claudio Lusuardi.

Con lo stesso telaio Benjamin Grali si classifica secondo.



















1983
Dopo aver vinto 5 Campionati Italiani e 2 terzi posti nel Campionato Mondiale, si ritira dalla carriera di pilota per dedicarsi esclusivamente alla costruzione e preparazione di moto.


1984
Diventa responsabile tecnico del Team Italia della FMI e contribuisce alla realizzazione della moto da 80cc con la quale Luca Cadalora debutta nel Campionato Europeo.

1985
Con la stessa moto Bruno Casanova vince il Campionato Italiano e arriva secondo nel Campionato Europeo.

1986
Si ritira dal Team Italia ed inizia la carriera di commerciante e riparatore.













1991
Viene chiamato da Claudio Castiglioni a dirigere il Team Lucky Explorer Cagiva nel Campionato Italiano Sport Production.
Vincerà il titolo l'anno dopo con Roberto Bellei.

1994
Vince nuovamente il Campionato Italiano Sport Production con, l'allora sconosciuto, Valentino Rossi alla guida di una Cagiva Mito 125.

1998
In quel periodo Cagiva e Ducati appartenevano a Claudio Castiglioni che gli offre l'attività di Concessionario Ducati.
Abbandona così definitivamente il mondo delle corse.

pagina 1/1
Ultime prove:
Yamaha XT1200Z Super Ténéré

Yamaha FZ8: terra di mezzo

Aprilia Dorsoduro 1200: esagerata!

Aprilia RSV4 Factory APRC SE. Incredibile.

BMW S1000RR: potenza accessibile

Harley-Davidson XR1200X Kit e ti diverti anche nel misto

Ducati Multistrada 1200S: la sportiva travestita.

Week Test: Yamaha X-MAX 250cc.

RR Enduro 2011... e brava Beta!

Triumph Sprint ST 1050: la Tourer molto Sport

Copyright © Nexus Web Services